Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 20 - a.s. 09/10
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 21/02/2010
raccontiscaffali

Sommario

DENTRO LA SCUOLA

I cappottini dell'ingiustizia

di Claudia Fanti
Il governo conferma la volontà di affossare la scuola pubblica
di ScuolaOggi
Berlusconi o propaganda contro
di Giuseppe Aragno
L'EdA è morta e Ida non sta molto bene ...
di Valerio Pensabene
Come possono i giovani diventare veri cittadini senza studiare il Diritto?
di Amanda Cossovel

ORIZZONTI

I figli del Grande fratello

di Laura Alberico
Uno di loro
di Gianfranco Pignatelli
E' la droga il maggiore distruttore di identità
di Vincenzo Andraous
Lavorare meno per lavorare tutti e vivere meglio
di Lucio Garofalo


I cappottini dell'ingiustizia
di Claudia Fanti

...Noi viaggiamo sempre e costantemente al ritmo dell'autocorrezione, mentre chi detiene il potere percorre la strada dell'arroganza, dei tagli alla scuola statale, del totale disinteresse verso i figli comuni di gente comune...
Quei bambini e quelle bambine con i loro cappottini dentro le aule fredde sembrano sfortunati e indifesi, eppure cresceranno in modo tale che nulla li fermerà come successe un giorno non troppo lontano ai nostri nonni e alle nostre nonne ormai defunti: decisero di alzare la testa dopo tanto penare, molti di loro autodidatti, arrabbiati, confusi, eppure consci che la loro umanità, i loro corpi avevano diritto a un senso, e quel senso glielo diedero essi stessi con la resistenza, con l'orgoglio, con la potenza del loro pensiero che si fece politica alta e applicata a una nuova società...



Il governo conferma la volontà di affossare la scuola pubblica
di ScuolaOggi

La scorsa settimana il Governo ha dato risposta ad un'interrogazione parlamentare presentata in Commissione in data 13 gennaio 2010 e ad un 'interpellanza urgente illustrata in aula l'11 febbraio 2010, ambedue elaborate dal Gruppo PD della Commissione Cultura della Camera.
Entrambi gli atti esprimono precise osservazioni e fondate preoccupazioni in merito ai pesanti tagli apportati ai fondi destinati alla pubblica istruzione e alle gravi riduzioni di risorse finanziarie comunicate dalla circolare n. 9537 del 14 dicembre 2009 a ciascun istituto scolastico per la predisposizione del programma annuale relativo all'anno 2010, circolare con la quale tra l'altro, vengono fornite indicazioni normative contabili di bilancio vincolanti per gli stessi istituti scolastici.



Berlusconi o propaganda contro
di Giuseppe Aragno

La scuola pubblica affonda e, prima del "che fare?", occorrerà per un momento chiedersi il perché. Prima dei "numeri" e della loro analisi, il contesto ideologico. E, per favore, nessun sorriso scettico. C'è, esiste. Al di là dello sbandierato rifiuto delle "ideologie", è sotto i nostri occhi. La riduzione pregiudiziale a "ciarpame ideologico" dei valori di riferimento su cui trovò fondamento l'edificio repubblicano nella transizione dal fascismo alla Repubblica è il brodo di coltura da cui nasce la "democrazia autoritaria": il rifiuto delle ideologie è, di per sé, un'ideologia e, a ben vedere, la peggiore di tutte, perché non criminalizza la degenerazione di principi ideali nella loro realizzazione concreta - questa sì, a rigor di logica, ideologica - ma pone sotto accusa direttamente i principi.


L'EdA è morta e Ida non sta molto bene ...
di Valerio Pensabene

Da quando il Ministero dell'istruzione ha deciso di sostituire all' Educazione (degli adulti) l'istruzione (degli adulti) senza nessun fondamento epistemologico e contro ogni sensato principio pedagogico, il settore annaspa nell'incertezza più assoluta.
Gli operatori, che peraltro continuano con la solita abnegazione a svolgere il loro lavoro faticoso e disagiato, hanno visto sfilacciarsi progressivamente il tessuto di un sistema che è abortito poco dopo l'annuncio della sua gestazione...



Come possono i giovani diventare veri cittadini senza studiare il Diritto?
di Amanda Cossovel

Trovo davvero incomprensibile e deprimente questo silenzio dei media, nessuno escluso a parte quale sito internet del settore, in merito della riduzione degli insegnamenti del diritto e dell'economia nella scuola superiore italiana.
L'opinione pubblica in questi giorni si è concentrata sui tagli orari subiti da altre discipline ma si sta ignorando, mi chiedo se volutamente, il destino subito dalle materie giuridico-economiche che, in seguito alla riforma Gelmini, saranno insegnate solamente nei bienni delle scuole tecniche e professionali e in alcuni trienni delle medesime scuole, mentre fino ad oggi in quasi tutti i trienni degli isituti tecnici tali insegnamenti non erano mai stati eliminati.



I figli del Grande fratello
di Laura Alberico

Ad uso e consumo la televisione ci offre ogni anno lo spettacolo del Grande fratello. L'occhio indiscreto della telecamera cattura e amplifica le "naturali" attitudini dei partecipanti: esternazioni e imprecazioni, discussioni e aggressività a buon mercato. E ogni anno lo scenario diventa più greve e inutile nella sua totale mancanza di stimoli positivi per il pubblico giovane, abituato ormai ad assorbire modelli e copioni da riprodurre inconsapevolmente nella vita reale. Si parla spesso e forse troppo della preoccupante mancanza di valori dei giovani, della loro superficialità e aggressività senza ragione. Notizie che fanno scalpore ma che subito vengono messe nel dimenticatoio perchè dopo le parole mancano i fatti.



Uno di loro
di Gianfranco Pignatelli

In Italia protezione sa di racket e prostituzione, di pizzo e pizzi, cioè tangenti e merletti. Di organizzazioni che hanno poco di civile e tanto, ma proprio tanto, della piovra. Quella che infiltra tentacoli ovunque e arraffa tutto con le sue ventose. Ha l'attivismo degli avvoltoi, sempre pronti a sciacallare su ogni sventura nazionale. Duttile, tempestiva e spavalda quanto solo le mafie italiche sanno essere. Fa suo il modello imprenditoriale nostrano, quello parassitario che succhia soldi allo Stato e specula anche sulla caritatevole consuetudine all'obolo dei nostri connazionali.



E' la droga il maggiore distruttore di identità
di Vincenzo Andraous

...ma sul problema vero dell'uso e abuso, della accessibilità ad ogni angolo di strada, facciamo come gli struzzi, e affermiamo di non conoscerne il dramma, mentre ognuno di noi, adulti-genitori-educatori, potrebbe scrivere un trattato sul pericolo che ne deriva e affonda gli artigli sulla carne dei nostri figli.



Lavorare meno per lavorare tutti e vivere meglio
di Lucio Garofalo

Così come gli antichi greci si occupavano liberamente e amabilmente di politica, filosofia, poesia e belle arti, godendo dei piaceri concessi dalla vita, essendo esonerati dal lavoro manuale svolto dagli schiavi, parimenti gli uomini e le donne del mondo odierno potrebbero dedicarsi alle piacevoli attività del corpo e dello spirito, affrancandosi finalmente dal tempo di lavoro assegnato alle macchine e condotto grazie ai processi di automazione ed informatizzazione della produzione dei beni di consumo.



 

Brevi di cronaca
Scrive sul banco, arrestata a New York
La Stampa.it - 20-02-2010
È successo in una scuola pubblica. La bambina di 12 anni non ha scritto frasi volgari, né ha espresso odio. Solo queste parole: «Voglio bene ai miei amici Abby e Faith. Lex 2/1/10», scritte con un pennarello sul banco. Eppure l'hanno portata via in manette come una criminale. Vittima dell'incredibile episopdio Alexa Gonzalez, una studentessa di 12 anni di una scuola del Queens...

[ leggi ][ commenta
I posti liberi e vacanti vanno assegnati fino al 31 agosto.
Sindacato SAB - 18-02-2010
Il Tribunale di Brindisi conferma il diritto a sottoscrivere i contratti fino al 31 agosto invece del 30 giugno sui posti liberi e vacanti e condanna il MIUR e l'I.I.S.S. "C. Agostinelli " di Ceglie Messapica al pagamento delle spese di giudizio pari a euro 1.400,00.

[ leggi ][ commenta
Le scuole hanno ricevuto una circolare che smentisce la Gelmini
Stranieri in Italia - 16-02-2010
Secondo la circolare, come riferito da un'anticipazione dell'agenzia Ansa, nelle scuole del Lazio sara' fissato un tetto del 30% per l'iscrizione di tutti gli alunni stranieri, anche per quelli nati in Italia e per quelli che conoscono la lingua italiana ma figli di stranieri. Un provvedimento che interpreta in maniera restrittiva quanto previsto dal recente decreto del ministro Gelmini, che tende ad includere nel 30% gli alunni non nati in Italia e non ''italofoni''.

[ leggi ][ commenta
Scuola fallita
Presa Diretta Rai 3 - 15-02-2010
E' possibile garantire un'istruzione decente con i tagli? Lo stato deve alle scuole miliardi di euro di spese per il funzionamento ordinario. Gli inviati tornano accanto ai precari che hanno perso il lavoro, e ci spiegano i salti mortali di presidi e insegnanti per cercare di garantire ad ogni costo il funzionamento senza soldi per pagare manutenzioni, straordinari, supplenti.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Lidia Menapace: un anno al Senato
Fondazione Serughetti Bergamo - 20-02-2010
 proposta 

Lucido diario di fine legislatura

[ leggi ][ commenta
Un appello per la musica nei licei
Mario Piatti - 18-02-2010
 appelli 
Negli anni e mesi scorsi sono state fatte proposte e lanciati appelli perche "Musica" fosse inserita a pieno titolo nelle discipline obbligatorie dei piani di studio dei Licei. Proposte e appelli non sono stati ascoltati: Musica è tra le materie opzionali.
Alcune associazioni hanno lanciato un nuovo appello al Presidente della Repubblica per tentare l'impossibile.

[ leggi ][ commenta
Protezione Civile: la protesta contro Bertolaso e la sua SPA
Osservatorio civile - 16-02-2010
 sociale 
I giudici sanzioneranno le responsabilità penali, individuali, in capo a imprenditori, funzionari della Protezione civile e a Guido Bertolaso. Ma da subito si può e si deve discutere sulle responsabilità politiche.
Con la gestione di Guido Bertolaso la Protezione civile italiana è stata snaturata.

[ leggi ][ commenta
Università on line
Blog notizie - 15-02-2010
 software libero 
Il progetto MELA, una iniziativa nata all'interno del Dipartimento di Scienze dell'educazione dell'Università di Bologna per rendere la conoscenza disponibile online non solo agli studenti, è una sorta di laboratorio che porta l'università on line attraverso il sistema dell'e-learning: si producono audiovisivi che vengono distribuiti gratuitamente tramite i tre canali web dedicati alla ricerca, alla didattica, alla documentazione.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Blog Centro Formazione don Milani
Tra le varie l'esperienza del X Municipio di Roma: requisire le abitazioni vuote è difficile, anche e soprattutto perché decenni di connivenze hanno creato catene davvero difficili da spezzare, tuttavia, come si dice, la speranza...

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Fuoriregistro online
Direttore responsabile: Luciano Scateni
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva