Buon S.Valentino ministra Moratti!
retescuole.net - 12-02-2004
dal Forum delle scuole del Milanese una manifestazione d'affetto per la scuola pubblica




DA SCARICARE:
il Manifesto
due volantini, uno per le elementari e uno per le medie
dalla Zona 8 un volantino medie più sintetico e un volantino per le scuole superiori
I S.Valentino da lasciare a Dutto


Sabato 14 i concentramenti saranno due, il primo a Porta Venezia e il secondo a Porta Ticinese (piazza S.Eustorgio per la precisione) ORE 15.

Qui di seguito vi diamo i percorsi:
ZONA NORD
P.ta Venezia, C.so di P.ta Venezia, Via Palestro, Piazza Cavour, Via Manzoni, P.zza Scala, Piazza Duomo

ZONA SUD
P.zza S. Eustorgio, C.so di porta Ticinese, Via molino delle armi, C.so Italia, P.zza Missori, Via Mazzini, Duomo

Sarà una manifestazione allegra, colorata e molto rumorosa, aspettiamo la banda degli ottoni, ci piacerebbe fossero con noi Mitocasamba e gli alunni della Piccola Scuola di Circo che il comune ha deciso di chiudere per sostituirla con un bel parcheggio (a proposito avete firmato la petizione al Sindaco?) e tutti coloro trampolieri, musici e guitti che vorranno passare un pomeriggio allegro ma senza Letizia.

In queste pagine vi daremo tutte le informazioni utili e dei materiali informativi che andremo a predisporre e che vorrete inviarci

Per quanto riguarda i volantini alleghiamo qui di seguito il testo in modo che se lo volete potrete personalizzarli sulle esigenze della vostra scuola o zona



ELEMENTARI:

Cari genitori, cari nonni,
stiamo cercando in tutti i modi di resistere allo stravolgimento
del tempo pieno che vuole realizzare la ministro Moratti.
sappiate infatti che…
Prima o poi i vostri bambini non avranno più DUE maestre che si occupano di loro, ma UNA SOLA (sarà quindi sempre più difficile organizzare laboratori in piccolo gruppo, momenti di recupero, ma anche gite e uscite didattiche).
Prima o poi entreranno nelle scuole materne bimbi di 2 anni e mezzo, e nelle elementari di 5 e mezzo. Nelle classi potranno esserci, dunque, bimbi con una differenza d’età di più di 12 mesi. Stanno realizzando questo senza tener conto dei ritmi, dei bisogni, delle fasi di crescita dei bambini.
Prima o poi in refettorio i vostri bimbi saranno accompagnati da qualche giovane che lavora per una cooperativa, guadagna 5 euro all’ora, e cambierà lavoro appena potrà.
Prima o poi dovrete PAGARE perché il vostro bimbo durante l’orario scolastico vada in palestra o “faccia musica”, o segua qualche laboratorio.
Prima o poi le classi supereranno il tetto dei 25 alunni.
La dove ci sono bambini in situazione di handicap, gli insegnanti di sostegno sono SEMPRE MENO e la qualità del lavoro nelle classi sta scadendo di anno in anno.
Nei quartieri dove alta è l’immigrazione e il disagio, da tempo esistevano insegnanti che si potevano occupare dell’inserimento di tutti gli alunni: questi insegnanti IN PIU’ stanno sparendo.
Il Governo italiano sta tagliando i fondi all’istruzione pubblica e aumentando i finanziamenti alla scuola privata.

Noi, genitori, nonni, lavoratrici e lavoratori della scuola...
VOGLIAMO UNA SCUOLA PUBBLICA DI QUALITA’
e non una semplice custodia
Per questo ci faremo sentire nei prossimi giorni,
venerdì 13 Febbraio occuperemo festosamente le scuole
per ritrovarci poi in corteo
SABATO 14 febbraio dalle ore 15
Partenze da P.ta Venezia e P.ta Ticinese (piazza S.Eustorgio)
(altre info su www.retescuole.net)
Concluderemo in p.za Domo e porteremo al Dirigente Regionale Dutto i nostri S. Valentino
Saremo allegri, colorati, rumorosi e determinati!
Buon S.Valentino ministra Moratti!

Comitati genitori-docenti - Forum delle scuole del milanese


MEDIE:
Cari genitori, cari nonni,
stiamo cercando in tutti i modi di resistere allo stravolgimento della scuola pubblica che vuole realizzare la ministro Moratti.
ECCO COME VOGLIONO ROVINARCI LA SCUOLA
• tempo normale: abbattimento dell’insegnamento di base del 10%
• tempo prolungato: esclusione della compresenza degli insegnanti e ripristino delle attività facoltative opzionali: esperienza fallita nel passato
• tempo sperimentale: eliminati i corsi a indirizzo musicale, apprezzati da studenti e famiglie
• in tutti gli indirizzi: diminuzione delle ore di lettere; taglio dell’inse-gnamento dell’inglese (da 3 ore settimanali passa a 1,69) con il trucco dell’inserimento della seconda lingua, che però rispetto al bilinguismo attuale è anch’essa ridotta. Così le ore settimanali delle due lingue passano da 6 (come è ora nell’attuale bilinguismo) a 3,6
• abolizione dell’obbligo scolastico
• soppressione di educazione tecnica, frantumata in una farragine di “attività varie”
• scomparsa del consiglio di classe così come era rappresentato fino ad ora
• offerta di una quota di ore settimanali ai privati esterni con conseguente decadimento della scuola pubblica
Oltre a tutto questo mettiamoci i tagli all’istruzione. Le scuole ricevono ormai la metà dei fondi che ricevevano tre anni fa. Nell’ultima legge finanziaria sono stati stanziati per la scuola pubblica 10 milioni di euro in meno. Una parte consistente di questi tagli è stata dirottata verso le scuole private.

Noi, genitori, nonni, lavoratrici e lavoratori della scuola...
VOGLIAMO UNA SCUOLA PUBBLICA DI QUALITA’
e non una semplice custodia
Per questo ci faremo sentire nei prossimi giorni,
venerdì 13 Febbraio occuperemo festosamente le scuole
per ritrovarci poi in corteo
SABATO 14 febbraio dalle ore 15
Partenze da P.ta Venezia e P.ta Ticinese (piazza S.Eustorgio)
(altre info su www.retescuole.net)
Concluderemo in p.za Domo e porteremo al Dirigente Regionale Dutto i nostri S. Valentino
Saremo allegri, colorati, rumorosi e determinati!
Buon S.Valentino ministra Moratti!

Comitati genitori-docenti - Forum delle scuole del milanese


Segnalato da Elena Miglietta



discussione chiusa  condividi pdf

 olindo    - 17-02-2004
Al Ministro chiedo che ci dia chiarimenti sul come organizzare l'orario frazionato per decimali, inoltre ci spieghi perché l'Educazione Tecnica è stata pesantemente tagliata rispetto tutte le altre materie. Perché!!!!!!!! Ci faccia sapere che cosa faremo.
I giovani aspiranti all'ingresso della scuola dovranno aspettare anni prima che si crei una nuova cattedra, questa precarizzazione spinge gli insegnanti alla superficialità e al disimpegno a favore di spot pro la scuola privata che a tutt'oggi se non in casi particolari non offre nulla.