Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 11 - a.s. 09/10
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 29/11/2009
raccontiscaffali

Sommario

QUALE SCUOLA?

Una scuola di base in cui si conti e si racconti veramente

di Maurizio Tiriticco
La scuola nuova: Morucci, Mughini e Rossi Doria
di Giuseppe Aragno
Come se...
di Francesco Di Lorenzo

AVVENIMENTI

Un piccolo paese in movimento

di Barbara Pianta Lopis
Le iniziative del Coordinamento nazionale dei docenti di Diritto e Economia
di Franco Labella

ORIZZONTI

Mano di Dio o mano di mariuolo?

di Giocondo Talamonti
La giustizia conquista di coscienza
di Vincenzo Andraous


Per impegni redazionali domenica prossima la news non verrà distribuita. Appuntamento tra quindici giorni e buon ponte!


Una scuola di base in cui si conti e si racconti veramente
di Maurizio Tiriticco

Quando la scorsa estate Ivano Dionigi, insigne latinista, è sceso in campo per essere eletto rettore dell'ateneo bolognese, mi sono augurato che ce la facesse, perché è ormai da alcuni anni che si adopera per ricucire quei due mondi che da sempre, almeno nell'immaginario nostrano, sono stati considerati ben distinti, quello classico letterario e quello matematico scientifico. In più scritti ho sempre tentato di dimostrare che non è così, o meglio che non è stato mai così, e che da una malintesa tradizione tardoromantica abbiamo cominciato a dividere due "culture" che, invece, nella tradizione europea hanno sempre marciato all'unisono!



La scuola nuova: Morucci, Mughini e Rossi Doria
di Giuseppe Aragno

A Roma, quando uccisero barbaramente un ragazzo inerme che non sapeva far male nemmeno a una mosca - l'allora sindaco Veltroni non volle sloggiare Casa Pound, perché - spiegò gelidamente alla madre del ragazzo - avrebbe dovuto fare altrettanto coi centri sociali. E non servì a nulla che, disperata, la donna replicasse che i ragazzi dei centri sociali non organizzano agguati, pestaggi e omicidi.
A Napoli la sindaca Iervolino, presa in mezzo tra vecchi squadristi ed ex "rivoluzionari da operetta, s'è aperta subito al dialogo, come fanno da tempo i "nominati" di Bersani. Va così ovunque: i neofascisti sprangano e accoltellano e, impassibili, vecchie e nuove reclute della "democrazia" fanno le fusa e sbandierano ai quattro venti le virtù terapeutiche del dialogo.
Non è un impazzimento. E' molto peggio. E' tolleranza di facciata, caccia agli scampoli di potere nella crisi di un sistema politico che, non a caso, vede nell'occhio del ciclone la Costituzione e quel sistema formativo che ne è una delle travi portanti.


Come se...
di Francesco Di Lorenzo

L'aria che si respira in giro non è delle migliori. Aria di assuefazione, in qualche modo. Forse dovuta principalmente alla mancanza di un progetto politico alternativo. In breve, non c'è 'nessuno' che dia forma e forza al disagio che pure si vive. Ma, questo è un altro discorso, forse. Sulla scuola, però, le mistificazioni passano, crescono e diventano abitudini mentali. I percorsi, tortuosi e profondi che prendono il via da una parte e arrivano a sposare idee e concetti della parte opposta, sono infiniti. Neanche si riesce più a ricavarne la genesi.



Un piccolo paese in movimento
di Barbara Pianta Lopis

Cimitile è un piccolo paese ai confini della provincia di Napoli. Circa 6/7000 abitanti e uno dei più importanti siti archeologi di chiese e arte paleocristiana. Tre plessi scolastici di scuola materna, elementare e media. Per le superiori bisogna spostarsi nei centri più grandi limitrofi (Nola e Cicciano).

La storia che vi vengo a raccontare vuole essere testimonianza di quanto anche i piccoli centri, dove notoriamente regna la tranquillità e la pace, comincino a dormire sonni poco tranquilli.



Le iniziative del Coordinamento nazionale dei docenti di Diritto e Economia
di Franco Labella

Lo scorso 24 novembre il Coordinamento è stato audito dalle Commissioni Cultura e Istruzione della Camera e del Senato nell'ambito del parere sui Regolamenti n. 132. 133, 134 sui Licei, tecnici e Professionali. Ha inoltre pubblicato un avviso a pagamento su un quotidiano nazionale...



Mano di Dio o mano di mariuolo?
di Giocondo Talamonti

La chiamano "mano de Dios", il gol segnato con la mano e decisivo per vincere un incontro con l'inganno. L'ipocrisia di scomodare l'Onnipotente per casi così banali (fra l'altro s'ignora se Lui sappia giocare al calcio, anche se gira voce che se la cavi in ogni disciplina), è invece tipicamente umana, in linea con la sua natura vigliacca e con i tentativi goffi di nascondere la vergogna.
A Maradona, una pari impresa riuscì perfettamente in un incontro mondiale contro l'Inghilterra, eliminandola, senza troppi travagli di coscienza. Anzi, se ne fece un vanto, sbandierando il gesto come sostenuto da una volontà superiore di ripristinare con l'equità sportiva, le diseguaglianze economiche, sociali, militari e nazionali (l'Argentina aveva appena perso la battaglia delle Falklands).



La giustizia conquista di coscienza
di Vincenzo Andraous

Quando si parla di carcere, di pena, di giustizia, in ballo non c'è soltanto l'equità degli uomini, la democrazia di un paese, la capacità della società di non cadere nell'oblio delle assenze, dell'indifferenza.
Il carcere è stracolmo di colpa, di dolore cieco, di corpi differenti, di linguaggi della memoria e delle relazioni ridotti all'ammasso.
Quanto più forte è uno Stato, più forte è il diritto di indignarsi di quanti non vedono riconosciuti i propri diritti: fare giustizia significa sanare una ferita, una lacerazione, costringendo il dolore a trasformarsi nella sofferenza, nella scoperta di essere meno indifesi e impreparati se esiste la possibilità concreta di affidarsi agli altri, a quegli altri che siamo noi.



 

Brevi di cronaca
La riforma della scuola. Un progetto confuso
Repubblica Napoli - 28-11-2009
L'iscrizione per il prossimo anno alla scuola superiore, come agli altri ordini di scuola, slitta dalla fine di gennaio alla fine di febbraio. La storia si ripete, monotona. Senza fantasia la motivazione: dare più tempo a scuole e famiglie di approfondire la conoscenza dei modelli di scuola riformata. Di nuovo la stessa bugia. In realtà, ancora una volta, si rinvia la data per attendere i regolamenti che permettano i cambiamenti.
[ leggi ][ commenta
Assunzioni obbligatorie e P.A.: chiarimenti
Ipsoa lavoro - 27-11-2009
Il Ministero del Lavoro chiarisce che l'assunzione delle categorie protette prevale sulla disciplina limitativa delle assunzioni nella P.A. prevista dal decreto anti-crisi. All'art. 17, comma 7 del D.L. n. 78/2009, convertito nella legge n. 102/2009 - cosiddetto decreto anti-crisi - è stato disciplinato il blocco delle assunzioni nelle amministrazioni dello Stato e negli Enti pubblici non economici.

[ leggi ][ commenta
Educazione fisica: primi effetti della riforma Gelmini nella scuola media
C.A.P.D.I. - 26-11-2009
Per gli studenti si è ridotta l'offerta formativa proprio in una delle poche discipline pratiche. Per quanto riguarda l'organico in pratica ogni 3 cattedre di TP se ne è persa una. Un'ulteriore riduzione dei posti di lavoro è determinata dalla riduzione delle classi per l'aumento del numero degli alunni.
[ leggi ][ commenta
In materia di mobilità annuale interprovinciale
Sindacatosab.it - 25-11-2009
In materia di mobilità annuale interprovinciale dei docenti, la precedenza per l'appartenenza a ruolo in esubero deve sussistere anche sull'organico di fatto.
[ leggi ][ commenta
Unità sindacale
Iuniscuola - 24-11-2009
Lo IUniScuola invita le rappresentanze sindacali ad attivarsi nelle scuole per evitare il rischio che il rinnovo del Ccnl della scuola lo impongano Brunetta e Gelmini in modo virtuale come le riforme della Scuola e del Pubblico Impiego.
[ leggi ][ commenta
Mamiani occupato. L'appello di studenti e genitori
La Repubblica - 23-11-2009
Dopo le barricate, al Mamiani arrivano le prove di dialogo. E così studenti e genitori, uniti ora più che mai, hanno deciso di mettere nero su bianco, con due lettere aperte, le loro ragioni tendendo la mano al preside Cosimo Guarino in vista del tavolo sulla scuola convocato per domani in Regione dall´assessore Marco Di Stefano.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
La siciliana ribelle
Cinem@scuola - 28-11-2009
 cinema 
Una mattina di novembre del 1991, una ragazzina di 17 anni si presenta al Procuratore di Palermo per vendicare gli assassini del padre e del fratello, entrambi mafiosi. Per la prima volta una ragazzina di famiglia mafiosa si ribella apertamente all'organizzazione tradizionalmente maschilista. Da questo momento, i giorni di Rita sono contati.
[ leggi ][ commenta
Alcoa, a Roma scontri operai-polizia
Centro Formazione e ricerca Don Milani - 27-11-2009
 sociale 
Quando, come oggi, la politica, ad ogni livello, sempre più lercia, sempre più occupata dai propri intrallazzi, ad esempio fare affari con la malavita organizzata -anche attraverso società pubbliche- oppure le villette oppure andare a puttane e trans, la vita dobbiamo lottarla con le nostre mani, ora dopo ora.
[ leggi ][ commenta
Segnali dall'opposizione... pare che ci sia!
Giustizia news.com - 26-11-2009
 diritti 
Fin dallo scorso anno il Pd, oltre ad opporsi alla dissennata politica di governo e maggioranza, ha presentato in Parlamento e alla stampa proposte precise per rendere il sistema giustizia più efficace e rapido...
...Possiamo dirci un Paese civile, quando teniamo 64 mila detenuti chiusi in edifici fatiscenti e inadeguati che potrebbero al massimo contenerne 43 mila?
[ leggi ][ commenta
Forum della società civile
Pigreco eventi - 25-11-2009
 comunicato 
La Rappresentanza in Italia della Commissione europea organizza, con il Comune di Napoli e la Regione Campania, sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, un Forum della società civile, dedicato alla lotta alla povertà e all'esclusione sociale.

[ leggi ][ commenta
L'acqua: un diritto, una merce o tutteddue?
Mauro Artibani - 24-11-2009
 consumo 
Arriva al mercato l'ultima merce: l'acqua. Liquida, insapore, inodore, insostituibile; vitale. Prima un diritto, ora merce. Proverbiale l'efficienza del mercato: c'è sete d'acqua per miliardi di individui. Un bene dunque, pure scarso, il mercato fa il prezzo.

[ leggi ][ commenta
AGILE: un piccolo aiuto è rompere il silenzio
Gianfranco Fusaz - 23-11-2009
 appelli 
Io e altri 1191 colleghi della ditta Agile ex Eutelia - una sede è anche a Pregnana Milanese - (tutti derivanti da aziende come Olivetti e Bull) a fine anno saremo tutti licenziati probabilmente senza poter usufruire degli ammortizzatori sociali...

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Coordinamento docenti di diritto ed economia
"Due sono i modi di prosciugare la democrazia: chiuderne le condotte e spegnerne il desiderio" - [ G. Zagrebelsky]

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Fuoriregistro online
Direttore responsabile: Luciano Scateni
Registrazione Tribunale di Frosinone n. 324 del 08.07.2005
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.


Per cancellarti da questo gruppo clicca qui

L'utilizzo di domeus ? definito dai Termini e Condizioni di eCircle Srl

  Newsletter precedente Newsletter successiva