Il cammello e l'ago
Vittorio Delmoro - 20-06-2003
...Se fossi Ciampi volerei alto...

Non mi farei coinvolgere da questo governo e da questa maggioranza.

Se fossi Ciampi non presterei attenzione agli appelli della minoranza, non perché non abbia ragione, ma per conservare un ruolo super partes, utile per sconfiggere Berlusconi in un eventuale duello elettorale nella futura repubblica plebiscitaria che si prepara all’orizzonte.

Se fossi Ciampi firmerei il lodo Berlusconi appena approvato dal parlamento, non perché non si tratti di una legge ad personam (che lo sia è dichiarato anche dagli esponenti della maggioranza), quanto per non fornire argomenti ai sostenitori del complotto contro Berlusconi.

Se fossi Ciampi firmerei il lodo, ma vi aggiungerei una esternazione : siccome si tratta di una legge che riguarda anche la carica attualmente ricoperta da me, dichiaro fin da ora di rinunciare agli eventuali benefici della sua applicazione, rimanendo a disposizione della magistratura se trovasse elementi per mettermi sotto accusa.

Sarei convito, se fossi Ciampi, di raggiungere così due obiettivi : aumentare la fiducia che la stragrande maggioranza degli italiani dicono di nutrire per me e rafforzare la carica istituzionale che in questo momento sto ricoprendo.

Se fossi Ciampi; ma non lo sono, purtroppo…


…Da semplice insegnante quale sono…

invece saluto con gioia questo lodo Berlusconi : finalmente termina la guerra dichiarata alla magistratura e scoppia la pace (come in Iraq); potrò vedere all’opera il premier, ormai sgravato dal peso dei tribunali, che quello della coscienza non esiste più da parecchio; lui è convinto che ciò che possiede (soldi e potere) se lo è proprio guadagnato e ne va addirittura fiero; è più facile che un cammello…

Aspetto dunque le decisioni di Berlusconi sulla scuola, convinto che il suo rapporto non sia come quello con la giustizia; Berlusconi non dovrebbe odiarla, la scuola, come odia i giudici e i tribunali; le notizie agiografiche o anedottiche semiufficiali ce lo descrivono come uno bravo, uno che faceva addirittura i compiti per gli altri (facendoseli pagare naturalmente, che la vocazione del businnesman già emergeva), uno che i Brian li prendeva a calci nel sedere : niente problemi coi professori, promozioni meritate da alunno modello.

Dunque niente astio, niente voglia di rivalsa, ora che comanda lui, anzi; ha più volte dichiarato che ci vuole coprire d’oro, è solo che in questo momento la borsa, rigidamente serrata fra le mani di Tremonti, al tatto appare desolatamente floscia; non così floscia da farsi mancare qualcosa loro, questo no, ma non per tutti, per tutti proprio no.

Ma non dobbiamo temere, dice, che appena le vele riprenderanno vento, ce ne sarà anche per noi, dice. Certo non come negli anni precedenti; anzi, scordateveli proprio gli anni precedenti, che indietro non si torna. Basta con gli egualitarismi, basta coi lassismi; rigore e rispetto ci vuole e su questo avrete il vostro tornaconto, dice.

Ci vuole fornire delle sue stesse armi : il bastone e la carota; il bastone dell’autorità, del potere, da mostrare a tutti (e che sia ben visibile!) che si traduce nel voto di condotta, nel ritorno della selezione (le tanto agognate bocciature) e nel doppio canale (Brian al tornio). Ma anche la carota, da tenere nel cassetto e far baluginare solo a certuni; la carota delle lusinghe, la carota dei miraggi, la carota delle divisioni.

Lo aspetto al varco, Berlusconi, per vedere di quanti soldi ci ricoprirà, ora che Tremonti ha dichiarato che il vento sta riprendendo, e soprattutto di come ce li darà, visto che di pioggia guai a parlare (in questo torrido giugno…).

Suppongo voglia darli ai tutor, che certo se li meriteranno, visto che dovranno caricarsi sulle spalle tutte le incombenze della scuola pubblica; un poco anche alle private, che comunque avranno molto più spazio in cui investire il loro spirito imprenditoriale; e poi alle famiglie direttamente, che così provvederanno a finanziare chi più gli aggrada.

E sotto l’aspetto educativo?

Beh, per questo basta l’esempio! Quale esempio? Il suo, naturalmente! Uomo colto, uomo di successo, uomo di potere e capo carismatico; che si vuole di più? Ragazzi, seguite il suo esempio, a cominciare dal tema dell’esame di maturità : la nuova bibbia per gli uomini del futuro sono le citazioni dei suoi discorsi.

Lo aspetto alla prova, Berlusconi, per vedere se farà approvare anche per noi una legge ad personam, lo stato giuridico degli insegnanti, e se vorrà abolire i contratti per decidere lui a cosa abbiamo diritto. Voglio vedere se estenderà lo spoils-system anche ai dirigenti, come ha già minacciato di fare, tanto da ridurre al silenzio i pochi che non ci stavano.

Gerarchizzare, dividere, lusingare e stangare.

Portare la piramide anche a scuola, con al vertice il capo d’istituto, con potere di assunzione e licenziamento, col compito di distribuire risorse aggiuntive a chi vuole.

Dividere la categoria in almeno tre fasce, quella vicina a lui dei gestori dell’istituto e degli esecutori dei suoi voleri (ricompensati con le risorse di cui sopra), quella intermedia degli insegnanti sottoposti e quella bassa dei precari e degli assunti con contratto d’opera, i più ricattabili.

Lusingare gli adulatori (del dirigente, dell’ispettore, del sottosegretario, del ministro) con promesse di carriera e con l’elargizione di sporadici fondi.

Stangare tutti gli oppositori, i rematori al contrario, gli irriducibili, i rigidi, quelli rivolti con la faccia indietro, i sessantottini non pentiti, i donmilanisti, i brianiani.

Noi insomma…

Sì, voglio proprio vederlo il Berlusconi sulla scuola.



interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf

 ilaria ricciotti    - 20-06-2003
Se fossi Ciampi anch'io farei ciò che hai saputo esternare al meglio tu nel tuo articolo.
Se fossi Berlusconi mi preoccuperei, non solo degli insegnanti! Cercherei di accontentare tutti, magari mandando, non tanto ai miei amici, ma ai miei più accaniti oppositori dei consistenti regalini ( brillanti, orologi firmati ecc.) in segno di pace. Cercherei di non ascoltare coloro che non mi farebbero lavorare. Al contrario tirerei fuori da me tutte le mie risorse, le mie numerose doti nascoste e palesi, insomma governerei in Nome di Tutto il Popolo Italiano. Convincerei i più resistenti e farei vedere loro, con i fatti ciò che gli altri non sono stati mai capaci di fare, in ogni settore della vita politica, sociale, culturale, economica ed anche militare.Ogni giorno mi guarderei allo specchio e mi direi:
-Caro Silvio, sei il più bravo di tutti!

 Salvatore Camaioni    - 20-06-2003

La vergognosa legge salvaberlusconi -diciamo pure lodo-Schifezza- è passata al Parlamento e Ciampi, a tambur battente, la promulgherà nonostante quaranta tra i più autorevoli costituzionalisti italiani ne abbiano denunciato pubblicamente i plurimi profili di incostituzionalità e l'inopportunità della sua promulgazione.

Non è la prima volta che Ciampi asseconda, senza batter ciglio, le nefandezze legislative pro Berlusconi (rogatorie, falso in bilancio, Cirami...)e mi chiedo perché una persona, che ho sempre ritenuto onesta, come il capo dello Stato, debba passare alla storia come complice e corresponsabile del disastro italiano che è di fronte a chiunque lo voglia vedere. A questo punto non posso trattenere pensieri cattivi, che però, in mancanza di prove, evito di esternare. Parlare, infatti, di semplice miopia politica mi pare davvero riduttivo e non rende onore all'intelligenza, indiscutibile, dell'uomo.
Se i miei cattivi pensieri avessero un qualche fondamento il problema italiano sarebbe ancor più grave, se possibile, di quello che già si vede, perché non poter contare sulla vigilanza della massima istituzione significa essere davvero allo sbando, alla mercè dei poteri forti e criminali. La storia ci insegna che in questi casi il futuro non è mai roseo e non vedo perché dovrebbe fare sconti proprio a noi, che comunque non li meritiamo. L'unica possibile via di scampo è nell'arresto di questo processo di degrado delle istituzioni democratiche e di deriva verso un regime non soltanto autoritario ma anche criminale. Nell'immediato occorre difendere a tutti i costi la funzione giurisdizionale e l'occasione è data proprio dalla legge-vergogna appena approvata: spero che i quaranta costituzionalisti che hanno firmato il pubblico appello vogliano far pervenire alla procura di Milano i propri autorevoli pareri scritti a corredo dell'auspicato ricorso alla Corte costituzionale.
La società civile dovrà svolgere in prima persona quella funzione di vigilanza e di controllo della legalità costituzionale che le istanze a ciò addette omettono colpevolmente di effettuare. Le forze politiche democratiche di ogni schieramento dovranno dimostrare di meritare la fiducia che chiedono agli elettori impegnandosi in questa lotta per la democrazia, di cui non hanno ancora capito l'importanza e l'urgenza. Ma la vedo nera.

Dalla lista di discussione del Didaweb: politica scolastica

 Furio Colombo    - 21-06-2003
E adesso?


Il presidente ha firmato. A noi tutto ciò sembra tragico. Il grande rispetto che portiamo alla sua persona e al suo ufficio ci impedisce di fare finta di niente.

Noi non abbiamo mai creduto all’idea di relegare un uomo con la vita, il passato e la reputazione di Ciampi, nel ruolo di un totem remoto ed estraneo al dramma di vivere in questi giorni, in questo Paese, una figura cerimoniale isolata dallo sventolio delle bandierine, dalle bande che suonano gli inni e da impenetrabili mura di frasi fatte. Noi insistiamo nel considerarlo simbolo dell’unità del Paese, della Costituzione e di tutti i cittadini. Dunque anche di coloro che in questo momento sostano senza fiato e senza parola accanto allo spettacolo della Costituzione mutilata. È stato amputato il principio «La legge è uguale per tutti». Resta una grande amarezza e molte domande. La prima. Secondo voi il popolo dell’Ulivo, impegnato e mobilitato su una questione drammatica e senza ritorno come la immunità permanente garantita per legge a Silvio Berlusconi, può sciogliersi e andare a casa, come dopo una partita perduta dalla squadra del cuore? Secondo voi domani, lunedì, ricomincia la vita, e ricomincia il tran tran quotidiano e la democrazia come sempre? Che io ricordi, solo da bambini si dice, nel gioco, «ero morto» e poi ci si rialza e si ricomincia nello stesso ruolo, passando sopra al dettaglio di essere stato colpito.

L’imbarazzo certo è grande, e tanto vale affrontarlo apertamente. Ricorda la terribile barzelletta del passante indignato che vedendo un adulto picchiare un bambino, prende la responsabilità di ammonirlo: «Non ci provi un’altra volta. Il suo è un gesto ignobile!». Ma poi deve constatare che l’adulto continua a picchiare e allora si rivolge al bambino: «Senti piccolo, è meglio che te ne vai se no questo signore ti gonfia la faccia». Più o meno è ciò che ci consiglia Giuliano Ferrara in un esuberante articolo impaginato - per solennità - a colonne grandi a pag. 2 de La Stampa (19 giugno). È un «elogio di Berlusconi» nel quale in sostanza si dice: ce l’ha fatta, dunque è grande. È grande perché ce l’ha fatta. Glielo avete impedito? No? E allora rendetevi conto che (qui cito letteralmente): «Ci vuole ben altro che un girotondo o una lezione di liberalismo o di bilanciamento dei poteri per fermare questa forza della natura».

A giudicare dai fatti dovremo dire che è vero. Ma si può fondare una politica di opposizione su una simile constatazione? E soprattutto si può fondare una politica sul suggerimento non proprio disinteressato di Giuliano Ferrara? Chiede un intervistatore a Nanni Moretti, la sera in cui è stato approvato il «Lodo Berlusconi»: «Ma voi non siete un po’ ossessionati dalla denuncia di tutto quello che fa il presidente del Consiglio?». Giustamente Moretti risponde: «Veramente, ossessivo è lui».

Aggiunge Moretti: «Si sta creando un clima spiacevole e chi lo crea non è un semplice cittadino. È il presidente del Consiglio. Abbiamo toccato il fondo o dobbiamo ancora raschiare?». Come sanno tutti coloro che hanno visto eventi diversi della vita, il fondo dei momenti spiacevoli non c’è mai. Ma qui, adesso, il problema non è che fare se si tocca il fondo. Il problema è: che fare adesso.

Infatti il momento in cui viviamo può essere riassunto così. Primo, è stata violata la Costituzione. Come dicono tutti i giuristi italiani (si conosce soltanto il nome di un giurista che dissente) è stata violata in modo indiscutibile e in modo grave. Non è una accusa, è una constatazione. Secondo, la maggioranza alla Camera e al Senato viene usata come una sorta di protesi personale del primo ministro. Non parla, non ascolta, esegue in qualunque caso e a qualunque prezzo di immagine e di decenza. E questo purtroppo vale per tutti, anche per coloro che, personalmente, meritano rispetto e stima. Quando si tratta di ubbidire, ubbidiscono. E se violano la Costituzione pazienza, benché per alcuni (i ministri) si tratti della violazione di un giuramento.

Terzo, il nero profondo del provvedimento è nel fatto che esenta per sempre qualcuno dal rispondere dei propri reati. È bene porre l’accento su quel «per sempre». È chiaro che intorno a Berlusconi non sapremo mai che cosa aveva da dire e da dimostrare la PM Boccassini. Se fossero state storie facilmente smontabili, accuse «manifestamente infondate» come dice il premier, gli accusati non avrebbero mobilitato e manomesso tutte le istituzioni di un Paese teoricamente definito «democrazia», per impedirlo. Solo alcuni leader africani, in paesi tormentati dalla violenza e dal disordine, riescono a tanto, e non sempre. Non con una garanzia di esenzione perenne valida per ogni reato e di fronte ad ogni tribunale. È bene fare attenzione alla immunità perenne. Non è soltanto il punto più grave della incostituzionalità di questa legge, è anche una violazione di qualunque principio, a partire dal diritto romano. Non esiste nei codici la «prestazione dovuta per sempre».

Quarto, lo scandalo nazionale giustificato con l’impellente necessità di impedire uno scandalo europeo (il presidente del Consiglio d’Europa implicato in un processo) diventa fatalmente e irrevocabilmente uno scandalo internazionale. Ciò che avrebbe occupato lo spazio dei giorni di udienza, occuperà ogni giorno del semestre europeo, per buone e per cattive ragioni. Infatti ciò che è accaduto a favore di Berlusconi è estraneo alla democrazia e le altre democrazie non lo dimenticheranno neppure per un giorno. Ma chi vorrà avvelenare i rapporti con l’Italia e denigrarne l’immagine per qualsiasi ragione avrà una clamorosa ragione per farlo.


***

Un oggetto infetto - l’immunità senza scadenza - di un imputato di reati gravi, comuni, non politici, precedenti alla sua attività politica - circola in Europa con una visibilità e una continuità che è stato strano non prevedere. E non smetterà di infettare i rapporti tra i governi europei. Berlusconi è stato liberato dal processo italiano e condannato ad essere segnato a dito nel mondo. Lui e noi.

A questo punto ci dicono, e lo dicono varie voci autorevoli: al Presidente della Repubblica non si deve parlare di queste cose. «Lui decide secondo la sua saggezza». A molti di noi sembra strano, persino insultante, tagliare fuori il Presidente della Repubblica (per di più un uomo che ha avuto la vita, il passato, l’integrità di Ciampi) dal dialogo, dalle ansie, da ciò che tormenta una parte non piccola dell’opinione pubblica del Paese.

Ci dite che c’è una maggioranza consacrata dal voto. Giusto. Ma se la maggioranza, da sola, bastasse a rendere indiscutibile qualsiasi decisione parlamentare, perché la Costituzione indicherebbe quei poteri, pochi ma nitidamente disegnati, che autorizzano il Capo dello Stato a far sentire la sua voce, eventualmente a rinviare alle Camere atti che le Camere hanno già approvato? Che rispetto si porta al Presidente mostrando di credere che saggezza sia solo timbrare il già fatto come atto dovuto?


***

Non so chi ha inventato la frase che torna e ritorna e che dice: «non bisogna tirare per la giacchetta il presidente». La più alta istituzione dello Stato non è la dea Khalì che, vendicativa e intollerante (in quanto dea della distruzione) non ama essere coinvolta negli eventi della storia. È un punto di riferimento caldo e caro ai cittadini, che in questa istituzione hanno, fin dal ritorno della democrazia italiana, una fiducia istintiva, praticamente ininterrotta nei decenni. Si può capire e anzi approvare la decisione dei partiti di opposizione di non farsene mai uno scudo. Istituzionalmente è un dovere.

Ma i cittadini? Se una parte di essi si sente spinta con brutalità fuori dal processo democratico, privata di informazioni libere, assediata da accurata censura televisiva da un lato, e dall’altro dal fiato sempre più pesante di un politico immensamente ricco che possiede e controlla televisioni e giornali, verso chi i cittadini dovrebbero rivolgere lo sguardo? In un Paese in cui persino gli esami di Stato sono inquinati da propaganda politica a favore del re dei conflitti di interessi, in cui i giudici sono insultati ogni giorno (e scrupolosamente perseguitati anche dal ministro della Giustizia) e si viene meno persino alla decenza formale quando un ministro della Repubblica invoca cannonate sugli immigrati e un altro esplicitamente chiede baionette contro «il pericoloso esercito degli inermi» (e non si vergogna di ricordare per l’occasione i Caduti del Piave) a chi dovrebbero rivolgere sguardo e speranza gli italiani? Chi fa da tutore e da notaio di coloro che non chiedono niente per sè, niente per la propria parte, ma solo rispetto della Costituzione, della separazione dei poteri, della libertà di informazione, coloro che ripetono, cioè, frasi, interventi, parole dette, in circostanze di volta in volta diverse, ma inequivocabilmente simili, dal Presidente della Repubblica?

Ci dicono e ci ripetono in molti, riferendosi a una loro esperienza esclusiva, che «in questo modo non vinceremo mai». Attenzione, se l’alternativa è vincere attraverso forme di cauto collaborazionismo (mai attuato, fino ad ora da una opposizione parlamentare che è stata tenace, però spesso accennato e un pochino invocato da alcuni) con gli autori delle stragi di legalità e del vandalismo deliberato alla Costituzione; se vincere vuol dire sperare di subentrare alla loro gestione senza scuoterla, senza impedirla, senza sradicarla, allora che senso avrebbe vincere? Significherebbe solo mettere i piedi nelle loro orme. Un evento impossibile da immaginare.

Da L'Unità

 Giuseppe Aragno    - 23-06-2003
Due parole Vittorio. Te le devo e mi fa piacere dirle. Per quello che può valere la mia opinione, trovo che, come tutti i tuoi interventi, anche questo sia sereno, misurato, attento e ben scritto. E' vero, l'ho citato usando un tono che può apparire critico, tuttavia - credimi - non voleva esserlo. Condivido appieno ciò che scrivi. Ho provato semplicemente a contrastare il pericoloso scoramento che sembra prendere un po' tutti noi di sinistra dopo l'approvazione del famigerato lodo. Uno scoramento che - posso sbagliare - ora non possiamo consentirci. Tutto qui.