Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 12 - a.s. 09/10
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 13/12/2009
raccontiscaffali

Sommario

PUNTI DI VISTA

Che bello la scuola!

di Oliver
Lettera precaria a Babbo Natale
di Monica Capezzuto
Una deriva che aggredisce i nostri giovani
di Maurizio Tiriticco
Il finanziamento pubblico alla scuola privata
di D'Amicis, Pasi, Camposampiero, De Ponti, Donat Cattin

MESSAGGI

In difesa dell'educazione scientifica

di Insegnanti Scienze Naturali
Software libero: lettera aperta al Ministro Brunetta
di Marco Ciurcina
Caro Cavaliere a rotelle
di Elena Duccillo
Dal bombardamento mediatico al rilancio dell'immagine
di Giuseppe Luca

ORIZZONTI

Nicola Patriarca

di Giuseppe Aragno
Chiamala, se vuoi, progressività
di Francesco Masala


Che bello la scuola!
di Oliver

Vivere la scuola è indescrivibile per l'immensa gioia che mi determina, l'impegno è trascurabile se penso a tutte le soddisfazioni che via via concorrono allo star bene; si è circondati da colleghi capaci, che evidenziano notevole professionalità, con loro è possibile aggiungere anche momenti ludici ad un buon livello (natale, fine anno, gite e uscite didattiche), con i bidelli e gli addetti alla segreteria un po' meno.



Lettera precaria a Babbo Natale
di Monica Capezzuto

Caro Babbo Natale,
questa è una lettera scritta dai grandi. Non quelli del potere, ma gli adulti, quelli che i bambini chiamano i grandi. Non chiediamo doni materiali ma un attimo di attenzione, perché anche questa è negata a chi di professione fa l'insegnante. Precario. Grandi a cui è negata ogni giorno la possibilità di progettare il futuro, persone alle quali la gioia di stare con i bambini è offuscata da quel continuo senso di incertezza e di ansia che rende precaria la stessa vita, una condizione permanente che pervade ogni piega della quotidianità.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Una deriva che aggredisce i nostri giovani
di Maurizio Tiriticco

E' un clima assai pesante quello che stiamo vivendo oggi e questo non può non avere un peso negativo sui nostri giovani e sulla nostra scuola. Quando uno scamiciato Corona si permette di irridere la nostra giustizia e dichiara di vergognarsi di essere italiano, siamo veramente al colmo della misura! Sono messaggi pericolosi per i nostri giovani! Andiamo tutti a giocare a calcio in Brasile piuttosto che impegnarci negli studi in Italia! Un Paese che trova mille difficoltà ad insegnare l'italiano ai suoi figli (vedi la Repubblica dell'8 dicembre) e che li sollecita a fuggire all'estero (vedi la lettera di Perluigi Celli) quali segnali positivi può dare ai giovani, alla scuola, agli insegnanti?



Il finanziamento pubblico alla scuola privata
di D'Amicis, Pasi, Camposampiero, De Ponti, Donat Cattin

Cosa direste se qualcuno vi raccontasse che una Regione destina in via esclusiva l'80% dei suoi fondi per il diritto allo studio ai soli studenti della scuola privata, che rappresentano soltanto il 9% della popolazione scolastica regionale? E se aggiungesse che questo è accaduto non soltanto ieri, ma che continua ad accadere tranquillamente anche oggi, quando le scuole pubbliche, frequentate dal 91% degli studenti, subiscono il più vasto taglio alle risorse della storia repubblicana? E se, infine, vi dicesse addirittura che, con supremo spregio per la situazione di crisi, vengono elargiti sussidi pubblici anche a chi dichiara al fisco 200mila euro di reddito e risiede nelle zone più prestigiose e costose delle nostre città?

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


In difesa dell'educazione scientifica
di Insegnanti Scienze Naturali

Il riordino della scuola secondaria superiore in via di approvazione mette in pericolo, a causa di drastici tagli, il futuro dell'educazione scientifica nel nostro Paese e dello sviluppo ad essa collegato.

I sottoscritti, come rappresentanti di docenti, genitori e cittadini interessati all'efficacia della scuola e al futuro degli studenti, chiedono al Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca di garantire che il riordino della scuola italiana riconosca all'educazione scientifica un ruolo di primo piano e lo spazio adeguato.



Software libero: lettera aperta al Ministro Brunetta
di Marco Ciurcina

On.le Ministro Renato Brunetta,
Abbiamo letto le Sue lettere pubblicate sul giornale «Gli Altri» il 14 ed il 19 novembre.
Nella prima, Lei difende la validità della scelta operata sottoscrivendo insieme al Ministro Gelmini il Protocollo di Intesa con Microsoft S.r.l. per la realizzazione di azioni a supporto dell'innovazione digitale nelle scuole argomentando che quest'ultima si sarebbe impegnata a sostenere gratuitamente il Piano del Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca ed il Piano eGov2012 per la scuola del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione.



Caro Cavaliere a rotelle
di Elena Duccillo

... non dovevi offrire questo tuo spazio ai tuoi affezionati lettori, primo perché mi hai provocato su un campo che ci accomuna, la facilità di penna e poi su quello che non ci manca: il coraggio di ricominciare ogni volta che gli eventi ci travolgono. Non parlo, Franco, del ricominciare da zero, ma di farlo guardando quanto di buono si è costruito, senza nascondere di contro pericolosi arretramenti che appaiono obiettivi.
Getto un sasso nello stagno in questo 3 dicembre 2009, cerco di usare parole semplici per chi non vive come me da sempre nel mondo della scuola.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Dal bombardamento mediatico al rilancio dell'immagine
di Giuseppe Luca

Di fronte ad un "bombardamento mediatico", che "sbatte", spesso, in prima pagina, l'immagine di questo o quel docente "fannullone", impreparato e/o dal comportamento discutibile/criminoso, che, in definitiva, fa pensare ad una scuola tutta sesso, droga, devianza, bullismo... coinvolge ora gli alunni, ora gli operatori scolastici, occorre "uno scatto di orgoglio" da parte di tutti gli uomini di scuola, per impedire un ulteriore deterioramento dell'immagine delle istituzioni.
In uno dei miei primi corsi di aggiornamento - siamo negli anni '60 - mi è stato insegnato che, perché un docente diventi un vero professionista deve sapere e sapere insegnare.



Nicola Patriarca
di Giuseppe Aragno

Ci sono vicende umane e politiche che rivelano allo stesso tempo sia la complessità di un momento storico che la ricchezza delle prospettive da cui è possibile tentarne la lettura. Il peso della casualità, le radici lontane che legano tra loro gli eventi, la morsa convergente della logica repressiva che spesso smussa gli angoli delle sbandierate contrapposizioni ideologiche, la dignità che, nel sonno della ragione, sopravvive al disprezzo per i diritti umani nell'Italia del "duce" come nei Soviet di Stalin, questo e molto più si cela nella vicenda di Koliuscia - così Varia, la giovane moglie russa, chiama affettuosamente il marito, Nicola Patriarca - che paradossalmente i sovietici ritengono un anticomunista e in Italia incappa nei fulmini della repressione perché ai fascisti appare invece un pericoloso comunista .



Chiamala, se vuoi, progressività
di Francesco Masala

Chi paga le imposte, a parità di reddito, ne paga di più (fiscal drag), la Il sistema tributario è informato a criteri di progressività, dice l'art.53 della Costituzione italiana vigente. Quando i prezzi salgono è facile passare a un'aliquota superiore, e quindi avere meno reddito disponibile, pur avendo lo stesso, o magari inferiore, potere d'acquisto. Questo fenomeno si chiama drenaggio fiscale (fiscal drag in inglese), come spiega anche wikipedia.



 

Brevi di cronaca
Mobilitazione per i restauratori
Ufficio Stampa Fillea CGIL Roma e Lazio - 11-12-2009
Sono migliaia gli operatori del comparto del Restauro che rischiano il posto di lavoro se entro il 31 dicembre 2009 non verranno cambiati i criteri stabiliti dal Ministero dei Beni Culturali con il D. M. del 29 settembre scorso per l'accesso all'attestazione diretta dei titoli di restauratore e di collaboratore dei beni culturali e alla prova di idoneità.
Per questo sabato 12 dicembre i lavoratori di questa categoria si troveranno alle ore 10,00 a Roma a Piazza Santi Apostoli per manifestare e per inviare una delegazione al confronto con il Ministro dei Beni Culturali che finora non ha risposto ad alcuna richiesta di incontro.


[ leggi ][ commenta
La corona longobarda
La Repubblica - 10-12-2009
Se nel giorno di Sant'Ambrogio, vescovo e patrono di Milano, la Lega ha lanciato una sfida pubblica contro il suo successore Dionigi Tettamanzi, paragonandolo prima a un imam musulmano e poi a un prete siciliano mafioso, è perché si sente forte, molto forte.

[ leggi ][ commenta
Sciopero FLC CGIL: sbagliato proibire partecipazione corteo
ASCA - Agenzia stampa quotidiana nazionale - 09-12-2009
''Il divieto di raggiungere il ministero della Pubblica istruzione opposto al corteo dell'Onda in occasione dello sciopero dell'11 dicembre rappresenta una gravissima limitazione del diritto di esprimere le proprie idee e il proprio dissenso''. Lo sostiene Domenico Pantaleo, segretario generale Flc Cgil.

[ leggi ][ commenta
Sovverte la scuola pubblica
Repubblica Parma - 08-12-2009
In qualità di docenti del liceo classico G.D.Romagnosi, con l'intenzione di interpretare il comune sentire delle varie componenti della scuola italiana in tutti i suoi ordini e gradi, esprimiamo profondo sconcerto per l'assenza di dialogo e di confronto da parte del ministero dell'Istruzione con le diverse realtà scolastiche. Le proposte avanzate dalla scuola in questo anno, che avrebbe dovuto essere destinato al dialogo col ministero, non sono state considerate o sono state rifiutate.

[ leggi ][ commenta
Un viaggio nel mondo del disagio scolastico
Bottega comunicazione - 04-12-2009
Assistiamo, spesso in modo inerte, alla crisi di una Scuola oscillante tra tradizione ed innovazione, tra sperimentazione ed adattamento, che non riesce, comunque, a trovare una strada realmente innovativa, eccezion fatta per alcune sporadiche, slegate, episodiche esperienze pedagogico-didattiche, che utilizzano il cooperative learning, i diversi stili di apprendimento, le mappe concettuali, Internet e le applicazioni delle ICT in senso lato...

[ leggi ][ commenta
Ennesima condanna per comportamento antisindacale
Sindacato SAB - 02-12-2009
Ennesima sentenza n. 1630/09 del Giudice del Lavoro del Tribunale di Castrovillari, dopo le precedenti sentenze dello stesso Tribunale e di quello di Rossano che, accoglie il ricorso presentato dal segretario generale prof. Francesco Sola del sindacato SAB rappresentato e difeso in giudizio dall'avv. Domenico Lo Polito del foro di Castrovillari e per gli effetti, dichiara l'antisindacalità della condotta tenuta dall'Amministrazione - USP di Cosenza - (ex Provveditorato agli Studi) nei confronti della RSU del SAB .

[ leggi ][ commenta
Figlio mio, lascia questo Paese
La Repubblica - 01-12-2009
Dammi retta, questo è un Paese che non ti merita. Avremmo voluto che fosse diverso e abbiamo fallito. Anche noi. Tu hai diritto di vivere diversamente, senza chiederti, ad esempio, se quello che dici o scrivi può disturbare qualcuno di questi mediocri che contano, col rischio di essere messo nel mirino, magari subdolamente, e trovarti emarginato senza capire perché.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Ieri, come oggi: la violenza sulle donne
Giocondo Talamonti - 08-12-2009
 donne 
I numeri sono allarmanti. La violenza contro le donne è un reato ignobile, soprattutto perché consumato al riparo delle pareti domestiche. Poco è cambiato nel tempo. Ieri, come oggi, continuano i soprusi nascosti alla vista degli "altri" non tanto dai muri, ma dall'inesauribile capacità femminile di perdonare i violentatori nella remota speranza di difendere l'unità della relazione, l'interesse dei figli, nella fiducia, sistematicamente tradita, del ravvedimento del marito-padrone.

[ leggi ][ commenta
Ruolo e utilità sociale del carcere
Vincenzo Andraous - 07-12-2009
 diritti 
Quante volte abbiamo scritto su quel perimetro deliberatamente dimenticato qual è il carcere, infinite volte ai silenzi assordanti sono seguiti sofismi e editti che sono rimasti lettera morta. Grosse fette della Società, delle Istituzioni, dei Governi, hanno speso parole e intenzioni, ma opere ben poche, se non quelle del redigere rapporti di morti sopravvenute e di utopie tutte a venire: nonostante le dimensioni di una disumanità ormai divenuta regola, di un moltiplicarsi tragico di suicidi, di autolesionismi, di miserie umane così profondamente deliranti. senza più una professione di fede, neppure quella della strada.
[ leggi ][ commenta
Ecco cosa succede quando si privatizza l'acqua
Attac.org - 05-12-2009
 sociale 
Ad Aprilia, come in tutto l'ATO4 (38 Comuni) la Privatizzazione dell'acqua è avvenuta nel 2002 (seconda provincia d'Italia in ordine di tempo dopo Arezzo) quando la Conferenza dei Sindaci ha messo a gara la gestione del servizio idrico per formare una società mista pubblico privata (51% pubblico, 49% privato). Il socio privato è la Veolia Water, una delle più grandi multinazionali che gestisce l'acqua in ogni parte del mondo.

[ leggi ][ commenta
Divieto d'infanzia. Muore sul lavoro in Italia 11enne cinese
Doriana Goracci - 04-12-2009
 storie 
A Macerata, una bambina undicenne di etnia cinese è morta in seguito alle esalazioni tossiche sprigionatesi all'interno di un tomaificio in cui lavorava nelle ore pomeridiane al rientro da scuola.

[ leggi ][ commenta
Incidente accaduto a Terni
RC, CI - 03-12-2009
 comunicato 
Ancora una volta è un operaio a pagare il prezzo più alto nel sistema lavoro. Ancora una volta si spezza una giovane vita. Per quanto tempo ancora dovremo piangere questi morti? Ci si chiede se questo sia il frutto di un sistema produttivo che, subordinato alla logica di una produttività esasperata e al profitto, ormai non tiene più nel debito conto la salvaguardia dei lavoratori. Non è il caso di fare polemiche in questo momento di lutto, ma di stringersi vicino alla famiglia in segno di solidarietà e impegnarci tutti perché ciascuno, in base al proprio ruolo, faccia la sua parte per rafforzare la sicurezza dei lavoratori non solo sotto l'aspetto normativo ma anche in simbiosi con l'informazione e la formazione.

[ leggi ][ commenta
Numero 34
Ilaria Ricciotti - 02-12-2009
 ilforasacco 

Atti come questo non debbon più accadere...

[ leggi ][ commenta
Diploma On Line
Polimi - 01-12-2009
 software libero 
Oggi, 1 dicembre, si sono aperte le iscrizioni all'edizione primaverile del corso di perfezionamento Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie del Politecnico di Milano. Le iscrizioni chiuderanno il giorno 22 gennaio 2010.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Città del Capo
Radio metropolitana...

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Fuoriregistro online
Direttore responsabile: Luciano Scateni
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva