Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 30 - a.s. 08/09
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 25/04/2009
raccontiscaffali

Sommario

IN ITALIA TRA IERI E OGGI

Tutto la va bene, Madama la Marchesa...

di Giocondo Talamonti
Non riesco più
di Vittorio Del Moro
Zeitgeist. Chaplinesque
di Aldo Ettore Quagliozzi
Proviamo con lo sberleffo
di Vittorio Delmoro
Chi controlla il passato controlla il futuro
di Nadia
Luigi Maresca
di Giuseppe Aragno

MINISTRO E ISTRUZIONE

La Gelmini in Abruzzo

di Rosanna Vittori
Nel pollaio
di Claudia Fanti
Effetto Versailles
di Vittoria Menga
Chi ha paura delle competenze?
di Maurizio Tirittico
Scuola Pubblica
di Cinzia Piccinini
Le precisazioni del Comitato di Rinascita sono fuorvianti
di Gemma Gentile
Lettera aperta al ministro Gelmini sugli istituti agrari
di Giancarlo Fantini

PENSIERI SPARSI

Cara Report ti scrivo

di Cosimo De Nitto
Esistono paesi così?
di Francesco Masala
Per Franco Volpi. Morire in bicicletta
di Andrea Tornago
Strettamente personale
di Aldo Ettore Quagliozzi
Insegnanti che sappiano insegnare
di Riccardo Scaglioni
Dell'innocenza supposta nell'infanzia
di Paolo Citran


Tutto la va bene, Madama la Marchesa...
di Giocondo Talamonti

Provo la scomoda sensazione di non stare più con i piedi per terra; di vivere in sospensione forzata, di sentirmi fluttuante in una realtà virtuale. Non ci capisco più niente: l'economia tracolla, avanza la fame nel mondo, milioni di persone perdono per sempre il lavoro, aumentano i focolai di guerra nei quattro angoli della Terra, cerco notizie per saperne di più, accendo la TV e mi accorgo che tutto va bene.
Anche il terremoto in Abruzzo va a gonfie vele. Non mi stupirei se qualche inviato molto speciale si facesse scappare l'affermazione che trattasi del miglior terremoto del dopoguerra.



Non riesco più
di Vittorio Del Moro

Da qualche tempo non riesco più a guardare i notiziari, né a leggere le pagine di giornale sulla nuova tragedia del terremoto abruzzese; me n'ero accorto già dall'ultima guerra di Gaza : pagine e pagine con corredo di fotografie che saltavo a più pari, accontentandomi solo dei titoli. Non ce la faccio più. Eppure...




Zeitgeist. Chaplinesque
di Aldo Ettore Quagliozzi

Di grazia, cos'è? Si ha traccia del neologismo leggendo lo splendido volume di Edmondo Berselli "Venerati maestri" edito, per i tipi Mondadori, nell'anno del signore 2006. Controllare alla pagina 168, ultimo periodare dell'illustre Autore. Una scrittura tagliente assai, che taglia in profondità. Un particolare: il volume ha per sottotitolo "Operetta immorale sugli intelligenti d'Italia". Si evincerebbe tutto già dal sottotitolo. Intelligenti pauca. Basterebbe per non andare oltre.



Proviamo con lo sberleffo
di Vittorio Delmoro

Nell'attuale situazione di debolezza in cui navigano sia il movimento che l'opposizione ufficiale, ho una proposta da attuare se non in tutte, in molte occasioni pubbliche.

Berlusconi ha detto che quest'anno, per fare uno strappo alla (sua) regola e non regalare il 25 aprile ad una sola parte politica, celebrerà l'anniversario della Liberazione in un qualche posto d'Italia che svelerà solo all'ultimo.

Questo riserbo è motivato dalla volontà di prevenire l'eventuale organizzazione di qualche contestazione massiccia e, allo stesso tempo, di organizzare lui le proprie truppe per il necessario consenso; di modo che se vi saranno fischi, potranno essere coperti dagli applausi dei suoi e dargli pure modo di esecrare dal palco le solite contestazioni settarie e comuniste ed elogiare l'unanimismo delle opposizioni blande.

Allora io propongo che chi può vada lì ad applaudire Berlusconi a più non posso...



Chi controlla il passato controlla il futuro
di Nadia

Lo scorso 2 aprile il parlamento europeo ha approvato una risoluzione che sancisce l'equiparazione di nazismo, fascismo e comunismo. Questa risoluzione si basa sul revisionismo storico più sfacciato, spiana la strada ad un uso sempre più indiscriminato del "reato di opinione", estromettendo dal dibattito storico-politico ed imbavagliando chiunque esprima parere contrario alla Verità di Stato che è stata costruita. A pochi giorni dall'anniversario della Liberazione ci sembra fondamentale ricordare chi fu vittima e chi invece carnefice e quali realmente furono le forze capaci di liberare l'Italia e l'Europa dal nazifascismo.
Di seguito una nostra riflessione in merito alla risoluzione...



Luigi Maresca
di Giuseppe Aragno

E' un 25 aprile che ha il governo all'opposizione. Un 25 aprile in cui non c'è un ministro nato alla cultura della Resistenza o un partito che faccia riferimento alla guerra dui liberazione o ai valori della Costituzione. Ci goverano gli ex secessionisti della Lega Padana, gli ex fascisti di Alleanza Nazionale e quei forzisti per i quali il 25 aprile, più che una festa nazionale, è sempre stato il trionfo dalla "vendetta e dell'odio dei vincitori a danno dei vinti".
E' un 25 aprile che annuncia tempesta. In attesa che il vento comincia a soffiare, è giusto che la aprola passi ai testimoni.



La Gelmini in Abruzzo
di Rosanna Vittori

Mi chiedo cosa vada a fare oggi-15 aprile 2009- la Gelmini in Abruzzo. E' solo una passerella, come quella populistica presa in giro del consiglio dei ministri convocato a L'Aquila: hanno poco da fare di questi tempi laggiù? Hanno da sprecare personale per servizi d'ordine, scorte a ministri, auto blu, ecc...? Ma andare tra i terremotati per "fare il punto sulle scuole d'Abruzzo", oltre che dannoso perchè un evidente intralcio al lavoro degli operatori, è inutile perchè spetta ai tecnici e agli enti locali fare perizie e quantificare (ce la vedete in elmetto e cazzuola tra le macerie?); è, infine, una bella presa in giro per tutti.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Nel pollaio
di Claudia Fanti

...E vorrei invece parlare di scuola.
Sì, perché in realtà non se ne sa nulla.
Va benissimo denunciare ad alta voce cosa non funziona nel sistema azienda scuola, tuttavia è appunto questa la questione, la solita, la scuola non è un'azienda.
Le persone sono la scuola.
Supponiamo di riunirci tutti, insegnanti e bambini, in un pollaio fra le cacche dei volatili, cosa succederebbe?



Effetto Versailles
di Vittoria Menga

Ho spiegato di recente la storia dell'assolutismo nella Francia del '600 e le strategie messe in atto da Luigi XIV per accentrare tutto il potere nelle sue mani. Tra queste strategie, famosissima e originale rimane quella di far trasferire la nobiltà a Versailles, nella grande reggia opportunamente realizzata per ospitare una grande corte. L'intento di sradicare la nobiltà dai territori che possedeva da generazioni e portarla a corte, dove, indifesa e indebolita, sarebbe stata più controllabile e facilmente risucchiata dai meccanismi di fidelizzazione, si concretizza in un gigantesco sistema di rituali, convenzioni, gerarchizzazioni, concessione di privilegi o emarginazione e penalizzazione di quanti non si conformano alla volontà del re.



Chi ha paura delle competenze?
di Maurizio Tirittico

Siamo a poco più di un mese dalla chiusura delle scuole e, per quanto riguarda la terminalità di alcuni percorsi chiave, regna l'assoluta incertezza circa le modalità che le scuole stesse dovrebbero adottare. Si tratta della conclusione dell'obbligo di istruzione decennale, del primo ciclo e dell'istruzione secondaria di secondo grado. Cerco di fare un po' di chiarezza su ciò che... chiaro non è affatto!




Scuola Pubblica
di Cinzia Piccinini

Il giovane re impegnò il primo giorno del suo regno nell'eliminare i funzionari infedeli, dal secondo pensò alla sua discendenza.
Poiché era sano ed esuberante, ai suoi consiglieri disse più o meno così: io amo il mio popolo, e tutte le donne del mio popolo. Gli harem sono luoghi di sofferenza, non sottrarrò le mie mogli ai loro affetti. Per giacere e generare con me basterà chiederlo.
Presto fu chiaro che la Famiglia del Re sarebbe stata esercito, amministrazione, giustizia e diplomazia dello stato. I consiglieri si affrettarono a parlarne alle loro nipoti.
In capo a cinque anni una commissione aveva progettato la completa educazione dei Figli del Re. Fu un buon lavoro: i Figli del re non avevo marchi visibili, ma tutti erano bravi e impegnati.



Le precisazioni del Comitato di Rinascita sono fuorvianti
di Gemma Gentile

Il comunicato, dedicato ai rilievi mossi da insegnanti che lottano contro lo sfascio in atto della scuola pubblica e che sono stati negativamente colpiti dalle notizie diffuse dal dirigente dell' Istituto Rinascita circa pratiche contrattuali in atto nella scuola le quali si presentano in modo inconfutabile in linea con il DDL Aprea, ha la pretesa di dissipare la confusione creatasi. Purtroppo a me sembra che confermi tutte le impressioni negative, nella vuotaggine della risposta.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Lettera aperta al ministro Gelmini sugli istituti agrari
di Giancarlo Fantini

Gentile Signora,
sono Giancarlo Fantini, docente di Esercitazioni Agrarie presso l'Istituto Professionale per l'Agricoltura e l'Ambiente di Crodo (VB), inserito dal 2000 nell'Istituto Comprensivo Innocenzo IX di Baceno (VB) che comprende tutte le scuole di ogni ordine e grado dei comuni delle Valli Antigorio e Formazza, estrema punta a nord del Piemonte.
In questo scritto userò spesso il plurale, in quanto ciò che leggerà non è solo la mia personale opinione, ma di molti altri colleghi, studenti, genitori, amministratori locali.



Cara Report ti scrivo
di Cosimo De Nitto

Mi dispiace, ma la puntata di report dedicata alla scuola e andata in onda domenica 19 aprile 2009 non è stata all'altezza come altre volte.
Troppo superficiale, imprecisa, lacunosa.
Ha avuto la pretesa di dirla tutta sulla scuola, col risultato di aver giustapposto uno zibaldone di "fatti" eclatanti, già processati e digeriti dai media.
Quando il singolo fatto è riportato per destare stupore, scandalo, risentimento, forte impatto emotivo ottiene l'effetto opposto a quello atteso, se è quello di una buona lettura che sia anche ermeneutica della realtà che si va ad esaminare. Non parliamo poi della possibilità di concorrere alla risoluzione del problema. Anche il giornalismo d'inchiesta e denuncia non può sottrarsi a queste "regole".



Esistono paesi così?
di Francesco Masala

Tornavo dal cinema e all'uscita, sotto la pioggia, con una coperta ormai zuppa dormiva, lungo il marciapiede un essere umano. Ma non è un romanzo francese dell'Ottocento. Ascoltavo l'altra sera una trasmissione dalla quale ho appreso che le mamme degli alunni comprano la carta igienica e la portano alle maestre. Perché altrimenti i bambini si terrebbero il culo sporco. Ascoltavo anche che nelle scuole se i dirigenti non rubano non è per paura che possa succedere loro qualcosa, ma forse per quel vizio chiamato onestà che deve essere debellato. E nelle scuole ai giovani si deve insegnare che il delitto non paga.



Per Franco Volpi. Morire in bicicletta
di Andrea Tornago

C'è qualcosa di insopportabile nel morire in bicicletta, in uno dei rari istanti di libertà e di fragilità strappati alla fatica e alle delusioni del mondo. Investiti da un'auto, come è accaduto il lunedì di Pasquetta a Franco Volpi, professore ordinario di filosofia all'Università di Padova.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Strettamente personale
di Aldo Ettore Quagliozzi

Avevo appena finito di leggere l'articolo di Federico Rampini " Se i mercati cancellano l' etica " sul quotidiano " la Repubblica " che la radio, quasi sempre accesa in casa nostra per via della tragedia d'Abruzzo, che orecchiavo sbadatamente nel mentre scorrevo la scrittura dell'illustre opinionista, dava la notizia di un'azione militare di " Sendero luminoso " in uno dei paesi più problematici del sud dell'America, il Perù. Chi si ricordava più di " Sendero luminoso "? Grande è stata la sorpresa di mia moglie. - Allora " sendero lumisoso " esiste ancora - è stata la sua immediata reazione e considerazione. Io intanto andavo indietro negli anni a ricordare. Un istantaneo tuffo all'indietro.



Insegnanti che sappiano insegnare
di Riccardo Scaglioni

Come mettere d'accordo maggioranza e opposizione; come ragionare insieme tra politici, insegnanti, docenti universitari e della scuola, genitori e studenti. Questo è avvenuto venerdì pomeriggio al Liceo Montanari di Verona alla tavola rotonda "Insegnanti che sappiano insegnare", organizzato dall'ANFIS (Associazione Nazionale dei Formatori Insegnanti Supervisori) e dalla SSIS Veneto (Scuola di Specializzazione interateneo per l'Insegnamento Secondario).



Dell'innocenza supposta nell'infanzia
di Paolo Citran

Maria Montessori nella sua ottimistica (innocentista) visione dell'infanzia definisce il bambino "embrione spirituale", cioè potenzialità creativa di bene e di pace: sino a che non avremo riparato alla grande ingiustizia contro il bambino cooperando con lui, ogni sforzo sarà vano. Se noi siamo quegli "uomini di buona volontà" che vogliono la pace, dobbiamo porre noi stessi queste fondamenta, lavorando per il mondo sociale del bambino: La figura del bambino deve brillare davanti a noi come un simbolo; un simbolo che ci addita non solo la meta ma l'unica via che ci permetta di raggiungerla. (da Educazione e pace, Garzanti, Milano 1964, 4.a ed.)

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


 

Sponde
In marcia insieme ai partigiani
La Redazione - 24-04-2009
 


[ leggi ][ commenta


Brevi di cronaca
Ma liberazione da chi?
Voce Tv Carpi - 24-04-2009
Che cosa mai si festeggerà di così importante il 25 aprile? E che cosa si intende con questa parola, Liberazione, che di per sé suona un po' sibillina? non ci siamo accontentati di una risposta secca da parte degli intervistati, ma abbiamo indagato anche sui perché e sui percome delle vicende storiche di 64 anni fa, aggiungendo all'occorrenza una domanda di riserva sul Primo maggio e sul 2 Giugno.


[ leggi ][ commenta
Il ministro Gelmini mente a tutti sapendo di mentire
Rete Nazionale Precari della Scuola - 23-04-2009
Contro il deliberato e criminoso tentativo di distruzione della scuola pubblica perpetrato dall'attuale governo per favorire la scuola privata (che si guarda bene dall'abolire il modulo nella primaria perchè simbolo di qualità nell'offerta formativa) e contro il definitivo licenziamento di decine di migliaia di docenti ed ATA, la Rete Nazionale Precari della Scuola invita alla mobilitazione per il mese di Maggio tutto il popolo della scuola, docenti, ATA, studenti e genitori.

[ leggi ][ commenta
I ddl che l'Idv porterà all'Aprea
La Tecnica della scuola - 22-04-2009
Presentati durante il convegno "Scuola. L'alternativa alla controriforma" promosso da Unicobas e L'Altrascuola: l'obiettivo è introdurre un contratto non più impiegatizio, ma che valorizzi l'impegno di prof e Ata al pari di universitari e magistrati; e allargare i diritti sindacali anche alle rappresentanze minori.

[ leggi ][ commenta
Avercene... di Gabanelli!
Scuolaoggi.org - 21-04-2009
Noi riteniamo che sia di fondamentale importanza che la gente sappia quello che succede nelle scuole, quali sono le difficoltà e i problemi materiali che ostacolano il buon funzionamento della scuola pubblica. Perché è da lì, dalla loro soluzione, che si deve partire. Ben vengano, allora, trasmissioni come quella della Gabanelli. Alla quale si può perdonare anche qualche inesattezza, parzialità, imprecisione (soprattutto dal punto di vista degli addetti ai lavori).

[ leggi ][ commenta
Scuole abruzzesi - singolari comportamenti del ministero dell'istruzione
CUB Piemonte Ufficio Stampa - 17-04-2009
Abruzzo: da parte del governo parole di apertura. Sul campo difficoltà "oggettive"

Infatti secondo il decreto ministeriale 3542 del 15 aprile 2009 al punto 1 prevede che il personale riprenda servizio presso la propria scuola qualora la scuola stessa sia agibile;
al punto 3 che il personale sfollato in altra prenderà servizio in una scuola vicina alla dimora provvisoria.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Verso il 25 Aprile una firma contro la 1360
Doriana Goracci - 24-04-2009
 appelli 
L'indecente proposta "ha come primo firmatario Lucio Barani del Nuovo Psi (schierato con il centrodestra). Un disegno di legge, il numero 1360, con il quale la maggioranza pretende di istituire l'Ordine del Tricolore, con tanto di assegno vitalizio. Assegnandolo indistintamente sia ai partigiani, sia "ai combattenti che ritennero onorevole la scelta a difesa del regime ferito e languente e aderirono a Salò". Un testo che l'Anpi bolla come "l'ennesimo tentativo della destra di sovvertire la Storia d'Italia e le radici stesse della Repubblica".

[ leggi ][ commenta
Petizione, non distruggete il 5 per mille!
VITA.it - 17-04-2009
 appelli 
Sopravvissuto ad ogni sorta di intemperie, il 5 per mille rischia oggi di cadere sotto i colpi del suo stesso "creatore". Se davvero, come annunciato dal ministro, sono state avviate le procedure per destinare il 5 per mille ai terremotati dell'Abruzzo, il Governo italiano otterrà con una sola mossa un record di risultati negativi. La proposta del ministro di aggiungere al 5 per mille una casella per i terremotati dell'Abruzzo rischia di vanificare la novità di sussidiarietà fiscale...

[ leggi ][ commenta
Se tutti ricchi, saremmo più poveri
Mauro Artibani - 18-04-2009
 consumo 
In questo universo dello sfarzo, non è tutto oro quel che luccica. Più si diventa ricchi, minore il profitto che si ricava dall'acquisto dei beni, più si è indotti a risparmiare: parola di Keynes. Ta-ta-tan: il paradosso della parsimonia.
Se tutti ricchi, tutti risparmiamo: si consuma meno, meno PIL, si ridurranno gli investimenti, il lavoro, il reddito e per questa via anche il risparmio.

[ leggi ][ commenta
Podcast dedicato all'istruzione
Luca Piergiovanni - 16-04-2009
 software libero 
Sono un professore di scuola media e con i miei alunni ho creato recentemente un podcast che con nostra grande sorpresa è presto balzato alle prime posizioni nella classifica dei podcast italiani dedicati all'istruzione, e ad oggi conta più di 400 abbonati. Parliamo di musica, diamo delle dritte per le interrogazioni, descrizioni di poesie altrimenti noiosissime, insieme ad informazioni sul mondo del podcast, spiegando in maniera diretta e semplice come crearne uno.

[ leggi ][ commenta
1° Festival della Chimica Verde
www.costa.clio.it - 15-04-2009
 pianeta 
Si terrà a Lecce dal 27 al 29 aprile il 1° Festival della
Chimica Verde promosso dall'INCA - Consorzio Interuniversitario Nazionale "La Chimica per l'Ambiente" e organizzato in prima persona dal presidente prof. Pietro Tundo, docente presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e con l'Istituto Tecnico Commerciale "Costa" di Lecce.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Alessandro Marescotti
Nei giorni scorsi abbiamo realizzato un'esperienza molto toccante: in classe sono state lette alcune lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana. E dato che con la 5AM stavamo studiando il movimento partigiano, le lettere dei condannati a morte le abbiamo messe qui, a disposizione di tutti.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Direttore responsabile: Luciano Scateni
Ideatore: Marino Bocchi
In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Grazia Perrone
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi
Sviluppo e manutenzione del sito: Maurizio Guercio

Registrazione Tribunale di Frosinone n. 324 del 08.07.2005
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva