tam tam |  software libero  |
Formazione e-learning
Valerio Predelli - 22-06-2004
Indire incontra Anitel, insegnanti e-tutors

Indire si è ormai imposto all'attenzione del mondo scolastico come l’Istituto Nazionale di Documentazione per l’Innovazione e la Ricerca Educativa, nato nel 2000 dalla trasformazione della Biblioteca di Documentazione Pedagogica, un ente di valenza storica per la cultura e la documentazione scolastica. Negli ultimi tempi è diventato sinonimo di formazione e-learning e attraverso le sue piattaforme ha progettato e realizzato, per conto del Ministero, alcuni corsi a livello nazionale frequentati da migliaia di insegnanti di ogni ordine e grado: neoassunti2001, Fortic (corsi A, B, C1, C2) e i nuovissimi dedicati allo studio della riforma scolastica.

Puntoedu è un ambiente di apprendimento basato su un modello di blended e-learning, che propone una combinazione di formazione online ed incontri in presenza in grado di creare sia comunità classe (mediamente 20 corsisti) animata da un collega e-tutor, sia comunità virtuali di considerevole numero (forum) all'interno delle quali viene facilitato e stimolato lo scambio e la condivisione delle conoscenze in un clima collaborativo. In poche parole è il modello base prescelto dal Ministero per la formazione (on line) dei docenti. L'e-tutor, la figura base che rappresenta l'anello di congiunzione tra la progettualità e la fruizione, ha il compito di facilitare l'uso delle risorse del percorso formativo, dare continuità agli incontri in presenza e all'attività online, stimolare e coordinare la discussione tra i corsisti anche con l'uso della classe virtuale. Ormai, dopo qualche anno di esperienza, i colleghi che hanno gestito questa nuova funzione docente sono piu' di cinquemila. Dalla loro disponibilità, esperienza, capacità relazionale e comunicativa dipende, in larga misura, il buon esito di un progetto-corso. Inoltre gli e-tutors, in diretto contatto con il fruitore finale, rappresentano un archivio di conoscenza relativo ai problemi insiti al modello formativo (difficoltà dei corsisti, difficoltà tecniche e quant'altro s'inneschi in processi complessi).
Ecco quindi alcune delle motivazioni per cui Indire, nella persona del direttore Giovanni Biondi, ha invitato Anitel, la lista specializzata di e-tutors, in un incontro che si terrà a Firenze nelle giornate del 13 e 14 luglio 2004, occasione nella quale saranno affrontate tematiche di rilevante importanza come il ruolo dell'e-tutor (organizzazione formazione e-learning e formazione e-tutor riconoscimento formativo), il piano formativo (coerenza, affidabilita’, continuita’, gradualita’ e trasparenza, autonomie regionali e relative conseguenze sulle iniziative formative Indire), la Piattaforma. L'incontro quindi rappresentera' una tappa significativa nel progetto formativo non soltanto perché è la prima iniziativa del genere ma soprattutto in quanto potrà configurarsi come knowledge management In quell'occasione Anitel coglierà l'occasione per trasformarsi da lista in associazione no profit con l'intento di fungere da portavoce e rappresentare i colleghi corsisti e e-tutors nel processo formativo. Naturalmente l'incontro, compatibilmente con la capienza del salone presso la sede Indire, è aperto a tutti gli e-tutors interessati. Per motivi organizzativi la prenotazione è obbligatoria tramite iscrizione alla lista
Per Anitel (associazione formatori e-tutors / e-learning)

discussione chiusa  condividi pdf

 Paola M.    - 22-06-2004
Finalmente era ora che Indire si confrontasse con la base e l'utenza in una questione così importante come l'e-formazione! Vorrei anch'io iscrivermi all'associazione anitel e partecipare all'incontro..
Paola M.