Bandiera di pace
Mirco Pieralisi - 24-01-2003

Come insegnanti e genitori riteniamo che non si possa essere indifferenti alla minaccia di una prossima guerra contro l’Irak, che coinvolgerebbe, come ogni guerra, la vita di centinaia di migliaia di persone innocenti, adulti e bambini.

Crediamo nel valore di quello che sta scritto nella Costituzione italiana,quando si dice che “L’Italia ripudia la guerra come strumento per risolvere i problemi internazionali.”

Crediamo di doverci opporre, anche nel nostro messaggio educativo, alla cultura di morte rappresentata da ogni guerra e desideriamo affermare che i conflitti tra le persone e tra i popoli non possano risolversi con la violenza, la sopraffazione, il terrorismo e la guerra, ma con il confronto pacifico tra idee e culture diverse.

Come rappresentanti di una comunità educativa pensiamo che i nostri figli ed alunni non possano crescere in un mondo in cui la guerra sia l’inevitabile sfondo quotidiano della presenza umana nel mondo.

Per questo, aderendo all’appello lanciato da numerose associazioni laiche e religiose, abbiamo deciso di esporre la bandiera della pace all’esterno delle nostre scuole come testimonianza di un’idea e di un impegno che intendiamo trasmettere a bambini e bambine.



I consigli di interclasse delle scuole elementari Don Bosco, Giordani e Mattiuzzi Casali di Bologna

interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf