Scadenze antiMoratti
Manifesto dei 500 - 03-09-2004
Al termine delle assemblee di maggio e giugno di discussione della "Lettera Aperta della scuola Sibilla Aleramo di Torino", un gruppo di insegnanti e genitori di Torino, Milano, Varese e Parma è stato incaricato di redigere la seguente proposta per rilanciare la discussione e le iniziative a settembre.

A TUTTI GLI INSEGNANTI
A TUTTI I GENITORI

Cari amici,
l'anno scolastico che inizierà nei prossimi giorni sarà probabilmente decisivo per le sorti della "riforma" Moratti.

Tutti gli aspetti che grazie alla mobilitazione si sono riusciti a contenere o sui quali si mantiene almeno aperta la discussione (tutor, libri di testo, titolarità insegnanti, programmi, orari…) avranno probabilmente nelle prossime settimane e nei prossimi mesi un'evoluzione decisiva: o si riuscirà a difendere il modello attuale di scuola e ad arrivare al ritiro del primo decreto applicativo, aprendo la strada all'abrogazione della legge, oppure a poco a poco, scuola per scuola, gli aspetti della "riforma" che in molti istituti hanno cominciato a passare (in modo differenziato) si allargheranno a tutti il territorio e prenderanno il sopravvento, travolgendo la resistenza delle singole scuole.

D'altra parte non si può dire che la "riforma" non parta a settembre: centinaia di classi in tutto il Paese cominceranno ad applicarne molti aspetti, centinaia di posti richiesti non sono stati concessi e la "riforma" sta producendo la divisione totale e la frantumazione del sistema scolastico nazionale.

Intanto altri pericoli imminenti si profilano: come saprete, per esempio, il Ministero ha aperto la contrattazione con i sindacati sulla questione del tutor, con l'intenzione di inserire questa figura nel contratto fin da quest'anno. Per questo fine ha anche stanziato 90 milioni di euro per incentivare i tutor e per il 30 agosto è stato annunciato un primo incontro per arrivare ad un accordo.

Tutto dipenderà quindi dalla mobilitazione e dalle iniziative che i sindacati assumeranno ed è per questo che è fondamentale riprendere subito il cammino dell'anno scorso.
Sappiamo che dopo le vacanze non è facile avviare subito il lavoro e la mobilitazione, ma pensiamo che questa fase sia importantissima per non trovarci impreparati quando arriveranno i provvedimenti o quando cominceranno le pressioni nelle scuole.

A maggio e giugno abbiamo avviato insieme una discussione a partire dalla "Lettera Aperta degli insegnanti della Sibilla Aleramo di Torino" che ponevano il problema dello sciopero generale, del come cominciarlo a preparare nelle scuole, di come battersi per l'unità…

Questa discussione va secondo noi ripresa e approfondita, ma intanto noi rilanciamo a tutte le scuole del Paese la proposta operativa su cui abbiamo concluso le assemblee di Torino e Milano a giugno: riunire delle vere assemblee in tutte le scuole, discutere con chi verrà, invitare i rappresentanti sindacali, rivolgersi a loro e in particolare discutere dello sciopero. Poi votare delle vere mozioni, che riflettano la discussione e le proposte, che prendano posizione sullo sciopero e sugli altri aspetti all'ordine del giorno (tutor) e eleggere uno o due delegati per incontrarsi con gli altri delegati e rilanciare le iniziative concrete che si valuteranno possibili.

Su questa base vi informiamo che è emersa la proposta di realizzare un Secondo Incontro Nazionale dei delegati e di promuovere una delegazione ai dirigenti sindacali nazionali per dire "NO a qualunque accordo che introduca il tutor, sotto nessuna forma". Noi vi proponiamo di discutere entrambe le proposte, oltre a quelle che emergeranno nelle vostre riunioni.

Per fare dei passi avanti su questa strada, preparare insieme le assemblee in tutte le scuole, confrontarci sulla situazione e prendere subito iniziative concrete in vista dell'inizio dell'anno invitiamo tutti gli insegnanti e i genitori a venire alle prossime riunioni

A Torino: lunedì 6 settembre, ore 17.30
c/o sc. el. "Sibilla Aleramo". V. Lemie, 48

A Milano: mercoledì 8 settembre, ore 20.30
c/o sc. media "Colorni", v. P. Uccello, 1/A (MM 1 Lotto)


Ai colleghi delle altre province proponiamo di diffondere questa lettera nelle loro scuole, riunire le assemblee in occasione dell'inizio dell'anno, votare mozioni che prendano posizione sullo sciopero generale e sulla altre questioni all'ordine del giorno. eleggendo i delegati per l'Incontro Nazionale.



interventi dello stesso autore  discussione chiusa  condividi pdf

 ilaria ricciotti    - 03-09-2004
Il movimento dei 500 dovrebbe essere seguito da altri che a quanto pare stanno accettando tutto e di più.
Sono contenta che ancora esistete.
Contate pure su di me, così saremo 501.