Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro del 09/11/2003 - a.s. 03/04
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 09/11/2003
scaffali

Sommario
Una ricchezza e un ruolo storico da non disperdere
di Fuoriregistro
Mozione per la laicità nella scuola
di Mauro Romanelli
Laicismo e crocifissi
di Salvatore Camaioni
La scuola e le fedi
di Gianni Mereghetti
All'ITC nessun Crocifisso nelle aule
di Paolo Mesolella
Documenti laici e cattolici, 150 anni di lotte
di Grazia Perrone
La parità scolastica
di Alba Sasso
Brocca for President (?)
di Vittorio Delmoro
Tutta mia la città...
di Elio Arnone
Cronache dirigenziali
di Grazia Perrone
Quali iscrizioni per quale scuola?
di Gianni Gandola
E' tempo di proporre e di pretendere...
di Ilaria Ricciotti
Brigate rosse e dinosauri
di Vincenzo Andraous
Banditen
di Giuseppe Aragno
Quattro novembre
di Alessandro Marescotti
Ricordando le guerre
di ilaria ricciotti


Una ricchezza e un ruolo storico da non disperdere
di Fuoriregistro

A P P E L L O
PER LA VALORIZZAZIONE
DEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI


Chiediamo che venga rilanciato e sostenuto nei fatti quel processo di innovazione in grado di coniugare l’autonomia delle scuole con l’unitarietà del sistema nazionale che guarda l’Europa e che sia coerente con la Costituzione Italiana ( art. 33 comma 2 ) e con l’equivalenza formativa dei diversi percorsi.
Solo investendo nella qualità dell’istruzione, che comprende l’articolazione dei percorsi e non la loro separazione, è possibile garantire a tutti, anche ai ragazzi in difficoltà, quegli obiettivi di formazione culturale necessari per essere cittadini.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Mozione per la laicità nella scuola
di Mauro Romanelli

E' necessario fare un'azione democratica preventiva,
sollecitando l'approvazione in ogni classe
(soprattutto per quelle in cui il crocifisso non è
ancora esposto) di un ordine del giorno o di una
raccolta di firme per la laicità della scuola e contro
ogni integralismo e confessionalismo.




Laicismo e crocifissi
di Salvatore Camaioni

Pochi, anche a livello istituzionale, hanno sentito il bisogno di esplorare e commentare i profili tecnici dell'ordinanza del giudice Montanaro, attaccato spesso senza ritegno e, quel ch'è peggio, senza cognizione di causa. E' quindi opportuno spiegarne i contenuti tecnici.



La scuola e le fedi
di Gianni Mereghetti

Barbiellini Amidei in un articolo sul Corriere della Sera dal titolo "La scuola e le fedi” propone una questione interessante, quella della funzione che ha la scuola nel promuovere un rapporto di reciproca stima tra fedeli di diverse religioni.




All'ITC nessun Crocifisso nelle aule
di Paolo Mesolella

Ma la cosa non fa nessuno scandalo. E non si scandalizza nessuno. La Croce non c’è, non per scelta , né per l’ordinanza di un magistrato. Semplicemente perché manca.



Documenti laici e cattolici, 150 anni di lotte
di Grazia Perrone

Nello studio commissionato (nel gergo del Senato: "affare assegnato") dal Presidente Mancino al senatore Guido Brignone, scorre quasi un secolo e mezzo di storia italiana, vista attraverso i rapporti tra lo Stato italiano e la Santa Sede, in materia di insegnamento della religione cattolica.



La parità scolastica
di Alba Sasso

La questione è questa: signor rappresentante del Governo, le scuole legalmente riconosciute sono sedi di esami di stato. Sono allora paritarie o private? Ci preoccupa questo ritardo come un'altra questione, ovvero che non vi sia una verifica costante delle scuole che hanno richiesto la parità e che spesso non hanno più le condizioni e i titoli per avere quella parità.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Brocca for President (?)
di Vittorio Delmoro

Deciderete voi alla fine se togliere o lasciare l’interrogativo. Mi riferisco infatti alla notizia di Tuttoscuola relativa ad un intervento di Beniamino Brocca al recentissimo convegno dell’UDC sulla scuola e in attesa che qualche anima buona possa reperire l’intervento stesso e metterlo in rete, mi arrischio ad un paio di interpretazioni.

[ leggi (4 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Tutta mia la città...
di Elio Arnone

Finalmente il lungo viaggio di ritorno al paese natio stava per finire, mi lasciavo dietro il grigio piovigginoso di fabbriche melanconiche per rituffarmi nel sole di spiagge accoglienti.



Cronache dirigenziali
di Grazia Perrone

Chei "dirimanager per decreto legislativo" siano interessati a rimanere nel medesimo posto "vita natural durante" è, umanamente, comprensibile. Comprendo un po' meno le ragioni di chi - specie a Sinistra e nel Sindacato - ne sostengono le tesi e le ... "lotte". O sarebbe più corretto chiamarle ... pretese?


Quali iscrizioni per quale scuola?
di Gianni Gandola

. Comincia a diffondersi tra i dirigenti scolastici una certa preoccupazione perché non è chiaro quali modelli organizzativi decolleranno a settembre, con l'avvio del prossimo anno scolastico, in attuazione della legge di riforma n.53/2003.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


E' tempo di proporre e di pretendere...
di Ilaria Ricciotti

Ogg penso che si possa proporre ai sindacati ed al governo, che naviga in cattive acque, di far sì che coloro che non accettano aumenti salariali e che non aderiscono per questo allo sciopero, non ricevano di conseguenza nessun aumento.



Brigate rosse e dinosauri
di Vincenzo Andraous

Da giorni le televisioni ed i quotidiani ci inondano di immagini, di notizie, ci informano degli avvenuti arresti e della soluzione dei casi D’Antona e Biagi.
Le Brigate Rosse sono nuovamente pancia a terra, le prime linee al gabbio, le bocche di fuoco finalmente spente. Ma di quali Brigate Rosse si tratta?



Banditen
di Giuseppe Aragno

Ciò che stiamo perdendo in questi anni non è il senso dello stato. No. Quello che stiamo perdendo è il senso del ridicolo. E’ talvolta il primo segnale d’una catastrofe.

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Quattro novembre
di Alessandro Marescotti

Raccontare la verita' della guerra, risvegliare le coscienze e' un impresa anche per chi non e' regista ma educatore di pace: padre Ernesto Balducci viene incarcerato e don Lorenzo Milani sottoposto a processo per aver sostenuto il diritto ad agire secondo coscienza di fronte a una guerra ingiusta. Appena trent'anni fa. La prima guerra mondiale, con i suoi falsi miti e le sue vere tragedie, e' rimasta un tabu', un'ingombrante scheletro nell'armadio della storia e dei governi.



Ricordando le guerre
di ilaria ricciotti

4 Novembre,
ricordo di guerre,
ricordo di morti.
La storia si ripete...
Ferite e sangue
continuano la loro corsa
come un fiume in piena.
Numerosi i caduti.
Perchè?



 

Brevi di cronaca
Basta
Il Manifesto - 08-11-2003
Consiglierei di raffreddare gli spiriti. Di rivedere qualche strumento retorico e qualche analisi del presente. Anche qualche album di famiglia, ognuno ha il suo. Il mio mi ha insegnato che vivo in un sistema inumano e alienante. Che la minore violenza contro un sistema violento è quella dei grandi movimenti di massa, dei sussulti storici raziocinanti. Che il conflitto sociale è una cosa seria, non si gioca fra individui né con gesti simbolici. Non apprezzo perciò chi fa l'autocritica anche per mio conto e in consonanza con i governi.
[ leggi ][ commenta
Interrogazione dei Verdi
Mauro Romanelli - 07-11-2003
La Moratti acquista migliaia di crocifissi da imporre
a forza in tutte le aule scolastiche?
"Saremmo veramente al ridicolo - commentano il
responsabile scuola dei Verdi Mauro Romanelli e il
sen. Cortiana (l’autore dell'interrogazione) -: il
Governo sfrutta l'ondata emotiva della vicenda di
Ofena per ritornare indietro di ottant'anni e imporre
con la forza simboli religiosi dentro istituzioni
laiche e di tutti, come la scuola pubblica".
[ leggi ][ commenta
Tempo pieno: effetti speciali del Miur?
Scuola Oggi - 06-11-2003
Nuovo colpo di scena nella telenovela “Tempo Pieno sì, Tempo Pieno no”. Dopo che perfino Il Sole24ore, autorevole organo della Confindustria, come ScuolaOggi ha fedelmente riportato, aveva scritto della prossima inevitabile scomparsa del Tempo Pieno, adesso, dopo mesi di estenuanti dibattiti congetture illazioni, ecc. ecco che il MIUR “interpreta se stesso”.
Nel sito del Ministero infatti è comparso il testo dello schema del decreto legislativo con il “commento”, passo per passo, dei vari commi dei vari articoli.
[ leggi ][ commenta
Anticipazione Dossier Caritas immigrazione
Vita.it - 05-11-2003
Affermare che l'Italia è un paese di immigrazione in un mondo di migranti può sembrare una banalità e, invece, costituisce in gran parte una consapevolezza da acquisire. Il dibattito che si è svolto sull'immigrazione in Italia è stato secondo la Caritas e la Fondazione Migrantes in buona misura refrattario a questa grande posta in gioco, perché non sempre ha colto la dimensione strutturale del fenomeno.
[ leggi ][ commenta
Lettera senza risposta al Ministro Moratti
Retescuole - 04-11-2003
Caro Ministro,
sono un'insegnante elementare di Palermo. Da dieci anni lavoro in scuole difficili, di quelle riconosciute come "scuole situate in aree a rischio".
Prima del '94 ho fatto esperienze di volontariato sempre in situazioni di disagio, quindi ho maturato una certa esperienza in virtù della quale ho delle cose da dire e ritengo che non sia giusto tacerle così come non sarebbe giusto non ascoltarle.

[ leggi ][ commenta
L'UDC e Brocca
Tuttoscuola - 03-11-2003
C'era il ministro Moratti e la dirigenza del MIUR, sindacalisti, giornalisti ed esperti ad ascoltare Beniamino Brocca lo scorso venerdi' 30 ottobre a palazzo Marini, vicino a Palazzo Chigi. “Noi ci fidiamo del ministro Moratti” e della sua capacita' di farsi carico delle nostre esigenze e proposte, ha detto Brocca, a conclusione della sua relazione: ma gli accordi raggiunti in sede politica devono poi essere rispettati, e non aggirati nell'esercizio delle deleghe contenute nella legge n. 53/2003, o con espedienti di tipo amministrativo.
[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Giuseppe Aragno
RIFLESSIONI SULLA STORIA

Nello Speciale La linea del tempo


Se Ingres ha posto ordine alla quiete
io vorrei porre ordine al movimento
(Paul Klee)
Il Diritto del Sogno
info@versiliadanza.it - 08-11-2003
 teatro 
Sigismondo è il giovane protagonista di un antico racconto – La vita è sogno di Calderon - il quale si accorge che per capire i suoi diritti, è stato necessario sognarli. Nessuno aveva voluto dirglieli, nessuno aveva trovato il modo per spiegarglieli. Era anzi stato tenuto imprigionato e nell’ignoranza. Solo sognando ha scoperto i suoi diritti. Poi però capisce anche un’altra cosa: bisogna svegliarsi per avere quei diritti, e darsi da fare, lottare, perché non c’è nessuno che saprà conquistarli e difenderli meglio del diretto interessato.
[ leggi ][ commenta
Il Copyleft come
www.attivista.com - 07-11-2003
 software libero 
Dobbiamo considerare ogni essere umano non come un "consumatore" ma come un "produttore", non come un lavoratore passivo ma come un soggetto capace di apportare un contributo.
Le legislazioni attuali si muovono nella direzione opposta: esse costituiscono uno scudo capace di tutelare esclusivamente i grandi interessi e i grandi capitali.
[ leggi ][ commenta
Il Giorgione
Kataweb.it - 06-11-2003
 arte 
Se si considera che neppure una potenza come Palazzo Grassi è riuscita a realizzare una monografica sul Giorgione, vittima di alcuni rifiuti di opere fondamentali, si apprezza maggiormente questa esposizione che riunisce nove delle 25 opere riconosciute con certezza di Zorzi da Castelfranco, vale a dire, statistica bruta, ma efficace, il 36 per cento del corpus dell’artista considerato fra i più affascinanti per qualità (e più misteriosi per gli scarsi documenti e la difficoltà di “lettura” dei dipinti, caratteristica che ne aumenta il fascino).
[ leggi ][ commenta
Accendi la tv, va in onda la parolaccia
Il Messaggero - 05-11-2003
 espressioni 
Insomma, l’italiano è oggi (specie in alcune città) la lingua in cui il “vaffa...” suona. Chi ci ha portati fin qui? Un’indagine di Eta Meta Research, resa nota ieri, induce il sospetto che anche in questo campo la causa sia stata la “cattiva maestra televisione”. Ogni ventuno minuti, spiega la ricerca, da trasmissioni televisive di ogni genere viene sparata sul pubblico una parolaccia o un gestaccio.
[ leggi ][ commenta
Mediare e prevenire nella scuola
Punto di fuga - 04-11-2003
 comunicato 
La scuola è certamente luogo di socializzazione per eccellenza, luogo di crescita e di formazione primario per la personalità degli adolescenti. La scuola, però, è anche luogo di conflitto e necessita di mediazione. E di mediazione scolastica tratta “Mediare e prevenire nella scuola”, una delle ultime proposte editoriali della Punto di Fuga editore.
[ leggi ][ commenta
Attenti, quella vetrina parla
La Repubblica - 03-11-2003
 pianeta 
Ormai è quasi Natale e per quest'anno dovremmo scampare il pericolo; ma già dalle prossime Feste sarà probabile fare shopping tra vetrine che sussurrano, pareti che emettono suoni, ammiccanti manichini che propinano consigli promozionali.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
DiaNE: "Dialogo con la Nuova Europa"
L'Unione europea vive oggi una fase storica: la Convenzione ha elaborato una proposta di Costituzione europea, su cui si deve pronunciare la Conferenza intergovernativa; dal 1° maggio 2004 entrano a far parte dell'Unione dieci nuovi Paesi. Come informare i cittadini, e soprattutto i giovani, sulla nuova Europa che sta prendendo forma? DiaNE ci prova.
Dossier Cecenia
L'associazione PeaceLink, in occasione della visita italiana di Vladimir Putin, ha messo a disposizione su internet un 'libro nero' di 68 pagine per denunciare “i crimini di guerra, le violazioni dei diritti umani e le fosse comuni della Cecenia”. Nell'estate del 2000, Carlo Gubitosa, segretario dell'associazione, ha visitato la Cecenia e i campi profughi dell'Inguscezia, realizzando un dossier che oggi viene riproposto in una versione approfondita e attualizzata fino alle recenti elezioni politiche che si sono svolte in Cecenia il 5 ottobre scorso.
f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rubrica intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze.
Questa newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia collaborare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo fuoriregistro@didaweb.net e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Redazione: Emanuela Cerutti, Anna Pizzuti, Marino Bocchi, Giuseppe Aragno. Sito: Maurizio Guercio. - È una iniziativa DIDAweb

  Newsletter precedente Newsletter successiva