Il Disegno di Legge in discussione
Didaweb - 07-03-2002
Ecco il testo del disegno di legge sugli Organi collegiali che si sta discutendo alla Camera.

Dal Forum DIDAweb “Organi Collegiali, questi sconosciuti”

Disegno di Legge
(Approvato dalla 7a Commissione Camera il 28.02.02)

Norme concernenti il governo delle istituzioni scolastiche

Art. 1.
(Governo delle istituzioni scolastiche)

1. Al governo delle istituzioni scolastiche concorrono il dirigente
scolastico, i docenti, i genitori, gli alunni e gli enti locali secondo i
principi della presente legge.

2. Le disposizioni della presente legge costituiscono principi fondamentali
ai sensi dell'articolo 117, terzo comma, della Costituzione. Le regioni e le
province autonome di Trento e di Bolzano esercitano la propria potestà
legislativa nel rispetto dell'autonomia delle istituzioni scolastiche.

3. Le istituzioni scolastiche, nell'esercizio della propria autonomia,
disciplinano la composizione e il funzionamento degli organi di governo
secondo i princìpi della presente legge. Per il dirigente scolastico restano
ferme le disposizioni legislative vigenti, salvo quanto disposto dalla
presente legge.

4. Gli organi di governo concorrono alla definizione degli obiettivi
educativi e formativi, attraverso percorsi articolati e flessibili coerenti
con l'autonomia scolastica, che trovano compiuta espressione nel piano
dell'offerta formativa, comprensivo delle diverse opzioni eventualmente
espresse da singoli o da gruppi di insegnanti nell'ambito della libertà di
insegnamento. Essi valorizzano la funzione educativa dei docenti, il diritto
all'apprendimento e alla partecipazione degli alunni alla vita della scuola,
la libertà di scelta dei genitori ed il patto educativo tra famiglie e
docenti.

5. L'organizzazione delle istituzioni scolastiche si articola in funzioni di
indirizzo e programmazione, che spettano agli organi di cui all'articolo 2,
comma 1, lettere a) e b), e compiti di gestione e coordinamento, che
spettano al dirigente scolastico.

6. Le disposizioni della presente legge si applicano anche alle istituzioni
educative e alle scuole paritarie, tenuto conto delle loro specificità
ordinamentali. Nelle scuole paritarie la responsabilità amministrativa
appartiene all'ente gestore, il cui rappresentante, o persona dal medesimo
delegata, presiede il consiglio della scuola.

Art. 2.
(Organi delle istituzioni scolastiche).

1. Gli organi delle istituzioni scolastiche sono:

a) il dirigente scolastico;
b) il consiglio della scuola di cui agli articoli 3 e 4;
c) il collegio dei docenti di cui all'articolo 5;
d) gli organi di valutazione collegiale degli alunni di cui all'articolo 7;
e) il nucleo di valutazione di cui all'articolo 9.

Art. 2-bis.
(Dirigente scolastico).

1. Il dirigente scolastico, ai sensi dell'articolo 25 del decreto
legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e delle altre disposizioni legislative
vigenti, assicura la gestione unitaria dell'istituzione, ne ha la legale
rappresentanza ed è responsabile della gestione delle risorse finanziarie e
strumentali e dei risultati del servizio.

Art. 3.
(Consiglio della scuola).

1. Il consiglio della scuola, nei limiti delle disponibilità di bilancio e
nel rispetto delle scelte didattiche definite dal collegio dei docenti, ha
compiti di indirizzo e programmazione delle attività dell'istituzione
scolastica. Esso, in particolare su proposta del dirigente scolastico:

a) delibera il regolamento relativo al proprio funzionamento;
b) adotta il piano dell'offerta formativa, elaborato dal collegio dei
docenti, verificandone la rispondenza agli indirizzi generali e alle
compatibilità rispetto alle risorse umane e finanziarie disponibili;
c) approva il bilancio annuale ed il conto consuntivo;
d) delibera il regolamento della scuola, che definisce i criteri per
l'organizzazione e il funzionamento dell'istituzione, per la partecipazione
degli studenti e delle famiglie alle attività della scuola, nonché per la
designazione dei responsabili dei servizi;
d-bis) approva l'adesione della scuola ad accordi e progetti coerenti con il
piano dell'offerta formativa.

2. Il consiglio della scuola dura in carica tre anni scolastici ed è
rinnovato entro il 31 ottobre successivo alla sua scadenza.

3. In sede di prima attuazione della presente legge, il regolamento di cui
al comma 1, lettera a), è deliberato dal consiglio di circolo o di istituto
uscenti. Decorsi sei mesi dal suo insediamento, il consiglio della scuola
può adottare modifiche ed integrazioni al regolamento deliberato ai sensi
del presente comma.

4. Nel caso di persistenti e gravi irregolarità o di impossibilità di
funzionamento o di continuata inattività del consiglio della scuola, il
dirigente scolastico regionale, provvede al suo scioglimento, nominando un
commissario straordinario che resta in carica fino alla costituzione del
nuovo consiglio.

Art. 4.
(Composizione del consiglio della scuola).

1. Il consiglio della scuola è composto da undici membri, tra cui il
dirigente scolastico nonché cinque genitori e tre docenti nella scuola
materna, elementare e media e tre genitori, tre docenti e due studenti nella
scuola secondaria superiore. Fanno altresì parte del consiglio della scuola
il direttore dei servizi generali e amministrativi e un rappresentante
dell'ente tenuto per legge alla fornitura dei locali della scuola.

2. Le modalità di elezione delle rappresentanze dei docenti, dei genitori e
degli studenti sono stabilite dal regolamento della scuola.

3. Il consiglio della scuola è presieduto dal dirigente scolastico, il quale
lo convoca e fissa l'ordine del giorno. Il consiglio si riunisce altresì su
richiesta di almeno i due terzi dei suoi componenti o su richiesta del
Garante dell'utenza di cui al comma 4.

4. Il primo degli eletti tra i genitori assume, su delibera del consiglio
della scuola, la funzione di Garante dell'utenza, col compito di
rappresentare, attraverso risoluzioni, documenti e altri strumenti, il punto
di vista e le esigenze degli utenti del servizio. Il Garante dell'utenza è
membro di diritto del nucleo di valutazione di cui all'articolo 9 e lo
presiede.

5. Il direttore dei servizi generali e amministrativi svolge anche le
funzioni di segretario del consiglio della scuola. Non ha diritto di voto
per le delibere riguardanti il bilancio e il conto consuntivo. Per le
medesime delibere, non hanno altresì diritto di voto gli studenti minorenni
che fanno parte del consiglio della scuola.

6. Il consiglio della scuola può decidere che alle sue sedute partecipino,
senza diritto di voto, soggetti esterni scelti in ambito educativo,
sportivo, culturale, sociale ed economico.

Art. 5.
(Collegio dei docenti).

1. Il collegio dei docenti ha compiti di indirizzo, programmazione,
coordinamento e monitoraggio delle attività didattiche ed educative. Esso
provvede in particolare, alla elaborazione del piano dell'offerta formativa,
secondo i principi di cui all'articolo 1, comma 4.

2. Sono rimesse all'autonomia del collegio dei docenti le forme di
articolazione interna ritenute idonee allo svolgimento dei propri compiti.
Tale organizzazione del collegio è recepita dal regolamento della scuola.

3. Il collegio dei docenti è presieduto e convocato dal dirigente
scolastico, che stabilisce l'ordine del giorno dei lavori. Il collegio si
riunisce altresì su richiesta di almeno un terzo dei suoi componenti.

Art. 6.
Soppresso

Art. 7.
(Organi di valutazione collegiale degli alunni).

1. I docenti, nell'esercizio della propria responsabilità professionale,
valutano gli alunni, periodicamente ed alla fine dell'anno scolastico, in
sedi collegiali e secondo modalità organizzative coerenti con i percorsi
formativi degli alunni stessi indicate dal regolamento della scuola.

Art. 8.
(Partecipazione e diritti degli studenti e delle famiglie).

1. Le istituzioni scolastiche, nell'ambito dell'autonomia organizzativa e
didattica riconosciute dalla legge, valorizzano la partecipazione alle
attività della scuola degli studenti e delle famiglie, di cui garantiscono i
diritti di riunione e di associazione.

2. Salvo quanto previsto dall'articolo 4, il regolamento della scuola può
stabilire altre forme di partecipazione dei genitori e degli studenti. Si
applica anche ai genitori quanto previsto per gli studenti dall'articolo 2,
commi 9 e 10, del regolamento di cui al decreto del Presidente della
Repubblica 24 giugno 1998, n. 249.

Art. 9.
(Nuclei di valutazione del funzionamento dell'istituto).

1. In ogni istituzione scolastica è istituito un nucleo di valutazione
dell'efficienza e dell'efficacia del servizio, che opera anche tenendo conto
delle finalità fissate dall'Istituto Nazionale per la Valutazione del
Sistema dell'Istruzione in ordine alla qualità complessiva dell'offerta
formativa. Il nucleo di valutazione, su indicazione del consiglio della
scuola, si collega a rete con i nuclei di altri istituti. Il nucleo di
valutazione è composto dal Garante dell'utenza di cui all'articolo 4, comma
4 nonché da un docente e da un soggetto esterno all'istituzione scolastica,
nominato dal consiglio della scuola.

Art. 9-bis
(Disposizione finanziaria)

1. Dall'attuazione della presente legge non debbono derivare nuovi o
maggiori oneri a carico del bilancio dello Stato.

Art. 10.
Soppresso

Art. 11.
Soppresso

Art. 12.
Soppresso

Art. 13.
Soppresso

Art. 14.
Soppresso

Art. 15.
Soppresso

Art. 16.
(Abrogazioni).

1. Sono abrogate le disposizioni di cui alla parte I, titolo I, capi I, V,
VI e VII, del testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n.
297, e successive modificazioni, incompatibili con la presente legge.

interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf