Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 1 - a.s. 06/07
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 10/09/2006
raccontiscaffali

Sommario

SI COMINCIA!

Buon Anno scolastico 2006 - 2007!

di Ilaria Ricciotti
Mariavaleria
di Claudia Fanti
Parola d'insegnante
di Arturo Ghinelli
Disguidi tecnici
di Redazione

TRA PIAZZE E PALAZZI

La sinistra e il nostro sinistro lavoro

di Gianfranco Pignatelli
Assurdo tagliare alla voce scuola
di Alba Sasso
La scuola pubblica è ormai persa?
di Roberto Renzetti
Tutte rose e fior (on) i
di Teresa Carboni
Dall'assemblea nazionale dei DS
di Vittorio Delmoro
Comunicato sulla Direttiva per il 2006
di Forum insegnanti
Lettere al Ministro
di G. Mereghetti, I. Ricciotti

DENTRO LE SCUOLE

Valutare cosa?

di Maurizio Tiriticco
Punti di vista
di Agesc
Nessun finanziamento alle scuole private
di Coordinamento genitori democratici toscani
Lasciatemi almeno sfogare!
di Una maestra

ORIZZONTI

La nazione dei bisonti

di Vincenzo Andraous
Cercheremo un Saint Just
di Giuseppe Aragno




Buona ripresa dalla Redazione!

Qui puoi consultare tutti gli articoli pubblicati durante la pausa estiva
e qui altre rassegne stampa


Buon Anno scolastico 2006 - 2007!
di Ilaria Ricciotti

Qualcuno, di cui non ricordo il nome , ha detto:
" In questo mondo non è tanto importante esserci, ma importante è la meta verso cui ci muoviamo".
Oltre a questo pensiero ho voluto aggiungere qualcosa di mio:

Auguro in primis alla Triade scolastica più viva e poi ai Dirigenti ed ai loro Collaboratori un Anno
all'insegna
della condivisione e non dello scontro;
della ricerca e non del ristagno;
della sperimentazione e non della teorizzazione fine a se stessa.

Buon lavoro!
[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Mariavaleria
di Claudia Fanti

Sta facendo i compiti delle vacanze. Ha nove anni.
Sta sorridendo mentre osserva un punto nero sulla parete di fronte.
Il nuovo anno scolastico è alle porte. Mariavaleria si chiede se storia e geografia le potranno mai più piacere, se ci sia un senso nel mondo degli uomini che impediscono l'estensione a tutti i bambini di uguali diritti... quello alla vita almeno, se non al benessere e all'accesso alla conoscenza.



Parola d'insegnante
di Arturo Ghinelli

In Italia gli insegnanti sono come i giocatori di calcio: tutti ne parlano e tutti "sanno" come farli lavorare perché ottengano dei risultati. Siamo un paese di 57milioni di allenatori e di quasi altrettanti ministri della P.I. Per questo è importante ascoltare gli insegnanti,anche perché pubblicamente parlano poco,"raramente riescono ad esprimersi in prima persona in sedi che non siano la sala insegnanti, o un incontro sindacale, o una rubrica delle lettere di un quotidiano" . Ebbene adesso hanno fatto un esercizio di scrittura collettiva, pubblicato da Einaudi col titolo "La mia scuola. Chi insegna si racconta" a cura di Domenico Chiesa e Cristina Trucco Zagrebelsky.



Disguidi tecnici
di Redazione

Riceviamo e pubblichiamo la nota seguente, preoccupati del fatto che il problema evidenziato sia diffuso e limiti l'invio di commenti o contributi.

...Quando riesco ad inviare il commento e mi ritorna indietro la pagina per l'approvazione, clicco per darvi il consenso, ma la vostra pagina non è disponibile e il server non risponde...




La sinistra e il nostro sinistro lavoro
di Gianfranco Pignatelli

In matematica si legge: Fioroni sta a Padoa Schioppa, come Moratti sta a Tremonti. Ovvero, sinistra uguale destra. In politica scolastica, invece, si legge: tagli uguale tagli. Le prime indiscrezioni sulla prossima finanziaria riferiscono di una manovra complessiva da 30 miliardi di euro, di cui quattro ottenuti con tagli all'istruzione e, in special modo, col blocco delle assunzioni e delle supplenze. Che la piena occupazione dei precari su tutti i posti disponibili fosse l'ennesimo menzogna elettorale s'era capito subito. Nessuna immissione in ruolo in più rispetto alle 20.000 programmate dalla Moratti.



Assurdo tagliare alla voce scuola
di Alba Sasso

In questo gran parlare di necessità di tagli alla spesa pubblica in un dibattito riservato a "quelli che sannno" c'è qualcosa che pare non turbi nessuno. E cioé l'asserito taglio alla spesa per l'istruzione. Annunciato di fatto già nel Documento di programmazione economica e finanziaria, con motivazioni un pò generiche e che abbiamo già sentito ossessivamente ripetere dal governo di centrodestra. "Gli insegnanti sono troppi (e qualcuno ha pensato e pensa che lavorino anche poco). E con quel che si spende i risultati non sono soddisfacenti. Basti leggere il rapporto Pisa, (sulle competenze di lettura e scrittura dei quindicenni)". Questo quanto dice il Dpf in continuità con le convinzioni del precedente governo.

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


La scuola pubblica è ormai persa?
di Roberto Renzetti

Non può che fare piacere il fatto che Alba Sasso scopra che c'è continuità tra questo governo ed il precedente nel settore scuola. Con un pochino di sforzo si scoprirebbe la continuità anche con quello ancora precedente.
La scuola è entrata nel mercato delle merci che il WTO e Bolkenstein reclamano da anni e Comunione e Liberazione non si stanca di rivendicare. Se ne prenda atto e basta perché ormai sarebbe stupido dover subirsi una scuola dequalificata con a lato il dover pagare persone che fanno il pianto sulla sua dequalificazione.
Nella precedente legislatura, su queste pagine, l'On. Sasso ci aveva detto che la Moratti era da abrogare (io sostenevo che era la Berlinguer/Bassanini da abrogare perché la continuità era evidente a chi ragiona e non si nasconde dietro pensieri deboli). Di fronte ad un chiaro programma di governo che ripete di non dover toccare la Moratti se non con piccoli aggiustamenti, prevederei una netta presa di posizione che dovrebbe arrivare alle indignate dimissioni.



Tutte rose e fior (on) i
di Teresa Carboni

I primi cento giorni, quelli della massima spinta, sono passati. E' l'arco di tempo in cui i nuovi governi dovrebbero virare rispetto ai precedenti e prendere il largo sulla rotta indicata nel programma elettorale. Al dicastero dell'istruzione c'è andato un medico con la biografia da predestinato. Inizio da scout, tirocinio andreottiano, incarico con tanto di placet dei monsignori Bertone e Clemenz, premier vaticano l'uno, segretario di papa Razinger, l'altro. Pacioso di nome e d'aspetto, il ministro Fioroni, annuncia molto e quaglia poco. Come la Moratti, suggestiona con etichetta di grande richiamo mediatico e nessun effetto pratico. Tra le più gradite: pubblica a precedere istruzione, ma anche scuola di tutti e per tutti. Per i precari però non è cambiato niente.



Dall'assemblea nazionale dei DS
di Vittorio Delmoro

Ho partecipato all'assemblea nazionale dei DS sulla scuola, per il solo fatto che era tenuta all'interno della festa nazionale dell'Unità, che quest'anno si svolge nella mia provincia....

[ leggi (3 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Comunicato sulla Direttiva per il 2006
di Forum insegnanti

In tanti anni di opposizione alle leggi Moratti, abbiamo più volte affermato, mediante documenti ed Appelli, che non sarebbe stato possibile eliminare gli effetti perniciosi di tali norme sulla nostra Scuola, senza abrogarle.
Il Ministro ha assicurato che avrebbe ottenuto lo stesso effetto attraverso modifiche, adoperando la "tecnica del cacciavite".
A tre mesi dalla sua nomina, constatiamo che le nostre obiezioni erano assolutamente fondate, per cui non resta al Ministro che constatare il fallimento di tale metodo.



Lettere al Ministro
di G. Mereghetti, I. Ricciotti

...non le chiedo di cambiare idea sulla scuola, le chiedo solo che mi lasci la libertà di essere me stesso quando entro in classe, solo questo le chiedo!...

...Le scrivo perché preoccupatissima di quanto letto in riviste e quotidiani a riguardo delle sue scelte per la scuola pubblica: tagli alla spesa per l'istruzione; piccoli aggiustamenti e non abrogazione della legge Moratti; consistente finanziamento alle scuole private ecc....



Valutare cosa?
di Maurizio Tiriticco

Chi si occupa di valutazione, sa che per prima cosa occorre rispondere almeno a cinque domande: 1 Perché valutare? 2 Per chi valutare? 3 Che cosa valutare? 4 Chi deve valutare? 5 Come si deve valutare? La recente Direttiva 649 del 28 agosto sulle attività dell'Invalsi - che va letta contestualmente con la precedente Direttiva del 27 marzo '06, modificata in soli tre punti, l'1, il 2 e il 13 - risponde a questi quesiti? Proviamo a vedere! Ma, andiamo con ordine.



Punti di vista
di Agesc

''Come Associazione genitori scuole cattoliche ci chiediamo dove finisce con questa direttiva il principio di corresponsabilita' educativa genitori e scuola? Puo' un accordo Governo-sindacati disattendere la volonta' del Parlamento italiano? Dove va a finire, allora, il principio di legalita' nel nostro Paese? Oggi vengono aboliti, senza passare dal Parlamento, alcuni tasselli della riforma scolastica approvata nella precedente legislatura come il tutor, il portfolio e le attivita' opzionali facoltative scelte dai genitori. Erano le novita', introdotte dal percorso di riforma, che la nostra Associazione aveva maggiormente sostenuto, come strumenti che avrebbero promosso la partecipazione educativa dei genitori nella scuola''.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Nessun finanziamento alle scuole private
di Coordinamento genitori democratici toscani

Nei giorni scorsi abbiamo appreso che il Ministro Fioroni vorrebbe proporre nella prossima finanziaria un incremento del finanziamento pubblico delle scuole private.Noi riteniamo che sia assolutamente prioritario investire nella riqualificazione della scuola pubblica italiana, che, come afferma la Costituzione, deve essere aperta a tutti e garantire il pluralismo culturale e che finalmente, con atti concreti e coerenti, sia data una svolta alla politica scolastica del nostro Paese, utilizzando tutte le risorse pubbliche per la scuola pubblica; i privati hanno diritto di istituire la scuola, ma non in sostituzione delle scuole statali e comunque "senza oneri per lo Stato".



Lasciatemi almeno sfogare!
di Una maestra

Eccomi qui, ancora una volta a scrivere, spinta dal profondo disagio psichico (chiamato, credo, BURN-OUT), di cui soffre chi, come me, non riesce a gestire, come vorrebbe, determinate situazioni lavorative.
Lo scrivere, sia che il contenuto venga trasmesso ad altri, sia che rimanga nel cassetto, serve a scaricarmi, anche se in parte, dalle tensioni emotive che giorno dopo giorno si accumulano, fungendo in qualche modo da autoterapia.



La nazione dei bisonti
di Vincenzo Andraous

Sento e vedo migliaia di persone, di ogni colore e nazione, diagnosticare terapie politiche e sociali per stabilizzare diritti e democrazie in paesi dilaniati dalla ferocia della povertà, dall'ingiustizia oramai globalizzata, che non sottrae religioni e dei, dal taglione del mors tua-vita mea.
Guerre e stragi, uomini in armi e bambini depredati di ogni sorriso, terre divise e derubate dei propri confini, inni alla pace gridati a tempo di musica, e richieste di giustizia licenziate con qualche parola travestita di compassione.



Cercheremo un Saint Just
di Giuseppe Aragno

Poco più di cento giorni, dall'Elba a Waterloo, costarono a Napoleone Sant'Elena, ma era una stagione felice e feroce di sangue versato e di ideali vittoriosi: il trionfo di Smith, del libero mercato e il violento cambio della guardia tra due classi sociali. La borghesia dettava le sue regole dopo l'incapacità dimostrata dall'aristocrazia di continuare a rivestire il ruolo sociale che ne aveva fino a quel momento giustificato l'esistenza davanti alla storia. Come finge d'ignorare la marea montante dei riformisti dell'ultima ora, la democrazia borghese, per lasciarsi conquistare da Montesquieu e dal suo "Spirito delle leggi", passò prima per Saint Just e per lo "Spirito della rivoluzione". Il mondo cambiò, ma fu necessario il terrore.
I cento giorni dei leaders vittoriosi del centrosinistra li pagheremo invece noi, faremo mea culpa, poi ci faremo largo tra la zavorra pseudo riformista, cercheremo un Saint Just e un Robespierre, diremo un grazie addolorato e il mondo cambierà.



 

Brevi di cronaca
Educazione: la sfida del futuro
Redazione Vita on line - 09-09-2006
Benvenga l'emozione del primo giorno, perché è vero: la scuola è una straordinaria opportunità di vita e conoscenza. E non a caso, quello all'educazione, è un diritto sancito dalla Convenzione Onu sui Diritti dell' Infanzia e Adolescenza. Eppure nel mondo, ancora oggi, milioni di bambini vedono negato questo loro fondamentale diritto, specialmente nei paesi in guerra, o quelli che ne sono appena usciti con il tessuto sociale devastato, le scuole distrutte, gli insegnati arruolati o periti in combattimento.

[ leggi ][ commenta
Per la scuola della Repubblica
Comitato di Firenze - 09-09-2006
Una prima iniziativa sulla scuola dopo la pausa estiva; un'occasione importante per una prima valutazione dell'operato della nuova maggioranza parlamentare di centro-sinistra e del Governo, ma anche per avviare un confronto per un rilancio della scuola pubblica.
Il 12 settembre è importante partecipare e far partecipare.

[ leggi ][ commenta
Lezione di storia
Il Gazzettino di Udine - 08-09-2006
È sulla figura di Ondina Peteani, scomparsa nel 2003, che si concentreranno a Trieste le celebrazioni del 63.mo anniversario dell'8 settembre 1943, la data che segnò l'ufficiale inizio della Resistenza. La Peteani fu la prima staffetta partigiana d'Italia. Nata il 26 aprile 1925 a Trieste, era più giovane del regime fascista che combatteva.

[ leggi ][ commenta
Una scuola che funzioni. Ovunque
Unità - 07-09-2006
Il ministro Giuseppe Fioroni, nella circolare inviata ai docenti in occasione dell'inizio dell'anno scolastico e nelle note di indirizzo ad essa allegate, ha auspicato il miglioramento dell'apprendimento e l'estensione dell'istruzione; il recupero di motivazione e partecipazione degli studenti; un contrasto efficace alla dispersione; una scuola inclusiva nei confronti di tutte le diversità; la fiducia pubblica verso la funzione e l'operato degli insegnanti e della scuola; il legame sempre più stretto con le comunità e le sue articolazioni sociali e istituzionali.

[ leggi ][ commenta
Insegnamento alternativo all'educazione religiosa
Cub Scuola Torino - 06-09-2006
Il Ministero riconosce che:
- l'insegnamento alternativo alla religione cattolica è riconosciuto, ai fini del punteggio, nelle graduatorie permanenti del personale precario se corrisponde ad una materia normalmente insegnata;
- nelle graduatorie di istituto va riconosciuta, in misura ridotta, anche se non corrisponde a materie insegnate normalmente .

[ leggi ][ commenta
Primine addio, finisce un'epoca
Tuttoscuola - 05-09-2006
Prima della riforma Moratti era consentito, previo superamento di un esame di idoneita', passare direttamente in seconda classe, guadagnando un anno. Per preparare i bambini di cinque anni a questo esame, molte scuole materne private organizzavano classi ad hoc, le primine.Ma tutto questo ora non sara' piu' possibile.
Ma tutto questo ora non sara' piu' possibile...

[ leggi ][ commenta
Emanata dal MPI la nuova Direttiva di indicazioni per l'INVALSI
Cisl scuola - 04-09-2006
Il Ministro della Pubblica Istruzione ha emanato la Direttiva prot. n. 649 del 25.8.2006 con la quale - sulla base del nuovo quadro politico ed istituzionale - ha ravvisato la necessità di integrare e modificare la precedente Direttiva Ministeriale n. 27 del 13.3.2006 concernente gli "obiettivi generali delle politiche nazionali", rivolta all'INVALSI per lo svolgimento della propria attività istituzionale.

[ leggi ][ commenta
Destinazione alle scuole italiane all'estero
Uil scuola estero - 02-09-2006
La pubblicazione del decreto per lo svolgimento delle prove linguistiche per la destinazione alle scuole italiane all'estero, dà finalmente risposta, dopo due anni di ritardo, alle attese di migliaia di docenti che aspirano a realizzare questa importante esperienza professionale, in una dimensione multiculturale, nelle nostre istituzioni scolastiche all'estero, che potrà essere molto utile per la loro attività di insegnamento in Italia.
[ leggi ][ commenta
Tagli alle scuole di montagna?
Uncem.it - 01-09-2006
"Una cosa è bene che sia chiara: le zone di montagna stanno razionalizzando sulle scuole da tredici anni. Parlare oggi di razionalizzazioni ulteriori significherebbe chiamare in un altro modo operazioni di chiusura.
E su questo non ci stiamo né ci staremo mai".
Enrico Borghi
[ leggi ][ commenta
Una circolare ferma la Moratti
Italia Oggi - 01-09-2006
La nota è relativa all'avvio del nuovo anno scolastico, che appunto inizia ufficialmente il 1° settembre. Ed è un lungo elenco di provvedimenti a firma Moratti che non vanno più applicati. Gli istituti scolastici che a giorni apriranno i battenti dovranno dunque fare i conti con una scuola che comunque, nei fatti, è cambiata.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Mio padre
Marko Milosevic - 09-09-2006
 storie 
La domanda non è se mio padre sia stato o non sia stato ucciso o avvelenato. Il punto è che un ex capo di stato, trattenuto in custodia dalle Nazioni Unite, era gravemente malato e si lamentava continuamente delle sue condizioni fisiche. Il suo stato di salute fu dichiarato disastroso molte volte dai medici. Gli negarono le adeguate (se mai concesse) cure mediche, e poi è morto.
[ leggi ][ commenta
Tre belle sorprese rileggendo Croce
l'Espresso - 09-09-2006
 quaderni 
Croce esercitò sulla cultura italiana una sorta di tirannia intellettuale che si dispiegò gradualmente nel primo quindicennio del Novecento raggiungendo il culmine negli anni immediatamente successivi alla prima guerra mondiale.

[ leggi ][ commenta
Cinema gratuito e popolare?
Associazione Per Castello alto - 08-09-2006
 cinema 
La rassegna "Cinema senza frontiere" di quest'anno, costruita con alcuni dei film più significativi degli ultimi anni, toccherà questioni importanti come: la precarietà del lavoro ("cacciatore di teste"), il razzismo ("Fame chimica"), la guerra ("La vita è un miracolo", "La tigre e la neve"), la globalizzazione ("L'ultimo treno")
[ leggi ][ commenta
Sottopasso Alta Velocità
Firmatari appello a Di Pietro - 07-09-2006
 sociale 
Molto deludente la posizione espressa dal ministro Di Pietro che approva nei fatti come priorità in Toscana il dannoso, dispendioso e inutile tunnel di 7 km sotto Firenze. Si tratta di un'opera per cui è stata prevista una spesa di più di 1 miliardo di euro, tutto denaro pubblico che se impiegato per il sottoattraversamento di Firenze non potrà essere impiegato per le molte altre opere utili da realizzare in Toscana.
[ leggi ][ commenta
Fjestival delle diversità
Centro delle culture - 06-09-2006
 messaggio 
Il 9 Settembre 2006 si svolgerà a Bergamo presso la fara una festa multiculturale dedicata alla pace e alle risorse delle diversità culturale.
[ leggi ][ commenta
Al festival filosofia in scena l'umanità
www.festivalfilosofia.it - 05-09-2006
 incontri 
Il confine sempre più fragile tra uomo e animale, la nuova e problematica frontiera tra naturale e artificiale e il rapporto tra essi umani e altri esseri viventi sono al centro del sesto Festival filosofia, in programma dal 15 al 17 settembre a Modena, Carpi e Sassuolo.
[ leggi ][ commenta
Senza parole
Ansa - 04-09-2006
 espressioni 
''Il lavoro rende liberi. Non ricordo dove lessi questa frase, ma fu una di quelle citazioni che ti fulminano all'istante''. Firmato: senatore Tommaso Coletti, presidente della Provincia di Chieti. Comincia così un messaggio contenuto in depliant e inserzioni pubblicitarie della Provincia per promuovere i centri per l'impiego.
[ leggi ][ commenta
Londra, 10 agosto.
megachip.info - 02-09-2006
 opinione 
Sono in molti a chiedersi che cosa ci fosse, davvero, sotto l'ormai famoso "complotto del terrore" aereo, "scoperto" con grande clamore mediatico, grande paura planetaria, grandi contromisure mondiali, il 10 di agosto 2006. Per inciso: mentre Israele bombardava senza tregua il Libano e la striscia di Gaza, attirandosi addosso l'esecrazione di una larga maggioranza di cittadini di ogni latitudine.

[ leggi ][ commenta
Mobbing: lo sto vivendo su di me
Fuoriregistro - 02-09-2006
 mobbing 
Riceviamo, e pubblichiamo, questa circostanziata denuncia di vessazioni sul luogo di lavoro. Vessazioni più note come mobbing. Abbiamo scelto di celare il nome dell'Autore (ma la lettera che abbiamo ricevuto è debitamente firmata) e i nomi di alcuni soggetti citati per evitare l'individuazione del soggetto e della Società Armatrice. Quello che ci interessa rilevare - in ultima analisi - non è tanto la singola denuncia che costituisce un elemento -di per sé - rilevantissimo quanto la vastità e la rilevanza sociale di un fenomeno sempre più diffuso e dal quale - duole rilevarlo - persino la scuola non è esente
[ leggi ][ commenta
Inni alla luce
Alberto Biuso - 01-09-2006
 libri 
Inni alla Luce perché la carne tagliata produce i suoi frutti fecondi.
Perché l'abbandono - dato e subito - si trasforma in armonia.
Perché gli occhi guardano da una distanza e abitano nella potenza, nel varco dell'enigma che si svela.
Perché appagamento e ascesi sono inseparabili.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
8 settembre 1943
Gli avvenimenti dell' 8 settembre 1943 in Italia sono stati oggetto di studio, analisi, discussione nelle più svariate sedi. Ad eccezione delle tragiche vicende di Cefalonia la saggistica e la ricerca storica hanno confinato le vicende di quel drammatico settembre fuori dall' Italia nel dimenticatoio. Ciò appare una imperdonabile sottrazione alla memoria storica collettiva. In queste pagine cerchiamo di colmare questa lacuna ricordando quegli avvenimenti in Egeo.
Capdi
Il sito è a disposizione degli educatori fisici e dei laureati di scienze motorie e ha lo scopo di mettere la nostra associazione nazionale italiana (Confederazione delle Associazioni Provinciali dei Diplomati negli Istituti superiori di Educazione fisica e dei Laureati di Scienze Motorie) in rapporto con le altre associazioni nazionali dei Paesi europei e del resto del mondo.

Libera Associazione Ligure di Formazione permanente
Fondata nel luglio 2005, l'associazione no profit pone al centro delle proprie attività lo studio, la ricerca, il dibattito, la formazione, l'aggiornamento culturale, le iniziative editoriali. Tra i suoi scopi: contribuire allo sviluppo culturale e civile dei cittadini promuovere, gestire e realizzare progetti finalizzati all' educazione continua e permanente attraverso la diffusione di materiale culturale valorizzare il patrimonio ambientale, storico-artistico del territorio.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Direttore responsabile: Luciano Scateni
In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Marino Bocchi, Grazia Perrone, Anna Pizzuti.
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi. Cura il sito Maurizio Guercio.

Registrazione Tribunale di Frosinone n. 324 del 08.07.2005
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva