tam tam |  proposta  |
Villaggio globale
Fuoriregistro - 21-02-2004
Da Amandla, Cooperativa sociale di solidarietà

DA CONSUMATORE A CONSUM-ATTORE

Sempre più frequentemente i frequentatori delle Botteghe del commercio equo avvertono l’esigenza di una conoscenza più approfondita dei meccanismi che regolano il commercio mondiale e che mantengono il Sud del mondo in una situazione di impoverimento e di dipendenza economica rispetto ai paesi del Nord del mondo. Questi meccanismi, che stanno alla radice dell’avventura del commercio equo e solidale, verranno analizzati nel corso “Da consumatore a consum-attore”, proposto dalla cooperativa di commercio equo Amandla.
La prima parte del corso verrà dedicata all’approfondimento storico del fenomeno della globalizzazione intesa come processo economico, ma non solo, che ha avvio con il colonialismo europeo e continua anche oggi a perpetuare quei meccanismi di esclusione che riguardano anche la sfera più propriamente culturale.
La seconda parte del corso sarà invece dedicata all’analisi dei fenomeni del commercio equo e solidale e della finanza etica, strumenti di economia alternativa nati “dal basso” e a disposizione di chi voglia tentare la strada del “consumatore responsabile”.
Questi ed altri temi sono all’ordine del giorno per chiunque voglia vivere e pensare con più consapevolezza. Quello che noi proponiamo è un percorso che possa servire da spunto a una riflessione più approfondita, che tocchi questi temi in modo semplice ed efficace e che introduca i concetti base e le motivazioni del commercio equo e solidale. Il corso si avvale di docenti qualificati e alterna lezioni frontali, con l’utilizzo di strumenti audiovisivi, a momenti in cui è richiesta la partecipazione attiva dei corsisti.

Tutti gli incontri inizieranno alle ore 20.30 in Via Papa Giovanni XXIII 10 a Ponteranica (Bg).

L’ultima serata si terrà nella Bottega del Mondo di via Baioni 34 a Bergamo.

Il corso è stato riconosciuto da parte del CSA di Bergamo come Corso di Aggiornamento per Insegnanti.

Al termine verrà consegnato l’attestato di partecipazione a coloro che ne faranno richiesta.

Il programma dettagliato del corso può essere scaricato direttamente dal sito www.amandla.it unitamente al modulo d'iscrizione da inviare all'indirizzo info@amandla.it entro e non oltre le ore 13.00 di lunedì 1° marzo.

L'iscrizione può essere effettuata direttamente presso le Botteghe del Mondo della cooperativa:
in via Baioni 34 - Bergamo
in via Moroni 41 - Bergamo
in Garibaldi 6 - Nembro
oppure inviando i propri dati via fax al numero 035/210520

La quota di adesione al corso è di euro 13 da versare la prima sera del corso, e dà diritto a ricevere il libro "Le Botteghe dello Scambio".




Da Roberto Reyes"

Corso d’aggiornamento Multiculturale
“L’incontro con culture sconosciute”


Introduzione: Di fronte al tema dell’immigrazione, la società italiana mostra dei limiti dovuti, tra le altre cose, alla scarsa preparazione degli addetti all’accoglienza. Tutti i principali attori implicati in questo processo –operatori sociali, mediatori culturali, istituzioni- mostrano mancanze in tema di conoscenze delle problematiche dell’immigrato. L’approccio più comunemente utilizzato non facilita un’integrazione completa che rovesci i molti pregiudizi sugli immigrati. Poche istituzioni e imprese private tengono conto dello shock culturale e dello stress migratorio che lo straniero deve affrontare. Il fenomeno migratorio e l’integrazione che da esso ne deriva devono considerare i fattori interni (caratteristiche della persona) e i fattori esterni (! accoglienza, assimilazione, ghettizzazione) del processo.

Obiettivo: analisi e raggiungimento d’alcune competenze quali:

- Capacità d’analisi dei bisogni degli stranieri nella loro complessità individuandone e conoscendone le problematiche presenti nel paese d’origine.

- Capacità di elaborare un progetto d’intervento, e di attuarlo utilizzando strumenti normativi, sociologici, psicologici mirati a utilizzare quel 90% delle capacità che ancora non utilizziamo

- Capacità di cooperare con gli utenti stranieri per favorirne la partecipazione al progetto di integrazione

- Capacità di controllo delle interferenze emotive finalizzato all'operatività professionale e allo sviluppo della comunicazione per migliorare l’informazione nell’interesse di tutti

- Capacità di realizzare interventi di sostegno in un ambito normativo.

- Capacità di lavoro con il mediatore linguistico culturale, in gruppo, anche a livello Interprofessionale.

- Capacità di maturazione progressiva della deontologia professionale, di ridefinizione continua della professionalità e di ricerca di strumenti formativi in tema d’immigrazione.

A chi è rivolto: a Mediatori Linguistico-Culturali già operanti nella società, operatori sociali, operatori scolastici, personale di consolati e ambasciate, studenti Universitari, cittadini italiani e stranieri.


Partecipazione: Il corso di 16 ore sarà presentato in quattro giornate e prevede esercitazioni di laboratorio e l’utilizzo di tecniche attive per la conduzione di gruppi per la crescita spirituale. Saranno presi in esame la normativa sull’immigrazione in Italia e si studieranno principi di sociologia e antropologia dell’immigrazione. Si affronterà il tema dello shock culturale dell’immigrato e si analizzerà la figura del mediatore linguistico-culturale.

Un breve concerto di musica etnica e un assaggio gastronomico chiuderanno il corso, con il rilascio di un attestato di partecipazione.

Formatori:

· Bruno Milone (responsabile del Centro Studi Multietnico): Storia della normativa sull’immigrazione in Italia e breve analisi della legge Bossi-Fini.

· Rossella Barone (Laureata in Scienze dell’Educazione, specializzanda al Corso di Laurea in Consulenza Pedagogica e Ricerca Educativa): Principi d’antropologia e sociologia dell’immigrazione.

· Katerina Tverdyakova (Psicologa russa): Lo shock culturale nel soggetto migrante.

· Roberto Reyes (Presidente cooperativa Studio3R): Il ruolo strategico del mediatore nell’impresa pubblica e privata.

Iscrizioni : Gli incontri, organizzati dalla “Cooperativa Sociale Studio 3R di mediazione linguistico culturale” in collaborazione con il “Centro Studi Multietnico”, si terranno nelle giornate di “Definire”, dalle ore 16.00 alle 20.00 nella sede della coop. in Via Carlo Farini, 35 c/o Centro Formazione a Milano. MM2 Garibaldi Tram 3 – 4 Autobus n.70

Per iscriversi si può inviare una mail a: studio3r@hotmail.com oppure telefonare allo: 02-26308424 o 338-8297890. Altre informazioni su



discussione chiusa  condividi pdf