breve di cronaca
DDL Graduatorie
Alba Sasso - 19-09-2003
E’ stato approvato oggi dal Consiglio dei Ministri il disegno di legge sulle graduatorie per entrare nella scuola.

Ancora una volta si confonde l’effetto con la causa. La causa della confusione nelle graduatorie, dell’assurda e fomentata guerra di tutti contro tutti sta nel fatto che per ben due anni non ci sia stata una immissione in ruolo nonostante tanti posti vacanti e sta nella scelta di ridurre i posti di lavoro e di rendere il lavoro docente sempre più precario, in vista di una riduzione del tempo scuola. E allora supplenze annuali, e nemmeno per tutti, invece di posti in ruolo per chi ne ha diritto.

E questo a discapito della continuità didattica e della qualità della scuola.

Il riordino dei punteggi e il riequilibrio delle graduatorie affrontano un problema immediato, che però non risolve nemmeno i problemi di questo anno scolastico. E su questo testo occorrerà sentire con audizioni alla Camera i soggetti interessati.

Rimangono i problemi di fondo, rimane l’incapacità di affrontare all’interno di un’ottica complessiva la questione della formazione e del reclutamento degli insegnanti, rimane la scelta di pagare la riforma col taglio dei docenti, rimane la scelta di impoverire, anche per questa strada, la scuola pubblica.

discussione chiusa  condividi pdf