Quota 25. Non uno di più
Miha - 30-01-2006
Sono appena scaduti i termini per l'iscrizione degli alunni a scuola per il prossimo anno scolastico ed è in arrivo l'onda lunga demografica del 2000.
Vista la tendenza già in atto da alcuni anni di costituire illegalmente classi con oltre 25 alunni si invitano tutte le RLS, le RSU, le organizzazioni sindacali, i docenti e i genitori a richiedere il rispetto della legge inviando la lettera sotto riportata alle istituzioni competenti. Vedi sul medesimo argomento il comunicato stampa dei Codacons.

E' una battaglia civile in difesa dei diritti di tutti e un invito a prestare maggiore attenzione alla sicurezza nella scuola pubblica. Per una analisi più dettagliata delle gravi carenze in materia si può consultare il dossier di Legambiente su
oppure il libro bianco degli studenti sull'edilizia scolastica.
E' sintomatico che le scuole ricostruite a S. Giuliano dopo il terremoto e la tragedia del 31 ottobre 2002 siano state sequestrate appena completate.

Ricordiamo che la qualità dell'ambiente di studio e di lavoro, cioè dell'aspetto "fisico" e materiale delle scuole, non è solo una questione di sicurezza ma anche di diritto allo studio senza discriminazioni sociali.

Cordiali saluti
Michele Bonicelli RLS i.c. Soliera (MO)


Alla cortese attenzione del
Dirigente Scolastico
E p.c.
Al Consiglio di Istituto/Circolo
Al Sindaco
Al C.S.A. Provinciale
All'Ufficio scolastico regionale
All'Assessore regionale alla Pubblica istruzione

Oggetto: Criteri per la formazioni delle classi scolastiche.

Visto il D.M. del 18/12/1975 (Norme sugli indici minimi di edilizia scolastica, di urbanistica e di funzionalità didattica) il quale stabilisce che le classi debbano essere formate da un massimo di 25 alunni.

Visto il D.M. Interno del 26/08/92 (Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica) che fissa l'indice di 26 persone per aula, incluso il docente, quale indice di massimo affollamento ipotizzabile.

Vista la Legge 820 del 24/09/71 nr. 820 (ordinamento scuola elementare e materna) che vieta l'affidamento di più di 25 alunni ad insegnante.

Considerato che la costituzione di classi più numerose viene generalmente giustificata tramite il D.M. Istruzione 331 del 24/07/1998, regolamento inerente al triennio 1999-2001; atto ministeriale che non può assolutamente sovvertire quanto specificato dalle leggi primarie dello Stato.

Ricordando che il non rispetto degli indici minimi previsti fa automaticamente decadere la validità del certificato di agibilità e del certificato prevenzione incendi.

Si invita il Dirigente Scolastico in qualità di responsabile della legalità dell'Istituto a garantire quanto prescritto dalla legge vigente.

Si invitano altresì le Istituzioni in indirizzo, nell'esercizio delle proprie competenze in materia di determinazione degli organici e di sicurezza nei luoghi di lavoro, ad applicare con la massima cura le funzioni che la legge attribuisce loro.

Data e firma.
..............................................

interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf