Interessi in conflitto
Quelli del nastrino - 15-03-2003
L’idea del Nastrino blu nasce per iniziativa di un gruppo di docenti, dipendenti e studenti dell’Università di Milano.

Noi siamo convinti che la concentrazione eccessiva di potere politico, economico e mediatico rappresentata dall’attuale Presidente del Consiglio costituisce una grave malattia della nostra società, viola i principi fondamentali della democrazia liberale, e costituisce un rischio per lo sviluppo di una sana vita democratica.

Riteniamo che l’Italia debba dotarsi di una legge sul conflitto di interessi efficiente e coerente con i principi e la pratica delle altre democrazie occidentali.

Finché questo non avverrà, proponiamo di usare il Nastrino blu come simbolo della nostra preoccupazione e del nostro dissenso.

Chiediamo l’adesione di tutte le persone ed organizzazioni che hanno a cuore lo stato della nostra democrazia.





discussione chiusa  condividi pdf

 Gianni Bozzo    - 16-03-2003
In Italia non e' presente alcun conflitto di interessi, a sentire gli esponenti di spicco e le mezze cartucce della maggioranza.
In Italia c'e' soltanto un presidente del Consiglio, arci miliardario, con interessi personali diversificati in molteplici rami dell'economia che ha messo sotto tutela larga parte dell'informazione pubblica e privata.

Un sorriso, tanto per sdrammatizzare, :-)