tam tam |  cinema  |
The Passion
Gianni Mereghetti - 17-01-2003
«Mi attaccano perché giro il film sulla morte di Gesù»

ROMA - Mel Gibson, che sta girando a Roma un film su Gesù, afferma di essere «sotto attacco» a causa del soggetto della pellicola: «L' argomento mi ha creato molti nemici - ha detto Gibson nel corso di un' intervista rilasciata alla tv Usa Fox News - . Da quando sono a Roma so per certo che vi sono persone, inviate da pubblicazioni rispettate, che stanno scavando attivamente nella mia vita privata. Stanno frugando nei miei conti bancari, esaminando gli enti di carità che aiuto. Stanno tormentando i miei amici e i miei familiari, i miei partner in affari. Hanno cercato di ottenere dichiarazioni negative persino da mio padre. Sono adulto e vaccinato, posso difendermi bene. Ma, quando si comincia a dare fastidio a una persona anziana come mio p adre, allora le cose cambiano». Gibson - cattolico praticante - ha detto di essere convinto che il problema sia dovuto al film, che descriverà in modo realistico le torture inflitte a Gesù e la brutalità della sua uccisione: «I film sinora girati sul la morte di Gesù non sono mai stati molto realistici, sembrano più fiabe che la descrizione di una morte orribile. Il mio film illustrerà la profondità del sacrificio di Gesù». Gibson ha detto che il suo film «potrebbe offendere qualche ebreo». «Non è mia intenzione - ha aggiunto -. Io mi limito a raccontare la verità. Ma ognuno deve assumersi le sue responsabilità».

(Dal Corsera)


Carissimo Mel Gibson,

ho letto che a causa del film che sta girando su Gesù Cristo è stato oggetto di minacce e di attacchi che la colpiscono fin negli affetti famigliari. Ciò che stanno facendo contro di lei è gravissimo e inqualificabile, ma purtroppo non è strano in una società come la nostra, dominata da una mentalità che accetta ogni religione e anche i sacrifici più grandi in nome dello spirito, ma non che Dio sia un uomo come noi.
Lei sta realizzando un'opera grande, perchè attraverso il linguaggio cinematografico vuole mostrare il vero volto di Dio, la sua è una testimonianza commovente. Non abbia paura, non retroceda di un passo, continui con la determinazione di cui è capace nel suo lavoro così da rendere gloria al Dio vivente ed abbia la certezza che Cristo la accompagna e la sostiene passo dopo passo, come fa ogni giorno con la vita di ogni uomo.
Grazie per quello che sta facendo!



discussione chiusa  condividi pdf

 alberto tondina    - 18-01-2003
Bisognerebbe rendere omaggio ad ogni vera passione. Che qualcuno ostacoli un film del genere è disumanamente ideologico: può uscirne forse una schifezza, oppure un capolavoro, ma non potrà non uscirne il cuore di Mel Gibson, e con il suo il nostro, di fronte all'uomo più enigmatico e drammaticamente perseguitato della storia. Auguri Mel, e buon lavoro

 Paola Zannini    - 20-01-2003
Voglio unirmi ai ringraziamenti già espressi in favore di Mel Gibson. E' ogni giorno più evidente che l'essere cristiani è consentito solo tra le mura domestiche. Ogni volta che un cristiano tenta di uscire allo scoperto, soprattutto se si tratta di uomini "di spettacolo" e con gran risonanza pubblica, immediatamente si cerca di dimostrare che c'è "qualcosa che non va" e si va a frugare nella sua vita per scoprire eventuali secondi fini o scheletri nell'armadio.
Caro Mel, vada avanti per tutti quelli che si trovano tutti i giorni a fare i conti con questa mentalità che vorrebbe spazzarli via.
Grazie

 cristina milesi    - 22-01-2003
Caro Gianni sono Cristina Milesi, non sapevo di queste minacce a Mel Gibson( attore e regista che stimo moltissimo). Secondo te è impossibile ad una che segue un giornalino scolastico intervistarlo on avere un contatto via e-mail? Aspetto risposta, grazie. Il mio commento è: la persecuzione rende più grande la testimonianza e più desideroso per me far sentire che vorrei condividere per quel che posso il dolore di chi la vive per essere anche io più vera.

 giorgio cannavicci    - 07-04-2003
Credo che molte persone non sappiano che la crocifissione di Gesu e stata il frutto di due forze in campo:una forza, la piu importante, quella dei sacerdoti giudei che dopo la lavata di mano da parte di Pilato avevano in mano la vita di Gesu di Nazaret e lo hanno condannato e ucciso SPIRITUALMENTE, e poi i centurioni romani che hanno MATERIALMENTE ucciso il Messia.Tutto questo deve essere chiaro (e lo sarà nel film) il quale secondo il mio per nulla modesto parere non da fastidio al Vaticano, che da tempo con dei DOGMI ha superato ll problema della umanità del Nazareno, ma a una parte degli ebrei che forse vorrebbero che risultasse a tutti noi solo la colpa MATERIALE della crocifissione. E questo non è e non sarà mai possibile.

 Nicoletta    - 25-07-2003
E' incredibile che uno non possa esprimere liberamente le proprie idee e subire minacce!! i film di Mel Gibson fa solamente paura a certe persone e per questo viene aspramente criticato. Stimo tantissimo Mel Gibson e gli auguro un grandissimo successo con The Passion

 Lorenzo de Vita    - 25-11-2003
Per mio conto andro' a vedere il film con tutta la famiglia piu' e piu' volte.
Da una parte per apprezzare e rivedere quello che sara' un capolavoro per drammaticita' e impatto visivo, dall'altra per voler essere partecipe e autore, mio malgrado, del succeso di pubblico che questo film DEVE ASSOLUTAMENTE avere.
Io personalmente sono stufo dei vari Woody Allen e personaggi simili, politicamente corretti fino alla nausea e certamente poco educativi.
Incoraggiamo invece un uomo di sanissimi principi come Gibson e per quanto ci sara' possibile aiutiamolo tutti!

 Tiziana    - 11-04-2004
Sono rimasta estremamente colpita dal film e allo stesso tempo profondamente turbata! Ciò perchè se pur conoscessi il Calvario di Gesù, non avevo realizzato veramente cosa fosse significato umanamente subire un Male così devastante.
Non comprendo le innumerevoli polemiche che gli sono state mosse, poichè non ho trovato nulla di insidioso, semmai credo che v'era proprio il bisogno di 1 film di tale Impatto e spessore, capace di scuotere le coscienze e ritrovare la giusta prospettiva delle proprie sofferenze nell'ottica cristiana! Grazie a Dio esistono ancora registi che come M.Gibson offrono al pubblico film di valore!

 Isabella    - 23-04-2004
Carissimo Mel desidero dirti che il tuo film su GESU è il piu Bel film in assoluto sulla vita di CRISTO che sia stato fatto e che tu sei STRAORDINARIO e come regista, attore e persona. Mi piacciono tutti i tuoi film. Vorrei tanto avere il piacere di conoscerti. Ti auguro che tu sia per sempre FELICE e che DIO ti copra di Benedizioni. Ti voglio un universo di Bene. Tua ammiratrice Isabella. Con affetto.

 Isabella    - 23-04-2004
Carissimo Mel aggiungo al mio commento di prima che prego per te, affinchè le persecuzioni finiscano al più presto. Hai pienamente ragione nel dire che negli altri film su GESU, la Crocifissione è quasi una fiaba. Non abbatterti mai, sono loro che ti perseguitano ad avere torto marcio non tu!!!!!TVTTTTB!!!!Isabella