tam tam |  pianeta  |
Metteresti tutte le scorie d'Italia dentro casa tua?



Secondo la recente decisione del governo nazionale Scanzano Jonico diventerà il deposito "unico" nazionale delle scorie radioattive.
La popolazione locale non è stata consultata, non può decidere del proprio futuro, quindi non conta.
La regione non è stata consultata.

Il circondario di Scanzano Jonico conta oltre 43.000 abitanti e basa la sua economia su turismo ed agricoltura. A Scanzano vivono dunque delle "PERSONE"! Se ancora ha senso per qualcuno la parola "persona". Concentrare in un solo posto tutte le scorie radioattive prodotte in Italia farà risparmiare denaro pubblico ma "ucciderà" un popolo che ancora ama definirsi italiano (a differenza di altri).

Siamo quindi contrari con determinazione e proponiamo:

- il ritiro del decreto che condanna Scanzano a diventare cimitero nucleare d'Italia.

- lo studio di altre soluzioni più compatibili con l'uomo e non a carico di una sola comunità locale. Chiediamo quindi che sia controllata ed eventualmente elevata la sicurezza dei 150 depositi già esistenti (e presenti già, anche in Basilicata come in altre regioni) oggi sparsi nel territorio italiano. Costerà di più ma sarà meno rischioso per tutti e più giusto per ogni italiano.
Prima di essere ingegneri siamo uomini, non dimentichiamolo mai!

E' una protesta senza colore politico

Non siamo soli! Col passare delle ore sta aumentando l'attenzione verso questa ingiustizia, stanno partendo centinaia di e-card e numerose adesioni. Altre iniziative online sorgono. Vogliamo segnalarvele tutte perchè non pensiate mai di essere soli!

Invitiamo le scuole lucane a realizzare temi, disegni e quant'altro sulla questione da inviare alla Presidenza del Consiglio. Intanto noi pubblicheremo tutti i disegni a tema realizzati dalle scuole ed inviate al sito.

E alla pagina http://www.noalnucleareinbasilicata.com/noalnucleare.asp proponiamo le iniziative in appoggio da intraprendere.

discussione chiusa  condividi pdf

 ilaria ricciotti    - 24-11-2003
No. Non è giusto proporre tanto. Grazie perchè mi insegnate che significa lottare per un obiettivo. Forse molti di noi italiani abbiamo perso la cultura del diritto e della lotta per difenderlo.
Sono con voi, Ilaria