breve di cronaca
Comunicato Stampa Confederale
Cisl Scuola - 26-04-2002
In risposta alla richiesta di incontro da parte di CGIL-CISL-UIL SCUOLA e SNALS il Ministro Moratti ha fatto sapere, con una comunicazione telegrafica a firma del capo di Gabinetto, quanto segue:

""MIUR
Gabinetto

Nota prot. n. 7363 del 22 aprile 2002
(telex)

A Cgil Scuola
Cisl Scuola
Uil Scuola
Snals

In esito alla richiesta avanzata con nota n. 815 in data 17 aprile u.s. con la quale codeste Organizzazioni Sindacali hanno chiesto al sig. Ministro un incontro da tenersi entro il giorno 23 p.v. sui numerosi temi in essa indicati, si comunica che non si rende possibile effettuare l'incontro entro la citata data del 23 c.m., sia per l'oggettiva inconciliabilità con altri impegni indifferibili precedentemente assunti dal sig. Ministro, sia per la complessità e la notevole rilevanza dei temi da trattare, abbisognevoli di specifici approfondimenti e, per alcuni di essi, legati a problematiche generali la cui risoluzione, come è noto, rientra anche nella competenza di altri soggetti istituzionali.

L'incontro in questione potrà, pertanto, tenersi in data 9 maggio 2002, alle ore 15.00.

Il Capo di Gabinetto: Dipace""


Comunicato unitario su convocazione del Ministro
Il testo del comunicato-stampa con il quale Cgil, Cisl, Uil Scuola e Snals giudicano la convocazione del Ministro Moratti per il prossimo 9 maggio 23-04-2002



COMUNICATO STAMPA
CGIL-CISL-UIL SCUOLA E SNALS


CGIL Scuola, CISL Scuola, UIL Scuola e SNALS/Confsal giudicano positivamente la convocazione del 9 maggio del ministro Moratti che ha dato così riscontro ad una loro precisa richiesta inoltrata per avere risposte concrete alle rivendicazioni, avanzate da tempo nei confronti del governo e del Ministro, in relazione:

all’immediata apertura delle trattative contrattuali;

alla necessità di assicurare livelli quantitativi e qualitativi di organici del personale;

alla definizione di un concreto piano di investimenti che garantisca ulteriori risorse per il rinnovo contrattuale e per valorizzare le professionalità del personale della scuola;

all'avvio di un confronto reale sulle ricadute dei provvedimenti attualmente in sede legislativa;

alla definitiva soluzione degli inaccettabili ritardi nell'erogazione dei fondi alle scuole e nel pagamento delle retribuzioni;

alla garanzia degli stanziamenti alle scuole statali.

CGIL, CISL, UIL Scuola e SNALS si augurano che la dichiarata volontà del Ministro, di voler dare risposte, trovi effettivo riscontro e porti a soluzione la "questione scuola".

CGIL, CISL, UIL Scuola e SNALS continueranno a mantenere nel frattempo tutte le necessarie forme di "pressione" ai vari livelli riservandosi di intraprendere ulteriori azioni di lotta qualora le risposte, nell'incontro del 9 maggio, fossero dilatorie, vaghe o insoddisfacenti.

Roma, 23 aprile 2002


discussione chiusa  condividi pdf

 bondosan    - 06-05-2002
stiamo attenti perchè i sindacati confederali stanno nuovamente svendendoci per salvare la faccia sull'articolo 18, che risulta essere uno specchio per le allodole