>> continua..."/>
Nuove iniziative di mobilitazione
Coordinamento insegnanti-genitori - 02-04-2004
Napoli , 31/03/2004


Il coordinamento insegnanti-genitori di Napoli si è riunito il 30 marzo alle ore 17,00 nei locali del caffè letteraio Intra Moenia in p.zza Bellini - Napoli .
Erano presenti genitori di diversi circoli didattici di Napoli, insegnanti di scuole elementari di diverse aree della città, alcuni insegnanti di scuola media e superiore.

Argomenti trattati:

1) punto della situazione nelle scuole: mediamente i dirigenti temporeggiano ed i collegi, quindi, non si sono ancora espressi ufficialmente con delibere sulla riforma. In alcune situazioni i dirigenti fanno aleggiare minacce, non concretizzate in alcuna iniziativa, per intimorire i docenti.

2) Organizzazione territoriale del movimento: le scuole attualmente più attive e presenti si faranno carico, in diverse aree della città, di comunicare ed " adottare" altre scuole, per raccordare le iniziative: 5° circolo ( zona Nord) , 28° e 36° ( Vomero zona collinare), 73° (zona flegrea), 33° ( zona Soccavo), 19° ( zona centro). E´ assolutamente necessario coinvolgere più attivamente le scuole medie.


3) Resoconto dell'incontro nazionale (27 e 28 marzo) dei coordinamenti che si sono riuniti a Bologna :

a) i prossimi due mesi sono decisivi per allargare ancora il dissenso; b) costruire insieme a tutti i comitati già attivi uno sciopero della scuola unitario con una grande manifestazione nazionale contro la riforma; c) continuare a proporre mozioni agli organi collegiali che mantengano gli assetti organizzativi e rifiutino la definizione dei criteri per nominare i docenti-tutor; d) una campagna per la non adozione dei testi con i programmi della Riforma, l'adozione alternativa o la conferma dei libri di testo con i vecchi programmi; e) un manifesto da diffondere al più presto nelle scuole per mostrare con semplicità e chiarezza come sia possibile e pienamente legittimo opporsi alla Riforma Moratti .

4) Quale mobilitazione nei collegi: si è discusso di quanto sta emergendo in alcune aree di dissenso (vedi Gilda e C.I.D.I., quest` ultima in relazione ad un seminario che si è tenuto presso la scuola Vanvitelli il 29 marzo) che, pur affermando una netta critica alla riforma, propongono alle scuole di contenere il pù possibile i danni della riforma utilizzandone i punti ambigui e volutamente non chiari per salvaguardare il pù possibile l´attuale assetto. Tale posizione ci sembra rischiosa e senza reali garanzie per il futuro ( dire " siamo tutti tutor" significa comunque rendere attiva tale funzione; non ci sono garanzie, se non escamotage sull ` orario;vero punto-cardine; la conferma dell ` organico solo per il prossimo anno e, parallelamente, i tagli annunciati dal ministro, ci prefigurano un futuro estremamente incerto). Di conseguenza si è deciso di preparare un documento per le assemblee dei lavoratori ( da attivare al più preso nelle scuole) e per i collegi,in cui rassicurare sull ` infondatezza di alcune minacce che aleggiano ( tipo precettazione), illustrare i punti deboli e rischiosi della proposta di adattamento della riforma, fornire indicazioni per riaffermare i Pof esistenti e la progettualità dei collegi come vero antidoto alla riforma .

5) Adozione dei libri di testo: E´ necessario acquisire informazioni su quanto ci riservano le case editrici in relazione all ` adozione dei libri di testo. La Giunti ( ed ovviamente la Mondatori del presidente del consiglio), ha adeguato tutta la produzione alla riforma, anche per le classi che dovrebbero riconfermare i testi con vaneggianti opuscoli di storia, di approfondimento in quelle classi che, come la quarta e quinta elementare, dovrebbero "attardarsi "su contenuti già svolti in terza oppure di sintesi in prima media, classe in cui si salta al medio evo.Sarebbe opportuno a breve fare un ` indagine accurata tra le case editrici, per verificare se sono disponibili le "vecchie" edizioni e decidere, di conseguenza, come coordinare la nostra mobilitazione.

6) Resoconto dell ` intervento al Convegno " I bambini salveranno Napoli " ( 27 marzo a cura del Comune di Napoli ed Onda Rosa) - Interventi presso iniziative e dibattiti a livello cittadino : siamo intervenuti al convegno, malgrado il dibattito fosse ai margini, per parlare concretamente della scuola su cui incombe la riforma e sono stati presi contatti con l´associazione Onda Rosa per costruire in modo più ampio un discorso sulla scuola. E´ necessario stilare un calendario delle iniziative alle quali è possibile intervenire come coordinamento ed organizzarsi in merito. Prossima iniziativa un incontro sulla scuola presso la sede a Chiaia di Rifondazione Comunista.

IL PROSSIMO INCONTRO DEL COORDINAMENTO SI TERRÀ´ MARTEDÌ´ 6 APRILE ORE 17,00 INTRA MOENIA P.ZZA BELLINI.

PER CONTATTARCI: morattino@libero.it Tel. 339574573

discussione chiusa  condividi pdf