breve di cronaca
Perugia - Assisi: artefici di pace
L'Unità - 13-10-2003
L' EUROPA RIPUDIA LA GUERRA



Europa «artefice di pace, dentro e fuori dei suoi confini». Per Giovanni Paolo II è questa la «missione da riscoprire in tutta la sua forza ed urgenza». In un messaggio inviato al vescovo di Assisi monsignor Sergio Goretti in occasione della marcia della pace il Pontefice si rallegra per la riuscita della «benemerita iniziativa» che riaccende le speranze di pace e unisce a doppio filo questa parola con quella di Europa.

«Occorre riconoscere -sottolinea il Papa nel suo messaggio - che forse in questi anni non si è investito molto per difendere la pace, preferendo piuttosto, talora, destinare ingenti risorse all'acquisto di armi. È stato come se si sprecasse la pace». «Non poche speranze si sono spente - continua poi - La cronaca quotidiana ci ricorda che le guerre continuano ad avvelenare la vita dei popoli, soprattutto dei Paesi più poveri. Come non pensare alla persistente violenza che insanguina, ad esempio, il Medio Oriente e, in particolare, la Terra Santa? Come restare indifferenti di fronte a un panorama di conflitti che si allarga sempre più e interessa varie parti della Terra?».

«Da giovane», ricorda il Santo Padre, «ho potuto constatare per esperienza personale il dramma di un'Europa priva della pace. Ciò mi ha ancora più spinto ad operare instancabilmente perchè l'Europa ritrovasse la solidarietà nella pace e divenisse, tra gli altri continenti, artefice di pace, dentro e fuori dai suoi confini. Sono convinto che si tratta di una missione da riscoprire in tutta la sua forza ed urgenza. È necessario -conclude Giovanni Paolo II - che il continente europeo, rifacendosi alle sue nobili tradizioni spirituali, sappia spendere con generosità, a favore dell'intera umanità il suo ricco patrimonio culturale maturato alla luce del Vangelo di Cristo».

Anche il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi questa mattina ha voluto rivolgere il suo saluto e augurio ai partecipanti alla marcia. «La nuova edizione della marcia Perugia-Assisi rafforza l'impegno collettivo per l'incontro fra diverse culture e per la difesa della pace, della solidarietà e della cooperazione fra i popoli», ha dichirato Ciampi, nel messaggio inviato al coordinatore nazionale della Tavola della Pace, Flavio Lotti.


L' EUROPA RIPUDIA LA GUERRA

discussione chiusa  condividi pdf