breve di cronaca
Il punto sull'autonomia
Scuolaoggi - 12-05-2004
Si è svolto a Paestum nei giorni 27 e 28 aprile un interessante convegno nazionale organizzato dalla Cgil Scuola e da Proteo Fare Sapere sulla scuola media, "terra di mezzo" tra primaria e superiori.

Contro i processi di cambiamento che la legge 53/03 ed il primo decreto attuativo vogliono introdurre nella scuola media, cancellando le migliori esperienze cancellando le tappe di evoluzione di questa scuola, è stata proposta una riflessione per rimettere al centro le ragioni della scuola. Non si vuole che questo patrimonio venga disperso, l’autonomia didattica e organizzativa è un mezzo che consente alle scuole di dare continuità a quelle esperienze respingendo la gerarchizzazione dei docenti a favore della ricchezza derivante dalla collegialità, così come la cultura, la storia della scuola “di mezzo” deve diventare l’antidoto migliore ai processi di controriforma.

Per visionare gli interessanti documenti prodotti nel convegno (Scuola media: la terra di mezzo, di Simonetta Fasoli. Quale musica nella scuola media? di Mariuccia Puleo. Le premesse ai "nuovi programmi Moratti", di Leopoldo Ceraulo. Le discipline secondo le "Indicazioni..". area scientifica, di Gabriella Spagnuolo. Il nodo delle lingue straniere, di Anna Maria Curci. Leggendo i nuovi piani di studio, di Paolo Cardoni, Area artistica, di Patrizia Desiderio. Area motorioa: il cambio della prospettiva educativa, di Paola Pietrangeli. Il dirigente scolastico nei processi di controriforma, di Armando Catalano. Dall`educazione tecnica alla tecnologia, di Antonio Limonciello) suggeriamo ai nostri lettori di visitare il sito di PrroteoFare Sapere questo indirizzo .

Qui proponiamo l’intervento effettuato al convegno dal nostro collaboratore Federico Niccoli sul tema dell'autonomia scolastica.





discussione chiusa  condividi pdf