Immissioni in ruolo sempre più irreali
Francesco Paolo Catanzaro - 11-07-2003
Un tempo si aspettava il concorso a cattedre per avere esauditi i propri sogni e passare di ruolo nella scuola. Eri lì, soddisfatto della tua "cultura", che esimi professori avevano verificato e venivi catapultato nel burocratico canale che ti portava a coprire una cattedra, mobile di legno e loco reale, che avresti amato per i primi anni di vita scolastica e poi sempre più sopportato fino al traguardo estremo della pensione. Alcuni docenti addirittura annullavano nella loro mente la possibilità della pensione e giuravano che sarebbero stati in cattedra fino all'esalazione dl loro ultimo respiro, mentre le generazioni di studenti cambiavano e loro rimanevano fermi nel loro concetto di cultura cattedratica. Altri tempi! Altri sogni!
Ora per passare di ruolo non bastano più selezioni, contro-selezioni, guerre tra precari fino all'ultimo punto in graduatoria, fare figli,avere più mogli, collezionare abilitazioni come anticamente le figurine della Mira Lanza con Calimero protagonista o Maria Rosa, Maria Rosa, l'olandesina volante. Nessuno sembra smuovere le posizioni dei ministri del Tesoro, del Bilancio e della Pubblica Istruzione per gratificare il lavoro svolto dai numerosi insegnanti che sempre più nevrotizzati ora sono arrivati a santificare i loro ministri sperando di ottenere grazie.
Ma a sentire le ultime notizie si entra in una zona sempre più sconfortante! Il risultato potrebbe essere solo “la elevazione al soglio cattedratico in ruolo” di alcuni precari forse negli anni a venire,quelli più robusti, i nuovi gladiatori della scuola del duemila, dopo la cruenta lotta fra Sissini e precari storici. Dall'alto un angelo, un Mercurio recherà una busta al novantenne insegnante con dentro scritto: "Complimenti in quest'anno scolastico la S. V. verrà immessa in ruolo nella scuola italiana”.Un sorriso pallido, stremato. Seguirà il rantolo finale del povero precario santificato

interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf

 ilaria ricciotti    - 11-07-2003
E' proprio per questo, caro Francesco Paolo, che io personalmente, dopo 37 anni di servizio e 55 di età anagrafica ho deciso di lasciare questa Istuzione che non sento più mia. Inoltre gli acciacchi cominciano a farsi sentire, la pazienza sta venendo meno e, pur essendoci, forse più di prima, molto entusiasmo nel dare ai ragazzi ciò che ho dentro di me come donna e come professionista, nonostante ciò, debbo ringraziare il Ministro Moratti che entro il 10 gennaio 2002 mi ha quasi costretta, in base alla nuova normativa, a fare una scelta molto importante: continuare a rimanere a scuola fino a, diciamo pure, 90 anni, o lasciare spazio a quei precari giovani o "stagionati" di cui tu parli. Io personalmente non ho voluto essere tra quei docenti ormai attempati che fisiologicamente e psicologicamente a 63 anni o più, essendo lontani mille miglia dalle nuove generazioni, non faranno altro che riscaldare la sedia ed aspettare quella busta paga che sarà sempre più alleggerita. Per questo mi reputo fortunata e mi dispiace per quanti tra voi dovranno rimanere ancora tanto tempo in una scuola che sta creando a molti soltanto danni, malessere e frustrazioni. Peccato! A proposito la mia decisione è stata molto sofferta, ed è proprio per questo che non vi dimenticherò, anzi continuerò a lottare perchè la scuola trovi quella giusta dimensione e quel rispetto che le è dovuto. Mi scuso per essere uscita fuori tema, ma ho approfittato di questo articolo per parlare anche di quei docenti in fuga.