29 marzo 2004
Alessandro Ameli - 02-03-2004
GILDA: SCIOPERO GENERALE DELLA SCUOLA CONTRO LA RIFORMA.

La Gilda degli Insegnanti proclama per l’intera giornata del 29 marzo 2004 uno sciopero generale contro la riforma della scuola. La decisione segue una campagna diffusa di informazione a livello nazionale, nelle scuole tra i docenti ancora ignari, dei contenuti autentici della Riforma.

Lo sciopero del 29 marzo rappresenta solo una tappa di un percorso di protesta iniziato il 17 febbraio con cui la GILDA chiede la sospensione dell’applicazione del decreto di attuazione della Riforma o radicali modifiche allo stesso. Altre importanti iniziative di protesta sono state già assunte dalla Gilda, tra le quali la costituzione di un comitato referendario per l’abrogazione di parti della Riforma. Lo sciopero del 29 pone l’accento sulle maggiori questioni che gravano sulla scuola italiana. In particolare la GILDA chiama tutti gli insegnanti allo sciopero,

- Contro le misure contenute nel decreto legislativo 23 gennaio 2004 relative al personale docente quali: reclutamento, organici, mobilità professionale, forme di carriera, ruolo e funzione degli organi collegiali, assenza di garanzie all’esercizio della libertà di insegnamento.

- Contro un penalizzante sistema di relazioni sindacali che non favorisce il confronto con l’Amministrazione scolastica e la soluzione dei problemi;

- Contro le scelte del governo in materia di politica scolastica che minano la stabilità degli organici, ledono il diritto allo studio, abbassano la qualità della scuola pubblica statale;

- Contro le scelte devolutive sulle scuola che minacciano l’unità del sistema scolastico e il carattere nazionale dell'istruzione

- Per la immissione in ruolo di docenti su tutti i posti disponibili in organico e la soluzione definitiva delle questioni legate al precariato;

- per l’apertura delle trattative sul rinnovo del biennio economico contrattuale 2004-2005.

La Gilda degli Insegnanti rivolge un appello a tutte le sigle sindacali perché la giornata del 29 marzo diventi giornata unitaria di lotta per una scuola moderna, di qualità, per tutti.


Il Coordinatore nazionale
Alessandro Ameli
Roma, 1 marzo 2003



interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf