Il pianeta degli egoisti
Anna Manao - 23-02-2004


Oggetto: iniziativa di educazione fiscale per allievi di scuola media

Lettera inviata ad alcuni quotidiani nel merito dell'iniziativa di educazione fiscale promossa dal ministero dell'economia e delle finanze...

La scuola raramente fa notizia e, se le viene dedicata attenzione, è quasi sempre per denunciare i problemi cronici di cui soffre o le nuove, ulteriori magagne.
Voglio invece, con questa, segnalare un interessante progetto che dovrebbe già essere stato avviato in questi giorni nelle scuole medie del territorio nazionale.
Come si può direttamente verificare connettendosi al sito del Ministero dell’Istruzione, in data 9 febbraio 2004 è stata indirizzata ai Direttori Regionali Scolastici una comunicazione con la quale si invitano le autorità scolastiche ad assumere un’iniziativa di educazione fiscale promossa dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.
Nella premessa di detta lettera, si dichiara che il Dipartimento per le Politiche Fiscali del Ministero dell'Economia e delle Finanze intende “promuovere la educazione fiscale degli studenti favorendone la crescita educativa e culturale”. Da ciò, la proposta, rivolta ai dirigenti scolastici e ai docenti, dell’utilizzo di una video-cassetta contenente un fumetto dal titolo “Il pianeta degli egoisti”. Il contenuto del filmato è chiaramente finalizzato ad “illustrare agli allievi i fondamentali principi morali e costituzionali della giustizia e della correttezza fiscale, oltre ai doveri della solidarietà economica e sociale che impongono ai cittadini di contribuire alle spese pubbliche secondo la propria capacità economica”.
Il promotore dell’iniziativa, inoltre, attribuisce particolare rilievo al ritorno di informazioni relative all’utilizzo del video. Concludendo la lettera, infatti, si invitano ancora i Direttori Regionali Scolastici “a segnalare alle istituzioni scolastiche interessate la importanza della compilazione del questionario allegato alla video-cassetta, al fine di rendere possibile al Ministero dell'Economia una utile valutazione della iniziativa medesima.”
Mi chiedo, a questo punto, se l’iniziativa di cui sopra sia compatibile con la dichiarazione resa dal presidente del consiglio nella conferenza stampa del 17 febbraio: "Se si chiedono imposte giuste non si pensa ad evadere, ma se si chiede il 50% e passa di tasse, la richiesta è scorretta, e allora mi sento moralmente autorizzato ad evadere".
Mi chiedo inoltre se questa affermazione, eticamente inaccettabile, ma forte del rilievo mediatico di cui l'autorità politica si è avvalsa, non sarà di pregiudizio a quanti, nelle scuole, vorranno attuare le direttive dei due ministeri.

Mestre, 22 febbraio 2004
Anna Manao
insegnante Mestre-Venezia


discussione chiusa  condividi pdf