tam tam |  espressioni  |
Perugia-Assisi ... e non solo
Cinzia Paci - 18-09-2003



>>> 12 OTTOBRE 2003 <<<<



Alla vigilia della Conferenza Intergovernativa Europea la Tavola della Pace annuncia una vasta mobilitazione della società civile e degli Enti Locali per l'Europa e per la pace. Il 12 ottobre 2003 si terrà la Marcia Perugia-Assisi, per un'Europa di pace. Prima della Marcia, si terrà a Perugia la prima grande "Audizione mondiale sull'Europa".

Dopo mesi di straordinaria mobilitazione contro la guerra in Iraq, la Tavola della Pace annuncia che il prossimo 12 ottobre si svolgerà una nuova edizione della storica Marcia per la pace Perugia-Assisi, il simbolo più forte del movimento per la pace.

"E' tempo che la coscienza di pace del nostro paese torni a manifestarsi in modo chiaro e inequivocabile" -ha dichiarato Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della Pace.
"C'è bisogno di un segno forte com'è la Marcia Perugia-Assisi - capace di ricordare a tutti i responsabili della politica italiana di maggioranza e di opposizione - che la pace richiede scelte urgenti e lungimiranti: il ripudio della guerra da inserire nella Costituzione europea, la lotta senza quartiere alla miseria e all'ingiustizia economica a partire dall'Africa, un impegno inedito per mettere fine all'occupazione della Palestina e alla violenza in Israele, la ricostruzione dell'Onu e del diritto internazionale, la messa al bando della guerra come strumento di risoluzione delle controversie internazionali, la fine dell'occupazione dell'Iraq e dell'Afghanistan, "tolleranza zero" con i mercanti di morte, la riconversione delle spese militari in progetti di giustizia e sviluppo per tutti". La Marcia avrà un obiettivo chiaro: costruire un'Europa di pace. "L'Europa e gli europei devono scegliere se vogliono essere parte dei problemi del mondo o se vogliono farsi strumento per la loro soluzione" - afferma Flavio Lotti.

"Il mondo sta attraversando una crisi profonda e noi europei non abbiamo alcuna possibilità di salvarci da soli. Per questo dobbiamo liberare il processo di costruzione dell'Europa dall'egoismo, dal cinismo e da ogni forma di eurocentrismo. L'Europa che stiamo costruendo deve riconoscere le proprie responsabilità nei confronti del mondo che la circonda. Per questo vogliamo cambiare la bozza della Costituzione europea. Vogliamo che in quel documento ci sia più Europa, più impegno per la pace e la giustizia, più democrazia, più diritti umani, più valori, più società civile".

La Marcia del 12 ottobre sarà il momento culminante di centinaia di manifestazioni, dibattiti e incontri che si svolgeranno in tutta Italia a partire dal 4 ottobre, giorno di apertura della Conferenza InterGovernativa europea e festa di San Francesco d¹Assisi, patrono d'Italia.
Dal 9 all'11 ottobre, a Perugia, oltre duecento esponenti della società civile mondiale, delle istituzioni locali, di Parlamenti e istituzioni di oltre cento paesi e network internazionali di tutto il mondo parteciperanno alla "5a Assemblea dell'Onu dei Popoli" e alla prima grande "Audizione mondiale sull'Europa e il suo ruolo nel mondo".

Con questa iniziativa la Tavola della Pace vuole aprire il cantiere dell'Europa all'ascolto di coloro che abitano il resto del pianeta, delle loro domande di giustizia e di cooperazione, di pace e di libertà. L¹Europa non si può costruire ignorando la voce del mondo.
In quei giorni, Perugia sarà il crocevia di numerosi importanti incontri di quella società civile mondiale che viene sempre più frequentemente presentata come "la nuova superpotenza mondiale". Ci saranno gli organizzatori del Forum Sociale Mondiale di Porto Alegre, quelli della campagna sul commercio "Il nostro mondo non è in vendita", il Social Watch, il Transnational Institute di Susan George, la campagna mondiale per il diritto all'acqua e Ubuntu, il network per la riforma delle istituzioni internazionali.





"Signori, il tempo della vita è breve; e, se viviamo, viviamo per calpestare i re" (W.Shakespeare, "Re Lear")





Altre informazioni qui: www.bandieredipace.org


discussione chiusa  condividi pdf

 Antonio Loiacono    - 20-09-2003
In occasione della "5° Assemblea dell'ONU dei Popoli" (4-12 ottobre 2003) Città Solidale, in collaborazione con Movimondo GSI, Tavola della Pace, Associazione delle ONG Italiane, con il patrocinio del Comune di Spoleto e il contributo dell'Unione Europea (DG EAC N. 50/02-sostegno per la promozione di gemellaggi di città), e' lieta di invitarvi al forum su "Le forme della cooperazione trasnazionale: la cooperazione internazionale decentrata fra territori, istituzioni locali e società civile" che si terrà a Spoleto nei giorni 8 e 9 Ottobre 2003.

Sarà questa una occasione importante di incontro e confronto sullo stato della cooperazione internazionale decentrata; verranno esaminati i diversi approcci e modalita' in cui operano e possono operare i soggetti coinvolti nella cooperazione decentrata - Enti locali, ONG, Associazioni - presentando esperienze concrete, in modo da offrire un quadro chiaro e il piu' possibile esauriente sugli strumenti, le prospettive e opportunità offerte dal e al territorio. Obiettivo del forum e' inoltre la costituzione di un coordinamento per la cooperazione decentrata nel territorio umbro per cui l' apertura di relazioni a livello globale rappresenta una opportunita' di rafforzamento della dimensione locale e una valorizzazione delle proprie specificita' economiche sociali e culturali.

Qui la scheda di adesione

Antonio Loiacono
Coordinatore di Città Solidale

 ilaria ricciotti    - 17-10-2003
Perugia-Assisi dovrà essere un appuntamenyo annuale,
per non DIMENTICARE mai.
Grazie agli organizzatori che oltre alla sensibilità dimostrata nell'aver ideato tale marcia, credono nell'uomo e gli offrono la possibilità di incontrare anche tanti altri uomini.