tam tam |  giochi  |
Corso di perfezionamento universitario
Daniela Antonello - 20-01-2003


La Scuola Interateneo di Specializzazione per la Formazione degli insegnanti della scuola secondaria del Veneto (SSIS) attiva un Corso di Perfezionamento Universitario per Insegnanti e Ludotecari sulla "Teoria del gioco e linguaggi espressivi"


Il Corso ha lo scopo di provvedere alla formazione nella gestione e conduzione di laboratori espressivi in ludoteche, o nella scuola, sia degli insegnanti di discipline artistiche ed umanistiche già operanti come docenti nella scuola, sia di giovani laureati.
I posti complessivamente disponibili sono 60.
Il Corso costituisce un momento significativo di aggiornamento, per i docenti, sull'importanza del gioco e dei linguaggi espressivi.
E' altresì importante per il perfezionamento e la professionalizzazione di giovani laureati sulle tematiche riguardanti i giochi, i giocattoli, le esperienze ludiche in genere e i linguaggi attraverso cui l'esperienza ludica diventa formativa in laboratori creativi.

Struttura del Corso
Il Corso è costituito da tre moduli per un totale di 120 ore complessive.
Ognuno di essi prevede 40 ore: 12 ore di lezione frontale e 28 ore di laboratorio didattico, in cui i partecipanti progetteranno unità o moduli adatti a rendere operativi nella scuola e nelle ludoteche gli argomenti di studio affrontati.

Temi di studio
I temi di studio affrontati nei moduli saranno i seguenti:
I° Modulo: Fondamenti pedagogici e psicologici sul gioco e l'animazione ludica come esperienza fondamentale per la formazione dell'individuo.
II° Modulo: Il giocattolo e l'esperienza creativa.
III° Modulo: I laboratori sui linguaggi espressivi.

Laboratori
Sono previsti laboratori di: gioco libero, gioco di ruolo, gioco di animazione, gioco simbolico, video in gioco, gioco linguistico, gioco logico-scientifico, giocattolo: scelta, catalogazione, gestione del prestito, giochi topologici, giochi di carta, teatro, animazione narrativa, musica, videogioco interattivo, fotografia, ceramica, colore, costruzione del libro.

Sedi delle lezioni
Il Corso si svolgerà tra febbraio-giugno 2004, in parte presso Palazzo Giovanelli, Campo S.Zandegolà, S.Croce 1681/a, 30135-Venezia, e in parte presso l'Istituto Professionale Statale "U. Ruzza" in Via M.Sanmicheli 8, 35100- Padova.
E' previsto un impegno di dieci fine settimana (uno ogni 15 giorni), così articolati: venerdì pomeriggio (14,30-18,30), sabato (9,00-13,00-13,45-17,45).

Direzione didattica ed amministrativa
La Direzione è ubicata presso la sede della SSIS del Veneto -Fondamenta Moro 2978, 30121,Venezia - tel.041/2346811.
Il Corso è diretto dal prof.Fiorenzo Bertan, coordinatore dell'Indirizzo "Arte e disegno" della SSIS.
L'organizzazione e direzione scientifica è curata dalla prof.ssa Daniela Antonello, docente della SSIS.

Requisiti e modalità d'iscrizione
Possono accedere al Corso coloro che sono in possesso di diploma di laurea.
Per l'ammissione al Corso di perfezionamento i candidati dovranno, entro il 15 febbraio 2004, compilare il modulo allegato al bando acquisibile al sito della SSIS Veneto: e inviarlo assieme alla copia del curricolo formativo-professionale e del certificato di Laurea, al fax 041/2346810.
La quota di iscrizione al corso è fissata in 800 euro.
Se ammessi, dovranno versare la quota d'iscrizione entro il 20 febbraio 2004 (o in due rate: 20 febbraio - 20 marzo 2004) ed inviare entro la medesima data copia del bonifico bancario al Fax: 041/2346810.
L'elenco degli ammessi verrà pubblicato nel sito della SSISentro il 17 febbraio 2004.
Per informazioni riguardanti il bando completo, le modalità d'iscrizione,la modulistica rivolgersi a: Segreteria SSIS

discussione chiusa  condividi pdf

 GABRIELLA ZONNO    - 22-01-2004
Non male l'idea di un corso sul gioco e le sue dinamiche. Forse è proprio questo il problema di tanti adulti. Ci prendiamo troppo seriamente soprattutto nel rapporto con i bambini e con i ragazzi. Offriamo così un'immagine pietosa e infantile, di cui non hanno certo bisogno. Quindi i primi ad aver bisogno di "giocare" siamo noi adulti. Per capire noi stessi e soprattutto per capire gli altri.