Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro del 15/12/2002 - a.s. 02/03
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 15/12/2002
scaffali

Sommario
Risoluzione sull'insegnamento della storia
di Osvaldo Roman
A proposito di oggettività e di rigore scientifico: confronti
di Fuoriregistro
La storia. Ma c’è poi da fidarsi?
di Giuseppe Aragno
La libertà d’insegnamento non si tocca
di Cgil scuola no censura
La storia, la scuola, il potere
di Alberto Biuso
Per il bene della storia
di Gianni Mereghetti
IO NON RINUNCIO ALLA MEMORIA
di Coordinamento
Se non ora...quando?
di Sandra Coronella
Sulla devolution dell'istruzione
di Eufemia Giambelluca
Sciopero alla giapponese? No grazie!
di Gabriele Attilio Turci
Diciotto ore: quanto costano?
di Riccardo Ghinelli
L'ultima sponda
di Raffaele Ciuffreda
Dieci Dicembre 2002
di Comunità di Gaggio
Diritti umani...
di Roberto Del Bianco
Con gli occhi dei ragazzi
di Anna Pizzuti
Sepolcri imbiancati
di Vincenzo Andraous
Filodiretto
di Scaffali
LA STORIA DEL VILLAGGIO GIOCONDO
di Milos e tutti gli altri
A Mizar e Alcor...
di Naila
Chi siamo?
di Pino Tizza
Eva e Prometeo
di Anna Pizzuti

FUORIREGISTROchiude per ... feste!

La newsletter sospende temporaneamente l'appuntamento settimanale: torneremo tra le vostre mail il 5 gennaio
ma lo spazio web continuerà a funzionare regolarmente,
riportando puntualmente contributi, eventi, commenti e novità.
Non ci piacciono i bilanci, ma siamo contenti della vostra collaborazione,
nel leggerci, scriverci, diffonderci, farci nuove proposte, esprimere critiche e consensi.
Il vostro esserci dà senso e prospettiva al nostro lavoro.
Così, insieme agli auguri, abbiamo deciso di farvi un vero regalo: vero quanto le immagini e le parole possono essere, e libero, come la rete ci promette e ci insegna.
Secondo la miglior tradizione trattasi di sorpresa, quindi..nessuna anticipazione…
…a voi SCOPRIRLO!
La Redazione

Risoluzione sull'insegnamento della storia
di Osvaldo Roman

La vergognosa vicenda della risoluzione della "Casa della libertà" sulla questione dei libri di insegnamento della storia potrebbe solo fare sorridere se non fosse questione di maggioranza parlamentare.


A proposito di oggettività e di rigore scientifico: confronti
di Fuoriregistro

"Dovremmo tornare tutti a scuola per approfondire la nostra conoscenza della storia: non a quella scuola in cui la storia e le altre materie ci venivano insegnate in modo alquanto poco interessante e inadeguato, alla scuola della vita. Dovremmo studiare la storia riflettendo sugli eventi del passato e su quelli attuali, sulle loro cause ed effetti"


La storia. Ma c’è poi da fidarsi?
di Giuseppe Aragno

D’accordo. I tempi sono quelli che sono. Ma consentite signori: voi credete davvero che cambiando i libri, cambierete la storia?


La libertà d’insegnamento non si tocca
di Cgil scuola no censura

Occorre che si alzi alta e forte la voce di quanti, al di là degli schieramenti politici, richiamandosi anche a valori liberali, ispira pensiero e azione ai principi di democrazia e di libertà.




La storia, la scuola, il potere
di Alberto Biuso

Bisogna ammettere un limite riconosciuto in pratica dagli storici di qualunque tendenza: la storia non è e non potrà mai essere una scienza esatta e quindi l’interpretazione assume in essa una funzione centrale e ineliminabile.


Per il bene della storia
di Gianni Mereghetti

E' vero che nella scuola italiana vi sono numerosi libri di testo faziosi, ma la commissione Cultura della Camera ha scelto il modo peggiore di affrontare la questione. Infatti non è con il controllo del governo che si eliminano le storture di un insegnamento che è tra i più delicati, ma promovendo una reale libertà di insegnamento e una altrettanto reale libertà di scelta della scuola.


IO NON RINUNCIO ALLA MEMORIA
di Coordinamento

Oggi come ieri, riaffermiamo la nostra volontà di non dimenticare, di non rinunciare al bene comune della memoria. Siamo convinti che il ricordo costituisca il mezzo più efficace per contrastare la tendenza a banalizzare e a rimuovere dalla coscienza civile taluni nodi cruciali del secolo appena trascorso.
Tra le questioni più emblematiche e significative vanno segnalate la Shoah e la Resistenza.
La necessità di ricordare è un nostro diritto e un nostro dovere.


Se non ora...quando?
di Sandra Coronella

Durante un incendio nella foresta, mentre tutti gli animali fuggivano, un colibrì volava in senso contrario con una goccia d'acqua nel becco.
"Cosa credi di fare!" Gli chiese il leone.
"Vado a spegnere l'incendio!" Rispose il piccolo volatile.
"Con una goccia d'acqua?" Disse il leone con un sogghigno di irrisione.
Ed il colibrì, proseguendo il volo, rispose: "Io faccio la mia parte!"



Sulla devolution dell'istruzione
di Eufemia Giambelluca

Pur essendo tutti profondamente convinti che la salvaguardia dei valori e delle tradizioni locali sia necessaria, come insegnanti e come educatori, siamo allarmati dalle prevedibili ricadute che la devolution della scuola avrà sulla formazione dei cittadini e quindi sulla nostra società.


Sciopero alla giapponese? No grazie!
di Gabriele Attilio Turci

La proposta che alcuni docenti di area liberal-cattolica del I° Circolo Didattico di Forlì vanno diffusamente propagandando, sia sui media, che in ambito di assemblee sindacali, riguardo il presunto superamento storico dell'arma dello sciopero, è un segnale grave ed allarmante di quanto la falsa coscienza del potere ha decisamente avviluppato anche soggetti avanzati del ceto medio.


Diciotto ore: quanto costano?
di Riccardo Ghinelli

Sembra quasi un gioco di prestigio: lo Stato risparmia, ma a spese delle Scuole, che dovranno sottrarre risorse probabilmente a progetti educativi o all’aggiornamento degli insegnanti.
Certamente il Ministro Moratti (e ancor più Tremonti) sanno qual'è il risparmio consentito dalle cattedre a diciotto ore, ma forse non hanno preso in considerazione qual'è il loro “costo” in termini di qualità della Scuola.



L'ultima sponda
di Raffaele Ciuffreda

L'idea di scuola che conosciamo e condividiamo è quella in cui lo studio sia finalizzato alla formazione di cittadini che sappiano stabilire rapporti costruttivi con gli altri senza omologarsi, sappiano raggiungere l'autonomia personale, non solo come insieme di capacità intellettuali ma, anche, come costruzione di valori su cui fondare la vita individuale e sociale, e che sappiano operare non per fini individuali egoistici ed utilitaristici ma per migliorare l'intera società.



Dieci Dicembre 2002
di Comunità di Gaggio

Uno dei nomi della pace è silenzio: quello con cui si ascolta, si accoglie: ci si ascolta, ci si accoglie: perché l'altro nome indissociabile del primo è condivisione di quello che si è e che si ha
( avendo dimenticato - per fiducia e non per smemoratezza le differenze dell'alterità e della lontananza), scoprendo lo stupore e l'allegria delle diversità che entrano in comunicazione.



Diritti umani...
di Roberto Del Bianco

..è bello scoprire,nonostante tutto, che dal profondo di tanti di noi il cuore è ancora capace di risuonare alla frequenza intima delle grandi aspirazioni e delle grandi sfide dell'uomo: pace, giustizia, lavoro e dignità per tutti.


Con gli occhi dei ragazzi
di Anna Pizzuti

Ho cercato, nelle classi, i ragazzi che hanno il padre, o un parente o un amico che lavora alla Fiat di Cassino. Non sono numerosi – evidentemente il territorio di Sora non è stato molto interessata, a suo tempo, dal miracolo Fiat – ma qualcuno l’ho trovato.


Sepolcri imbiancati
di Vincenzo Andraous

Quando una persona muore tragicamente e, peggio, in solitudine, non ci sono soluzioni esaustive o convincenti per far sì che quanto accaduto non si ripeta, ma almeno si può tentare di chiamare con il suo nome quella assenza che ha causato il danno: in questo caso l’attenzione.


Filodiretto
di Scaffali

La sezione Scaffali di Fuoriregistro attiva con oggi una nuova area:



Uno spazio di dibattito aperto insieme agli autori che ci hanno messo a disposizione i loro libri e le loro storie: pagine in cui è possibile intervenire liberamente, porre domande, leggere ed esprimere pareri, commentare e criticare, per intrecciare fili di pensiero in una comune ricerca comunicativa.




LA STORIA DEL VILLAGGIO GIOCONDO
di Milos e tutti gli altri

Noi tra poco siamo in vacanza e stiamo bene: ci saranno dei giorni di festa e di allegria. Però sappiamo che altri bambine e altre bambine sono più tristi e fanno fatica perchè sono successe cose brutte come un terremoto che quando arriva distrugge tutto. E ci dispiace.
Vogliamo mandare a loro dei regali, ma anche una storia. Le storie sono belle e fanno sognare a occhi aperti: succede anche a noi quando le ascoltiamo.
Quando si sogna si è felici.




A Mizar e Alcor...
di Naila

E cos’era un desiderio, adesso, per lei? Un tempo sarebbe stato qualcosa per cui lottare, ma ora in lei ogni cosa si era spenta.
Forse per scelta, forse per caso, aveva preso la strada sbagliata, abbandonando il proprio mondo di certezze e semplicità per affidarsi ad una vita infelice, squallida, malvagia.




Chi siamo?
di Pino Tizza

C'è un insegnante che cerca di dialogare con i ragazzi di cui si occupa da una trentina di anni.
E ci sono i ragazzi di cui si occupa, che abitano e studiano a Düsseldorf, ma hanno origini italiane.
Da quando ci sono i computer e internet ihanno, insieme, dato vita ad un dialogo più vivace e più proficuo. I risultati sono quelle storie che potete leggere.




Eva e Prometeo
di Anna Pizzuti

Scrivere è svelarsi e nascondersi insieme. Come dietro una nuvola. La scrittura è anche trasposizione di sé. In altre forme. Perciò questo titiolo. Perciò questo incontro.



 

Brevi di cronaca
Verso la pena di morte
L'Unità - 14-12-2002
Li hanno fatti salire sull'aereo per Damasco con la forza, dopo averli trattenuti per cinque giorni a Malpensa, senza ascoltare o verificare in qualche modo il loro disperato grido di dolore, la loro terribile storia di perseguitati politici tale da essere costretti a fugggire dalla Siria ed andare in esilio in Iraq.
[ leggi ][ commenta
Una ragionevole proposta
Centro di ricerca per la pace - 14-12-2002
Una lettera aperta al Presidente della Commissione Europea. "Assuma l'iniziativa di evidenziare la primazia del diritto di asilo, e di proporre quindi conseguenti misure concrete in difesa ed a promozione del diritto di asilo, questo principio di civilta' giuridica senza il riconoscimento e l'inveramento del quale la stessa Dichiarazione universale dei diritti umani e' resa carta straccia, e soltanto trionfa l'egoismo piu' feroce e solipsistico, e si condannano innumerevoli esseri umani alla
disperazione e alla morte.

[ leggi ][ commenta
Ricorso accolto
Valore Scuola - 13-12-2002
In data odierna il TAR della Lombardia ha accolto il ricorso presentato dalla CGIL scuola, assistita dall’Avvocato Marco Maffuccini, del Foro di Milano, con il quale si chiedeva di sospendere gli effetti della Convenzione sottoscritta dal Centro di Formazione Professionale del Comune di Pavia e dall’Istituto Professionale Cossa di Pavia, in attuazione dell’intesa Moratti-Formigoni del Giugno 2002.
[ leggi ][ commenta
Il Diritto al Lavoro dei disabili
Ds online - 12-12-2002
Il Governo e la maggioranza confermano in Aula l'articolo 2 del decreto legge 236 e bloccano per un anno la piena attuazione della legge sul collocamento dei disabili. Questo provvedimento non è soltanto un
decreto-legge , bensi esso contiene alcune norme di estrema gravita, che possono assumere un rilievo notevole per alcune categorie di cittadini particolarmente svantaggiati
[ leggi ][ commenta
La partecipazione dei bambini
Unicef - 12-12-2002
Senza il convinto coinvolgimento e impegno dei bambini e delle bambine nessun progetto per l’infanzia e l’adolescenza può sperare di funzionare, di essere efficace. Nonostante siano stati fatti dei passi avanti, il mondo non ha finora fatto granché per i suoi figli: proviamo allora ad ascoltarli, innanzitutto”.

[ leggi ][ commenta
Controguida Universitaria
Collettivo Studenti di Giurisprudenza in Lotta di Napoli - 12-12-2002
Dal momento che la Guida ufficiale 2002/2003 uscirà tra un bel po', e poiché per esperienza personale sappiamo bene quanto poco riesca a dissolvere i
dubbi (e quanto invece ne crei di nuovi), in questo opuscolo ci proponiamo di rispondere a queste domande. In pratica cercheremo di mostrarti l'Università e la Riforma attraverso gli occhi degli studenti (cioè di coloro che la Riforma l'hanno subita, non di quelli che l'hanno imposta!)

[ leggi ][ commenta
Sui libri di storia
Repubblica on line - 11-12-2002
Il ministero vigilerà sull'insegnamento della storia. Non sul programma didattico, ma sulla faziosità dei testi su cui studieranno gli alunni. La storia, soprattutto quella contemporanea, dovrà essere insegnata "secondo criteri oggettivi rispettosi della verità storica", attraverso "l'utilizzo di testi di assoluto rigore scientifico che tengano conto di tutte le correnti culturali e di pensiero". Questo è quanto prevede una risoluzione di Forza Italia, vincolante per il governo, approvata dalla commissione Cultura della Camera.

[ leggi ][ commenta
Ideologia e controllo sociale
Liberazione - 11-12-2002
Nella società globale le diverse filiere del controllo non svolgono solo un ruolo di contenimento o repressione, con sempre maggiore frequenza partecipano a costruire gerarchie e codici di cittadinanza, riscrivendo le regole fondamentali della partecipazione democratica, come mostra la vera "guerra" in nome della sicurezza scatenata ovunque, in Europa come negli Usa, contro i migranti.
[ leggi ][ commenta
Niente più tassa sulla solidarietà
Democratici di sinistra - Terzo settore - 10-12-2002
La Commissione Bilancio del Senato ha cancellato il Comma 17 dell’articolo 19 della legge Finanziaria che rappresentava un pesante attacco all’associazionismo e al diritto di associarsi.
Il Comma prevedeva che la quota che le associazioni e i circoli versano alle associazioni nazionali di riferimento venisse versata anche ai Comuni introducendo, di fatto, una tassa sulla libera quota associativa. Una vera e propria tassa sulla solidarietà.
[ leggi ][ commenta
Un appello
Centro di ricerca per la pace di Viterbo - 10-12-2002
Con la scelta della nonviolenza sempre piu' l'intera umanita' si unira' alla nostra lotta affinche' tutti i diritti umani siano riconosciuti a tutti gli
esseri umani.
Con la scelta della nonviolenza si salvano le vite umane anziche' distruggerle, e si disarmano gli armati.


[ leggi ][ commenta
Anticipi: cosa succedera' per il prossimo anno?
Tuttoscuola - 09-12-2002
Mancano poche settimane all'apertura delle iscrizioni per l'anno scolastico 2003-2004, prevista a gennaio. E con le iscrizioni ritorna il ritornello: anticipo si', o anticipo no? A quale modello di scuola
ci si potra' iscrivere, alla nuova scuola della Moratti o a quella attuale?
[ leggi ][ commenta
Reddito minimo di inserimento
Redattore Sociale - 09-12-2002
Il reddito minimo d'inserimento non si tocca: "I risultati sono positivi ed è uno strumento vero per combattere la povertà e l’esclusione sociale". il Governo sta sferrando un attacco fortissimo nei confronti dello stato sociale, in particolare verso la qualità dei servizi, perché si vuole aprire un’autostrada verso la privatizzazione. Così salta l’uguaglianza dei diritti di cittadinanza: per chi non ha interviene lo Stato nella solita vecchia logica dell’assistenza compassionevole
[ leggi ][ commenta
Scuola privata, polemiche sul bonus
La Repubblica - 08-12-2002
Novanta milioni di euro che permetteranno di detrarre dalla dichiarazione dei redditi le rette pagate alle scuole non statali. L´emendamento approvato nella notte di sabato dalla Commissione Bilancio del Senato non accontenta nessuno. Il provvedimento approderà con la Finanziaria martedì in aula
[ leggi ][ commenta
Collegi solidali contro la repressione
Il Piccolo - 08-12-2002
La contestazione pacifica contro il ministro Moratti degenerata nella violenza quando alcuni ragazzi sono stati fatti uscire a forza dalla polizia.
Studenti picchiati, «così li si allontana dalle istituzioni»
Docenti di Oberdan e Galilei stigmatizzano i fatti di Udine: «Forme sproporzionate di repressione».
«Il pluralismo delle idee, anche se si esprime nel dissenso, purché pacifico, è uno dei valori fondamentali nel processo di formazione dei giovani»

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
L' ISLAM
Francesco di Lorenzo - 14-12-2002
 botta e risposta 
L’Islam è stato spesso associato, specialmente in televisione, ad immagini di violenza. Presentato così l’Islam appare una religione i cui fedeli subito ricorrono alla violenza per difendere le loro convinzioni e per imporre la loro volontà.
In realtà i musulmani vantano una tradizione fatta di pacifismo quanto i buddisti e i cristiani. In un’epoca di notizie amplificate e urlate, sono ingigantiti gli atti di minoranze “rumorose”, l’aggressività di pochi, mentre si tende a minimizzare la pacatezza della maggioranza.

[ leggi ][ commenta
APPELLO PER UNO SCIOPERO UNITARIO
Elisabetta Romano - 14-12-2002
 comunicato 
Solo la mobilitazione unitaria di tutti i sindacati,
gli/le insegnanti, i genitori e l''intera popolazione
può fermare questo progetto di distruzione della scuola pubblica.
[ leggi ][ commenta
Uomini e topi
Itaca - 13-12-2002
 storie 
E mentre i libri dei licei si accingono a superare gli esami di conformità pretesi da Forza Italia «affinchè la storia contemporanea sia insegnata secondo criteri oggettivi rispettosi della verità storica», il belpaese conosce un'altro piccolo guizzo di barbarie. Ad Agrigento. Dove esiste uno dei tre centri siciliani di permanenza temporanea per gli extracomunitari
[ leggi ][ commenta
Petizione Insegnanti Madrelingua
Giuseppe Tizza - 12-12-2002
 messaggio 
per diffondere una buona conoscenza delle lingue europee fra i cittadini dell'Unione, ad insegnare le lingue straniere dovrebbero essere degli insegnanti madrelingua che abbiano seguito un apposito corso di studi e che conoscano anche la lingua madre degli alunni.
[ leggi ][ commenta
L'Orologiaio matto 2003
Casapace - 11-12-2002
 proposta 
I testi e le illustrazioni del calendario di quest'anno presentano i risultati di una ricerca sulla storia dei calendari e della misura del tempo nelle diverse culture e religioni: un tema di grande interesse, raccontato con rigore
scientifico e fantasia dai bambini di diverse culture e dai loro insegnanti.

[ leggi ][ commenta
Blog è una parolaccia ?
Splinder - 11-12-2002
 espressioni 
Blog è una parola misteriosa in cui mi sono imbattuta nelle mie peregrinazioni nella rete. Curiosa come sono, ho cercato di capire che cosa significasse questo termine inglese, io che di inglese ne mastico pochino, giusto quel po' che mi serve per non perdermi nel web e capire ilsenso di ciò che c'è scritto nelle pagine che mi compaiono sullo schermo.
[ leggi ][ commenta
Letters against war
Tiziano Terzani - 10-12-2002
 libri 
Dalla mezzanotte del 10 Dicembre 2002, in concomitanza con la partecipazione di Terzani alla fiaccolata per la pace di Firenze, è possibile scaricare gratuitamente il libro in lingua inglese, respinto dagli editori americani e britannici forse perché considerato "scomodo".
[ leggi ][ commenta
54° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell'Uomo
Rolando A. Borzetti - 10-12-2002
 espressioni 
Per la cooperazione e il dialogo tra i popoli e le nazioni, contro il terrorismo, la violenza e la guerra. Perché il 10 dicembre non sia una commemorazione retorica e accademica
Per il diritto al dissenso, alla progettazione di un mondo diverso

[ leggi ][ commenta
Municipi baschi
Salvatore Amura - 10-12-2002
 messaggio 
" Non c'è nulla di più inumano dell' animo umano" con queste parole Loren Arkotxa sindaco del municipio di Ondarroa, Ondarroako Udala in lingua Heuskera , ci descrive cio che il popolo basco, il popolo degli Euskaldun di
chi cioè parla la lingua basca,ha subito nei decenni passati ed è costretto a subire ancora oggi.

[ leggi ][ commenta
KUMA'
Edizioni Interculturali - 09-12-2002
 libri 
In lingua bambàra, una popolazione dell'Africa occidentale, che vuol dire "Parola". I libri di questa collana intendono dare le parole a scrittori di tutti i mondi che hanno deciso di migrare verso la scrittura in italiano e a scrittori di tutti i mondi ovunque stranieri e a casa. Le parole sono anche quelle di vari generi delle Lettere (le Humane Litterae dei nostri antenati latini, che stabilirono il concerto mentale della Humanitas)
[ leggi ][ commenta
VIRUS
Lila Nazionale - 08-12-2002
 comunicato 
Un opuscolo che offende i giovani ai quali si rivolge etichettandoli implicitamente come dissoluti e superficiali, offende le persone sieropositive etichettandole come persone che se la sono cercata e prive di valori "alti", offende le associazioni di lotta all'AIDS rinnegando e sconfermando tutto il loro lavoro svolto sino ad oggi e offende chi fino ad oggi ha lavorato nella ricerca volta a mettere a fuoco le evidenze scientifiche su cui si dovrebbero basare i programmi di prevenzione.
[ leggi ][ commenta
La scuola deve cambiare
Le Monde diplomatique - 08-12-2002
 libri 
Gli autori di questo piccolo libro non amano «il clima di omologazione e di proposte urlate nella loro apparente certezza» dei nostri giorni, preferiscono l'analisi disincantata, l'esplorazione delle possibili soluzioni, l'«ascolto accurato di numerose istanze e voci diverse».

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Compagnia del Serraglio
Nata a Riccione (dove tuttora risiede) nel 1994 dall’incontro di attori, tecnici, registi e scrittori provenienti da diverse esperienze teatrali e differenti scuole di formazione accumunati dal gusto per un teatro ironico e surreale, si occupa anche anche di teatro per ragazzi, con un progetto di letture e animazioni, e curando, in collaborazione con molte scuo! le, laboratori didattici.
Thatsart
Mensile sugli eventi d'arte in Italia.
Biblioteca del Mediterraneo
Una mostra itinerante di libri per ragazzi il cui obiettivo è quello di proporre e sperimentare oggi una "via delle storie", attarverso percorsi e temi di lettura che possono diventare elementi di unione e di cerniera tra le diversità culturali dei Paesi del Mediterraneo. I punti di riferimento del nostro viaggio sono la pedagogia multiculturale e la metodologia didattica dei personaggi ponte, delle narrazioni e delle immagini che sono in relazione tra le diverse culture.
f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rubrica intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze.
Questa newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia collaborare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo fuoriregistro@didaweb.net e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Redazione: Emanuela Cerutti. Sito: Maurizio Guercio. - È una iniziativa DIDAweb
Il Didaweb non è responsabile della pubblicità inserita alla fine delle news. Abbiamo dovuto accettare di utilizzare i servizi di distribuzione della Domeus, responsabile dell'inserzione, perché non siamo in grado di sostenere le rilevanti spese di un server di posta Didaweb adeguato. la redazione didaweb.

  Newsletter precedente Newsletter successiva