breve di cronaca
>>> WTO NEWS <<<
Redazione - 14-09-2003
FERMIAMO IL WTO
Da Riva del Garda
a Cancun

“Che libertà è quella
che mette tutto
in vendita
perfino la vita?”




Raccogliamo e volentieri riceviamo notizie, riflessioni, commenti , link sul summit messicano.






Dietro lo show di Cancun

Le mille questioni irrisolte che il Wto vorrebbe chiudere in pubblico dopo non esser riuscito a chiudere in privato. Ma l'unica cosa che davvero conta è che ci sia comunque «un successo», cioè che si eviti una rottura clamorosa tra i protagonisti, e che si possa fingere che tutto va bene

©Le Monde Diplomatique-il manifesto
www.ilmanifesto.it
10 settembre 2003







CAMPAGNA WTO

LA PIATTAFORMA POLITICA

il modulo per aderire

le mobilitazioni del 13 settembre per fermare il Wto e a difesa dei beni comuni






L'assedio dei campesinos

A Cancun il sud del mondo va all'attacco. Ventuno paesi in via di sviluppo contestano l'accordo tra Usa e Europa sull'agricoltura. E dicono: siamo noi la maggioranza. Drammatica protesta di un coreano che sale sulle recinzioni, si accoltella e muore

il manifesto
www.ilmanifesto.it
11 settembre 2003







Il blog ufficiale della Campagna italiana "OWINFS"

Questo mondo non è in vendita:
STOP WTO!

Commenta le informazioni pubblicate in diretta da Cancun...
...perché un mondo diverso è possibile solo se partecipato!


>>> data e ora locali <<<





Il WTO è da abbattere

Parla Walden Bello. Filippino, economista, direttore dell'istituto di ricerca «Focus on global South» di Bangkok, ora anche presidente di partito...sulla porta dell'Hospital General di Cancun teneva gli occhi bassi e parlava ancora più basso...

il manifesto - 13 settembre 2003







Al vertice WTO a Cancun Stati Uniti e Giappone cercheranno di convincere gli altri governi circa la necessità di rendere più "competitiva" la scuola privata rispetto a quella pubblica. "La globalizzazione comprende anche questo e l'obiettivo finale è la completa liberalizzazione del settore dell'istruzione entro il 2005" - afferma Peacelink.

In un editoriale, l'associazione sottolinea che "è ormai tempo di comprendere che questa globalizzazione sta mirando ad aiutare le scuole private e quindi a scardinare la Costituzione italiana che - ponendo il divieto di finanziamento alle private - è diventata di fatto un ostacolo ai Gats (gli "Accordi generali sul commercio e nei servizi") del Wto che governa il processo di globalizzazione".

Per tenere informati i cittadini Peacelink lancia una campagna di informazione affinchè docenti, alunni e genitori si possano "opporre con intelligenza e determinazione" al processo in atto.

Intanto il governo italiano ha già accolto alcune delle istanze "privatistiche" che saranno presentate al WTO e nei giorni scorsi ha stanziato 30 milioni di euro annuali per i prossimi tre anni a favore delle famiglie che iscrivono i figli presso "scuole paritarie".

Secondo dati resi noti da Legambiente, nell'era Moratti i fondi destinati alla scuola privata sono aumentati del 134% con uno stanziamento nel 2002 pari a 420 miliardi delle vecchie lire: tutto questo mentre nella scuola pubblica si verificano tagli degli organici, aumento di orari per gli insegnanti e gli alunni per classe sono in numero sempre maggiore. "Non crediamo più all'immagine del ministro per l'istruzione che non riesce a strappare due lire per la scuola pubblica a Tremonti" - denuncia Legambiente: "alla Moratti i soldi per la scuola pubblica non interessano". [DS]

Unimondo.




FALLISCONO I NEGOZIATI!

La 5^ conferenza dell'organizzazione mondiale del commercio si è chiusa con un nulla di fatto. I negoziati sono falliti, mentre alcuni paesi in via di sviluppo hanno dato vita al G21.

Azione Aiuto a Cancun - 15 settembre 2003



discussione chiusa  condividi pdf