tam tam |  pianeta  |
I beni comuni non si privatizzano
Attac Bergamo - 13-03-2004

L'iniziativa a Strasburgo del Comitato Italiano per il Contratto Mondiale dell'Acqua, di Attac e del Forum Ambientalista con l'audizione di Petrella, Zanotelli, Danielle Mitterand nell'europarlamento, insieme alla valanga di email inviate da tutte/i agli europarlamentari hanno consentito una grande vittoria a Strasburgo.

SONO PASSATI DUE IMPORTANTISSIMI EMENDAMENTI AL RAPPORTO MILLER CON 201 VOTI CONTRO 106.

Il primo, scritto direttamente dai presenti che così recita
" L'europarlamento ritiene che, essendo l'acqua un bene comune dell'umanità, la gestione delle risorse idriche non debba essere assoggettata alle norme del mercato interno liberalizzato e privatizzato",

mentre il secondo dice
" L'europarlamento raccomanda fortemente di cessare ogni ulteriore forma di liberalizzazione dei servizi pubblici come l'acqua, la salute e l'educazione".

Una importantissima vittoria, che rilancia le lotte e le mobilitazioni contro le privatizzazioni, per la difesa dei diritti e dei beni comuni, per una nuova economia pubblica e partecipata.

Un'altra Europa è possibile.
Dal basso, in movimento


discussione chiusa  condividi pdf