breve di cronaca
Vacanze scolastiche su misura per cinesi e musulmani
Tuttoscuola - 13-07-2004

Vacanze scolastiche nei giorni di festa delle altre etnie presenti nelle scuole. Fa discutere la decisione della regione Campania di prevedere nel calendario scolastico la possibilita' che singole scuole decidano vacanze aggiuntive per consentire ad alunni di nazionalita' non italiana di partecipare a feste civili e religiose secondo gli usi e i costumi del proprio paese.
A cogliere la singolarita' di tale decisione e' stata per prima Tuttoscuola in una notizia del 5 luglio sui calendari scolastici regionali per il prossimo anno. La notizia e' stata prontamente raccolta dalle agenzie di stampa, rimbalzando sui telegiornali e sugli organi di informazione, tanto che uno dei maggiori quotidiani nazionali ha dedicato una serie di servizi e di interviste proprio alla decisione campana.
Qualcuno si e' chiesto se l'iniziativa corrisponde ad un effettivo bisogno dovuto ad una massiccia presenza straniera nelle scuole.
Scorrendo i dati ufficiali dell'anno 2002-2003 pubblicati dal Miur e relativi agli studenti di nazionalita' non italiana presenti nelle scuole statali e paritarie della Campania si scopre che la regione e' tra le ultime come quantita' di stranieri ospitati, 3.112, un dato ben lontano dalla Lombardia (57.610 alunni stranieri), dall'Emilia Romagna (29.368) o del Veneto (29.320).
L'incidenza di alunni stranieri rispetto all'intera popolazione scolastica e' mediamente di circa il 3% in Italia, con punte del 7-8% al nord. In Campania l'incidenza e' dello 0,44% Se si guarda alle singole province campane, Benevento con 115 alunni stranieri e Avellino con 272 sono tra le province con il piu' basso numero di stranieri. Non stanno molto meglio Salerno con 539 e Caserta con 894 (solo una sessantina nel comune capoluogo). La stessa Napoli con 1.292 stranieri di cui meno di 400 nel comune capoluogo e' 49.ma nella graduatoria nazionale delle province con il maggior numero di alunni con nazionalita' non italiana.
Che sia un modo per attirare studenti stranieri in Campania?

discussione chiusa  condividi pdf