tam tam |  teatro  |
"Navigazioni"
La Repubblica - 01-03-2003
Salpa la nave-teatro
Un palcoscenico sul mare




Lo spettacolo a bordo di un traghetto
Un evento ideato dal Teatro della Tosse di Genovari e ballerini per raccontare il mito del viaggio
Tappe nei porti di Savona, Napoli, Palermo, Livorno



GENOVA - Andare per mare, parlare di mare, e degli uomini che grazie al viaggio e alla navigazione sono entrati nel mito e nella storia. Argomento di difficile sintesi, ma il teatro, spesso, può molto. Ne è prova Navigazioni. Da Ghilgamesh a Kafka, evento-spettacolo proposto dal Teatro della Tosse di Genova, firmato, nel progetto e nella regia, da Tonino Conte, fondatore e anima del laboratorio genovese. Che per l'occasione lascia la sede storica in Sant'Agostino, e si trasferisce in mare aperto, a bordo della motonave "Holger", che diventa palcoscenico ma anche spazio espositivo. Il tour partirà il 4 marzo da Imperia, toccherà i principali porti del Tirreno, e si concluderà a Genova.

Una nave, tre luoghi. In coperta, Emanuele Luzzati racconterà il rapporto fra Genova e il mare, esponendo un gran pavese con un suo dipinto ispirato alla storia delle avventure e degli eroi dei mari. Sottocoperta, una mostra del pittore Flavio Costantini dal titolo La nave, il mare, mentre nella stiva, con una serie di suggestive installazioni scenografiche, trenta artisti daranno vita allo spettacolo, un'ora e 15 minuti di mitologia dell'andar per mare.

Una navigazione nell'universo dell'esperienza umana, in cui si intrecciano danze e leggenda, musica e storia. I viaggi di Ghilgamesh alla ricerca della pianta che dona l'immortalità, l'Ulisse dantesco, Noé e il Diluvio. E poi le peregrinazioni di San Brandano, le scorrerie vichinghe di Erik il Rosso, i naufragi di Cabeza de Vaca, le scoperte di Colombo (l'attore Massimo Venturiello interpreta via via i vari personaggi). Fino al gran finale, con la stiva che si trasforma nella sala macchine del kafkiano fuochista Karl di Amerika.

Così come il mare non ha confini, non ce ne sono neanche fra attori ed attori, e fra attori e spettatori. Fanno parte della "ciurma teatrale" artisti tedeschi, italiani, spagnoli (in tutto 50 fra attori, tecnici, musicisti, ballerini, coreografi, sarte), in un impianto scenografico che non costringe il pubblico alla "poltrona" (anche perché la maxi-stiva può ospitare fino a 450 persone), ma gli consente di muoversi all'interno dello spazio scenico ed interagire con esso. Anche il desco è in comune: a fine spettacolo, il pubblico potrà fermarsi per una cena o uno spuntino con la compagnia. Una nave-teatro che è anche un'eco-nave: si alimenta infatti con uno speciale gasolio ecologico, bianco come una vernice, che la fa viaggiare a consumi ridotti e con scarichi "puliti".

La nave-teatro partirà dal porto di Imperia il 4 marzo, sarà poi a Savona (dal 7 al 9 marzo), Napoli (dal 12 al 15 marzo), Palermo (dal 18 al 20 marzo), Catania (dal 22 al 24 marzo), Livorno (27 e 28 marzo, La Spezia (29 e 30 marzo) e Genova (dal 2 al 12 aprile). Informazioni e prenotazioni presso il Teatro della Tosse, al numero 010/2487011.



discussione chiusa  condividi pdf