Enzo Baldoni
Frg - 23-08-2004
Ci giunge questa segnalazione:


Scomparso Enzo Baldoni

Non ci sono notizie da giovedì del nostro collaboratore, disperso mentre era in viaggio tra Baghdad e Najaf

di Giacomo Papi

Non ci sono notizie di Enzo Baldoni, il collaboratore di Diario scomparso giovedì 19 agosto sulla strada che collega Baghdad a Najaf. Avevamo sentito Enzo il giorno prima, per accordarci sul reportage che ci avrebbe dovuto mandare entro lunedì prossimo.
Come sa chi frequenta questo sito, Enzo Baldoni ha un http://bloghdad.splinder.com/ dove ha appuntato quasi quotidianamente il diario del suo viaggio in Iraq. Nel linkarlo, avevamo presentato Enzo così: “uno a cui capitano sempre cose interessanti”. Paradossalmente è proprio questa sua caratteristica a muovere un po’ all’ottimismo. Nei suoi molti viaggi nelle zone agitate del pianeta (dalla Colombia, al Messico, a Timor Est), Enzo si è cacciato nei guai quasi sempre, Ed è sempre tornato a casa più forte e ottimista di prima.
Qualche giorno prima della sua partenza, abbiamo mangiato insieme. Parlavamo della necessità di informarsi e studiare prima di andare in un posto nuovo. Ho detto, così per dire, che bisognerebbe scrivere prima o poi un elogio dell’ignoranza, che a volte l’ignoranza permette di vedere cose che chi sa non vedrebbe. Enzo si è come illuminato. Nei giorni successivi mi ha chiesto il permesso di usare quella frase, come se avessi centrato senza volerrlo qualcosa di profondo nel suo stile. Come se avessi fornito un motto al suo bisogno di partire e guardare.
In queste ore ci piace pensarlo come uno che va a zonzo nel mondo, un incrocio tra Mister Magoo e Candide, protetto dalla propria curiosità dei fatti e degli uomini. Non è la prima volta che Enzo scompare, non è la prima volta che fa brutti incontri, non è la prima volta che ricompare per raccontare a tutti noi com’è andata.

da Diario.it

Il blog sul quale Baldoni va "a zonzo per Baghdad e dintorni" assomiglia ad uno strano cocktail dove l'acqua della piscina del Palestine (chissà se "a basso tenore di sodio"?) si mescola alle immagini del sangue nell'ospedale della Croce Rossa Italiana della capitale ("l'unico centro in Irak dove si curano i grandi ustionati"). O dove la "nota personale" di un amore si affianca ad altre note a cui è difficile dare un sapore diverso.
Ma "così è la vita, in una città come Baghdad. A scacchi", racconta Baldoni, lasciandoci pensare che non solo di latitudini si tratti.
Non aggiungiamo altre parole alle pagine del diario che vi invitiamo a leggere.
Riportiamo solo uno degli ultimi racconti, datato 15 agosto e pubblicato tre giorni fa.
Ringraziando per lo spaccato di umanità che ci lascia incontrare".









interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf

 gp    - 25-08-2004
Comunicato di Diario
Agli uomini che hanno in custodia Enzo Baldoni



Vorremmo far sapere agli uomini che lo hanno in custodia, chi è Enzo Baldoni.

È una persona animata di sentimenti d’umanità per le persone che soffrono nel mondo.

È un giornalista indipendente e assolutamente autonomo.

È un collaboratore del nostro giornale, Diario, settimanale libero nei confronti del governo italiano.
Nel suo breve soggiorno in Iraq, Enzo Baldoni è stato determinante nell'organizzazione di due convogli di aiuti umanitari della Croce Rossa Italiana e della Mezzaluna Rossa, arrivati a Najaf il 15 e il 19 agosto.

In entrambi i casi, è riuscito a entrare nella città, a consegnare viveri e medicinali e trarre in salvo donne e bambini, mettendo a rischio la propria vita.

Pochi giorni prima, aveva preso contatti con Teresa Sarti, presidente di Emergency, chiedendole aiuto per operare Mohammed, un iracheno che, mentre accompagnava la moglie a partorire in autoambulanza, era stato colpito da un carrarmato americano. La moglie e il bambino erano morti. Enzo è stato rapito mentre stava tornando a Baghdad per accompagnare Mohammed all'ospedale di Emergency a Sulaymania. Come testimoniano le foto e i messaggi e-mail che abbiamo inviato all’emittente Al Jazeera e che Diario pubblicherà sul prossimo numero.