Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro del 07/12/2003 - a.s. 03/04
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 07/12/2003
scaffali

Sommario
Manifestazioni contro
di Gianni Mereghetti
Come sarebbe, Mereghetti?
di Isa Cuoghi
Salvare la scuola primaria è ancora possibile
di Maestri e riforma
No all'offerta formativa Miur
di 126° Circolo Didattico Roma
La prima volta di Gisella
di Francesco Mele
Il rappresentante lo sa
di Antonio Limonciello
Il Campione
di Emanuela Cerutti
“Il Riformista” e i riformisti: la miseria della politica
di Giuseppe Aragno
Non confondiamo le carte in tavola
di Grazia Perrone
Cronaca di un fallimento
di Luigi Giacco
Tra commi e commenti
di Anna Pizzuti
Come in un gigantesco caleidoscopio...
di Aldo Ettore Quagliozzi
Firmerà Ciampi?
di Vittorio Delmoro
Se la guerra è chiamata pace
di Costanzo Preve
Crocefisso e laicità
di Scuola e Costituzione
La Balilla nera che rapiva gli Ebrei
di Rolando A. Borzetti


Manifestazioni contro
di Gianni Mereghetti

E’ giusto che chi non condivide questa riforma vi manifesti contro, anche se non so quanto questo possa influire positivamente sul cambiamento della scuola, ma non è giusto che lo si faccia sventolando notizie palesemente false.

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Come sarebbe, Mereghetti?
di Isa Cuoghi

Come sarebbe, sono palesemente false le ragioni per cui si manifesta il proprio dissenso alla Riforma e al finanziamento alle private?La riforma abroga la legge che istituisce il tempo pieno, cancella l'orario e le compresenze degli insegnanti, istituisce una gerarchia tra i docenti e le discipline, toglie il tempo mensa ai docenti.E che lo chiamino ancora tempo pieno è UN FALSO !!



Salvare la scuola primaria è ancora possibile
di Maestri e riforma

Un gruppo di insegnanti di vari ordini di scuole ha elaborato questo documento di critica alla Riforma, da inviare ai destinatari precisati nel testo. Stiamo accompagnando il testo con una raccolta di firme che testimonino quanto queste idee siano condivise dai colleghi.


No all'offerta formativa Miur
di 126° Circolo Didattico Roma

Il Collegio dei docenti nella seduta odierna, dedicata all’argomento “offerta formativa MIUR e-learning” delibera che la seguente mozione, approvata all’unanimità, venga inviata al MIUR, diffusa presso altre scuole del territorio, pubblicata sul sito del 126° Circolo e sugli organi di stampa.



La prima volta di Gisella
di Francesco Mele

Per Gisella quella di Roma è la prima manifestazione ed è orgogliosa di aver deciso di essere qui, ognuno di noi lo è, anche per quelli che non hanno potuto esserci. Il pullman del ritorno ci ritrova stanchi ma ancora frizzanti di emozioni...


Il rappresentante lo sa
di Antonio Limonciello

Il ministro si scrive i decreti, fornisce anche l'interpretazione autentica, non aspetta il parere della Commissione parlamentare e pubblicizza su tutti media, convoca le case editrici e detta loro cosa devono contenere i nuovi testi, di quante pagine max devono essere costituiti, l'oscillazione dei prezzi, il peso dei volumi, ecc...e noi?



Il Campione
di Emanuela Cerutti

Riceviamo in Redazione la segnalazione di un intervento apparso sul "Riformista" del 20 novembre ultimo scorso.
La firma è di Vittorio Campione, esperto di sistemi educativi ed ex-segretario dell'allora ministro Berlinguer, oggi assunto a notorietà come sostenitore delle pratche bipartisan.
[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


“Il Riformista” e i riformisti: la miseria della politica
di Giuseppe Aragno

Se la qualità più richiesta – e meglio pagata - in un giornalista è la capacità di disinformare, non puoi meravigliarti che certa cartastraccia trovi modo di passare per stampa. Destra, sinistra o centro, va bene comunque. “Il Riformista” o “La Padania”, ognuno ha i suoi campioni.

[ leggi (3 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Non confondiamo le carte in tavola
di Grazia Perrone

Sostiene il Presidente dell'Associazione Docenti Cattolici che la Gilda discrimina i docenti di religione. Risponde il Coordinatore Gilda di Milano che la legge pone paletti precisi. E la legge non può non essere uguale per tutti. Il suo rispetto non significa discriminazione.



Cronaca di un fallimento
di Luigi Giacco

Con l’ennesima passerella di Ministri si conclude a Roma l’Anno Europeo dedicato ai disabili. E’ tempo di chiedersi come il nostro Paese ha risposto a questo fondamentale appuntamento internazionale e verificare quanto avvenuto nei principali settori di intervento.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Tra commi e commenti
di Anna Pizzuti

La conclusione ottimistica del MIUR commentante il decreto - di che vi preoccupate, le ore saranno 40 - necessita di paletti e puntelli nei commi e commenti precedenti, altrimenti rimane costruita su tutta una serie di eventualità e probabilità, che la rendono fortemente aleatoria.




Come in un gigantesco caleidoscopio...
di Aldo Ettore Quagliozzi

Mille impressioni cangianti e sorprendentiemergono per chi, europeo o cittadino del mondo, volga il suo mirabile strumento verso il cielo di questo Paese, l’Italia. E ciò che ne viene agli osservatori stranieri ed la loro occhio critico, seppur sempre benevolo, di certo non rende colori sfavillanti e fantasmagoriche immagini, bensì nebbie.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Firmerà Ciampi?
di Vittorio Delmoro

Ci trioviamo di fronte ad uno scenario incontestabile, oggettivamente incontestabile : la legge fa un plateale favore al predominio mediatico di Berlusconi, eliminando ogni velleità di pluralismo; proprio quello ricercato dal Presidente Ciampi.

[ leggi (5 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Se la guerra è chiamata pace
di Costanzo Preve

L’appoggio alla resistenza irachena non ha solo un carattere di zona geopolitica medio-orientale, ma è una causa veramente mondiale. E’ qualcosa di simile all’appoggio al Vietnam 1965 o al Cile 1973, ma se è possibile è ancora più importante e non certo per proporre assurde e stupide classifiche, ma per sottolineare un elemento storico decisivo.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Crocefisso e laicità
di Scuola e Costituzione

A proposito dell'esposizione del crocifisso nelle scuole, ancora una volta si è deciso di non decidere.
Al di là delle motivazioni tecniche del Tribunale dell'Aquila, dal quale ci saremmo piuttosto aspettati un rinvio alla Corte Costituzionale, si deve mettere in rilievo che questo è un comportamento costante ogni qualvolta vi sia un'iniziativa politica o giudiziaria su temi, prassi e comportamenti che tocchino la libertà di coscienza, l'uguaglianza dei cittadini, quali che siano le loro convinzioni, la laicità dello Stato.



La Balilla nera che rapiva gli Ebrei
di Rolando A. Borzetti

Ma a proposito di Salò, voglio dire con schiettezza due cose. La maggioranza dei giovani schierati con la Rsi non si arruolò certo per dare la caccia agli ebrei. E l'infamia dello sterminio non può farci chiudere gli occhi di fronte alla pesantezza delle vendette compiute sui fascisti sconfitti dopo il nostro 25 aprile.



 

Brevi di cronaca

CESSATE IL FUOCO!

La corte dei miracoli
Ruggiero Pinto - 06-12-2003
Un miracolo sta avvenendo sotto i nostri occhi nelle scuole italiane: il miracolo della quadratura del cerchio, della conciliazione degli opposti, della botte piena e la moglie ubriaca. E gli artefici di questo miracolo sono i presidi dell’ANP, che hanno generato un vero e proprio mito, al quale affidare la palingenesi della scuola italiana: l’insegnante di alta qualità.
[ leggi ][ commenta
Futuro minore
Il Manifesto - 06-12-2003
Sessantamila minori stranieri non si avvicinano neppure alla scuola. Va ricordato che uno dei meriti della scuola pubblica è che essa risponde piuttosto bene alla spinta egualitaria. Più delle altre istituzioni collettive, la scuola pubblica è accogliente. Bambini e bambine sono accolti nelle scuole quando ancora le scuole non sanno se i loro genitori sono o meno regolari, sono o meno clandestini, hanno diritti di soggiorno, sono cittadini di prima classe oppure paria che si devono nascondere. Questi sessantamila bambini e bambine mancanti sono una grave sconfitta, ma non per la scuola o non solo per essa che non è riuscita ad assicurarseli. Quella sconfitta è la democrazia, la tanto decantata democrazia italiana.
[ leggi ][ commenta
Istituti Tecnici e Professionali nelle Intese regionali
Scuolaoggi - 05-12-2003
Nei mesi scorsi sono state sottoscritte Intese regionali tra MIUR e Regioni per assicurare, sulla base di un Accordo Quadro del giugno scorso, un'offerta formativa per gli studenti, licenziati dalla Scuola Media, potenziali "evasori" del diritto dovere all'istruzione e formazione. E ciò a motivo della abrogazione della L. 9/2000 sull'obbligo scolastico.
Il senso di questo contributo è quello di vedere quale posto vi hanno gli Istituti Tecnici (IT) e Professionali (IP), cosa tendono a prefigurare queste Intese e, quindi, se e quale idea di riforma sottendono.
[ leggi ][ commenta
Primo decreto attuativo: lo stallo continua
Tuttoscuola - 04-11-2003
L'iter del primo decreto attuativo della legge di delega di riforma della scuola, approvato in prima lettura dal Governo il 12 settembre, segna il passo. Uno snodo importante per l'approvazione e' il parere della Conferenza Unificata Stato-Regioni-citta' e autonomie locali, che pero' continua a slittare. Il ministro per i rapporti con le Regioni La Loggia, facendosi interprete dell'urgenza di definire il parere nel tempo piu' breve ha chiesto e ottenuto che la riunione della Conferenza, gia' prevista per il 18 dicembre, fosse anticipata al 10 dicembre.
[ leggi ][ commenta
Quello sciopero del '95...
Il Manifesto - 02-12-2003
Il 15 novembre del `95, l'allora primo ministro gollista Alain Juppé presenta un «piano di salvataggio della Sécurité sociale», che comporta tagli e riduzione del servizio pubblico. La Francia è paralizzata per circa un mese. Stupisce che la popolazione non protesti. Per spiegare questo fenomeno, si parlò allora di «sciopero per procura»: i dipendenti del settore privato, che avevano subito senza protestare troppo una riforma delle pensioni penalizzante con il governo di Edouard Balladur ('93-'95), accettano o addirittura simpatizzano con lo sciopero dei dipendenti pubblici, che possono ancora permettersi di protestare.
[ leggi ][ commenta
Il tempo dei dinosauri
Scuola Oggi - 02-11-2003
E' in atto, da qualche tempo, un'operazione politica e culturale (o pseudoculturale?) tesa a dimostrare che una "riduzione" del tempo scuola, un "ritrarsi" della scuola (e dello Stato in particolare) dall'educazione, è un fatto non solo opportuno o necessario ma soprattutto in linea con gli sviluppi della società tecnologica, con la modernizzazione, la flessibilità e magari le nuove teorie dell'apprendimento e della conoscenza.
[ leggi ][ commenta
Ma la scuola si rititra?
Massimo Nutini - 01-12-2003
Intervento svolto da Massimo Nutini, responsabile della Commissione scuola Anci nazionale, in occasione di un incontro milanese sul primo decreto attuativo della legge di riforma n. 53, alla presenza di Giuseppe Bertagna, Direttore CISEM.
" La storia della scuola in Italia testimonia che gli enti locali sono, da sempre, partecipi alle trasformazioni del sistema educativo e, non di rado, animatori di innovazioni e riforme di questo sistema.
Mi pare utile ricordare, in questa sede, due esperienze che introducono, in realtà, il contributo che intendo portare con questo intervento. (M.N.)

[ leggi ][ commenta


Tam Tam

A P P E L L O
PER LA VALORIZZAZIONE
DEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI


Chiediamo che venga rilanciato e sostenuto nei fatti
quel processo di innovazione
in grado di coniugare l’autonomia delle scuole
con l’unitarietà del sistema nazionale
che guarda l’Europa
e che sia coerente con la Costituzione Italiana
( art. 33 comma 2 )
e con l’equivalenza formativa dei diversi percorsi.

LEGGI L' ARTICOLO

Angelica, Samar e il teatro dei miracoli
Amici di Lazzaro - 06-12-2003
 storie 
BETANIA (Cisgiordania) - A dividere il piccolo teatro di kibbutz dalla casa d'accoglienza di Betania ci sono molti chilometri d'autostrada, il lago di Tiberiade, poi la valle del Giordano. E i cecchini. E il muro di Sharon. E i doppi giochi di Arafat. E i checkpoint che ingabbiano la Cisgiordania. E l' odio della seconda Intifada. E, alla fine, la Storia con la esse maiuscola.
Angelica e Samar sono riuscite ad attraversare tutto questo con un abbraccio che dura da due anni.
[ leggi ][ commenta
Un ponte di fiabe
Sabina Eleonori - 05-12-2003
 incontri 


In occasione dell’apertura del ciclo di incontri
"dialoghi sull’identità" Franca Eckert Coen - Delegata del Sindaco di Roma per la Multietnicità, è lieta di rivolgervi un invito.

[ leggi ][ commenta
E ora il «lodo Gasparri»
Rolando A: Borzetti - 04-12-2003
 opinione 
Dopo aver risolto il suo primo problema (i processi) ottenendo l'impunità con il «lodo Schifani», ora passa a occuparsi del suo secondo problema (le tv). Con la legge Gasparri, che lascia a Berlusconi tutte le sue reti e anzi gli permette di crescere ancora. Ai danni della Rai e della stampa.
[ leggi ][ commenta
Libera la documentazione dei corsi ForTIC
Petition on line - 03-12-2003
 software libero 
Egregio Signor Ministro, Quello che i firmatari di questa petizione intendono chiederLe con la presente è il rilascio dei materiali utilizzati per la formazione informatica degli insegnanti sotto una licenza d'uso GNU FDL o Creative Commons, che renda possibile la redistribuzione e la modifica, in maniera simile a quello che accade per il software libero. Questo permetterebbe una maggiore diffusione di questo materiale formativo, la sua personalizzazione e conseguentemente una maggiore formazione da parte di tutti i cittadini italiani, non solo dei docenti iscritti ai corsi ForTIC.

[ leggi ][ commenta
Pensare il mondo
Georg Maag - 02-12-2003
 libri 
Un corso di filosofia "per bambini" che va da Talete fino agli Stoici; traccia la vita dei singoli filosofi e spiega, approfondendo con giochi e inviti a discussioni, il pensiero di ciascuno di essi. Per stile e difficolta il libro è adatto ad un pubblico di giovani lettori a partire dal secondo ciclo delle elementari, ma, a quanto sembra, non conosce limiti d'età, ed interessa anche chi non ha mai studiato la filosofia presocratica o chi non se la ricorda più...
[ leggi ][ commenta
Il ponte dei diritti 2003
Lila - 01-12-2003
 comunicato 
Lila CEDIUS (Centro per i Diritti Umani e la Salute pubblica) crede che la salute, prima di tutto, sia un diritto inalienabile e ha così deciso di legare alla data del 1° dicembre, Giornata Mondiale di Lotta all’AIDS, quella del 10 dicembre, la Giornata Mondiale dei Diritti Umani. L’associazione presenta per il 2003 la seconda edizione de “Il Ponte dei Diritti”: attorno alle date del 1° e del 10 dicembre l’associazione si impegna nel promuovere messaggi di solidarietà e corretta informazione. Inoltre organizza momenti e occasioni di raccolta fondi per i progetti di intervento dell’associazione.
[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Coordinamento Nazionale Bibliotecari Scolastici
Se sei bibliotecaria/o, se pensi che l'art. 35 della Finanziaria 2003 sia una profonda ingiustizia, se ritieni che il tuo lavoro debba essere valorizzato, se vuoi condividere con altri la tua esperienza, aderisci!
Progetto Babele
Chi siamo? Questa é una bella domanda, ce lo chiediamo anche noi, a volte, diciamo che siamo un gruppo di amici, alcuni impantanati (ognuno per ragioni sue) lontano da casa, altri con una gran voglia di partire. Tutti, comunque, appassionati lettori e, occasionalmente, anche un po' scrittori.
Musica araba
Introduzione alla teoria delle scale e forme strumentali arabe a cura di di M. Abdelhak Ouardi, tradotta da Joanne Maria Pini
Ragazzi on line
C'è un insegnante, di nome Giuseppe Tizza, che cerca di dialogare con i ragazzi di cui si occupa da una trentina di anni. E ci sono i ragazzi di cui si occupa, che hanno dai 10 ai 15 anni, abitano e studiano a Düsseldorf, ma hanno origini italiane...
Programma DidatticOOo
Un'iniziativa del Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org (PLIO) per la diffusione del Software Libero nelle scuole e biblioteche italiane, indirizzata a: insegnanti e responsabili didattici degli istituti scolastici di ogni ordine e grado, responsabili dei sistemi bibliotecari, genitori e studenti, ogni altra persona interessata alla libera diffusione delle tecnologie informatiche.
f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rubrica intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze.
Questa newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia collaborare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo fuoriregistro@didaweb.net e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Redazione: Emanuela Cerutti, Anna Pizzuti, Marino Bocchi, Giuseppe Aragno. Sito: Maurizio Guercio. - È una iniziativa DIDAweb

  Newsletter precedente Newsletter successiva