breve di cronaca
La scoperta dell'acqua calda: l'inglese
Tuttoscuolanews - 27-01-2004

L'inglese nella scuola primaria, chi l'ha inventato?
L'alfabetizzazione nella lingua inglese, secondo quanto delineato dalle indicazioni nazionali anche nelle prime due classi della scuola primaria, e' uno degli aspetti piu' pubblicizzati e qualificanti della nuova scuola, ma, a dire il vero, e' una novita' che affonda le radici in programmi gia' rodati. Alto il consenso dei genitori intorno a questa alfabetizzazione come documenta una nota inviata dal MIUR alla Commissione bilancio della Camera “ La previsione dell'inglese… corrisponde da un lato alla esigenza di assicurare a tutti l'apprendimento precoce della lingua europea piu' diffusa, e d'altro lato, alla disponibilita' di docenti specialisti e specializzati nell'insegnamento della lingua inglese gia' in numero tale che assicura la copertura circa al 94 per cento, per cui la copertura al 100% potra' essere facilmente raggiunta con opportuna attivita' di formazione…”. La nota aggiunge inoltre che “Va infatti precisato che l'insegnamento viene oggi assicurato dai docenti della classe…formati…dall'Amministrazione nei decorsi anni”. “Analoga procedura di formazione e' stata gia' programmata per assicurare l'insegnamento della lingua inglese nel 100% delle classi”.
Insomma, la lingua straniera nella scuola primaria non e' una novita'.
Lo dice e lo documenta il ministero dell'istruzione. Non solo, fino a oggi l'insegnamento dell'inglese e' di 3 ore settimanali, mentre da domani con le 27 ore complessive sara' sicuramente inferiore, probabilmente di 2 ore dalla seconda in poi.
Se l'inglese gia' c'era e addirittura con un orario maggiore, perche' presentare la cosa, allora, come grande opera meritoria della riforma Moratti?
E poi un'altra domanda: le altre lingue straniere che fine faranno? Le risorse professionali appositamente formate andranno disperse?


discussione chiusa  condividi pdf

 Sebastiano Corpaci    - 02-02-2004
Il Gambero
Credo che si vada a ritroso come il gambero. Si è sempre parlato di aumentare le ore di lingua inglese, invece adesso vengono diminuite. C'è qualcosa che non va. Il Ministro non ha mai spiegato le motivazione che l'hanno indotta a fare tale scelta, rispondendo solo con slogan quando veniva intevistata. La scuola elementare in questo senso era abbastanza avanti con grande approvazione dei genitori e di tutta la società. E poi che dire della scuola media dove la lingua inglese è stata dimezzata e non si sa come verranno coperte le ore di cattedre rimaste vuote. Giusto era inserire una seconda lingua comunitaria, ma io come genitore avrei preferito che mio figlio conoscesse bene almeno l'inglese. Adesso avrà una conoscenza nozionistica di tante "cose", ma alla fine che gli rimarrà?