La lettera del Sindaco
Alessandro Bolognesi - 23-05-2003



Ai Sindaci in indirizzo


Al termine della marcia Vicchio-Barbiana per la “scuola di tutti e di ciascuno”, salutai i partecipanti dando loro appuntamento al 2003.
Il grido di allarme, la protesta e la proposta che erano alla base della manifestazione, sono tutt’oggi pienamente attuali, in quanto le scelte governative in materia di istruzione, vanno sempre più verso il depotenziamento della scuola pubblica, dell’affermazione del controllo politico sul sapere e dell’affossamento del pluralismo culturale.
Pertanto sussistono ancora tutti i presupposti e le necessità di richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica ad una mobilitazione che abbia come orizzonte l’esperienza pedagogica di don Lorenzo Milani.
Mi preme ricordare che quest’anno, ottantesimo anniversario della nascita del priore di Barbiana, la marcia assume un significato particolare e sarà preceduta da alcune iniziative culturali, celebrative e di riflessione sull’attualizzazione del pensare e dell’agire milaniano.
Un messaggio basato su temi, quali la pace, la giustizia sociale, l’obiezione civile, la globalizzazione che invadono quotidianamente le nostre vite e le nostre società con nuovi rischi e nuove tragedie.
Dunque sono molte le ragioni per tornare a Barbiana, luogo d’impegno e sacrificio, dove i diritti e l’educazione erano un chiaro segno di speranza ed identità.
Per questo saliremo nuovamente a Barbiana, ognuno con il suo passo, ma ancora una volta tutti insieme per costruire un mondo accogliente per tutti.
Pertanto vi do appuntamento a Vicchio per il 25 maggio, accompagnati dal civico gonfalone, come dal programma che troverete nel sito www.marciadibarbiana.it .
In attesa di un gradito riscontro , rimango a disposizione per ogni eventuale chiarimento e vi saluto cordialmente.

Alessandro Bolognesi

Vicchio, 23 maggio 2003





discussione chiusa  condividi pdf