tam tam |  proposta  |
Per la pace
Fuoriregistro - 11-01-2003
Una poesia per la pace, un racconto contro il razzismo"
(da un'idea di Nino Genovese)


Invia una poesia con a tema "la pace" o un racconto breve (max 3 cartelle) a tema "il razzismo", al seguente indirizzo: nino.genovese@inwind.it .
I lavori saranno pubblicati tutti sul sito www.ilfoglioletterario.it e i migliori componimenti andranno a far parte di una raccolta cartacea.
Inviate i vostri lavori entro e non oltre il 15 Febbraio 2002.

**********************************************************


Una catena di sant'antonio val bene la pace!

Appello a tutti i credenti nel santo e amanti delle sua catena. Perchè non facciamo girare per le nostre liste interne di contatti l'invito delle bandiere per la pace...

Se la catena si interrompe il rischio è la guerra se si continua.......speranze di pace.

"Per una pace senza se e senza ma"


Risposte alle domande più frequenti


· Che cos'e' la campagna "Pace da tutti i balconi!"?


È la proposta fatta a tutti coloro che vogliono esprimere con un gesto preciso il proprio NO alla guerra ed il proprio SI alla pace e alla via del dialogo.
Richiede che la bandiera della pace venga appesa alla finestra o ad un balcone, o comunque in un luogo ben visibile e venga tenuta esposta finché non sia scongiurato un attacco contro l'Iraq e l'intervento dell'Italia in guerra, in qualsiasi forma essi avvengano.


· Come nasce l'iniziativa "Pace da tutti i balconi!"?

La sera del 15 settembre 2002, concluso il Giubileo degli oppressi, un gruppo di persone appartenenti a diverse associazioni insieme ad Alex Zanotelli lancia un'iniziativa che possa attivare tutti i cittadini italiani, e che consiste nell'appendere ai balconi di casa la bandiera della pace per dichiarare il proprio no alla guerra. La richiesta di adesioni viene inoltrata alle associazioni legate alla Rete di Lilliput e trova un'immediata entusiastica risposta. Successivamente, l'iniziativa va ad affiancarsi alla campagna "Fuori l'Italia dalla guerra" promossa tra gli altri da Emergency, Libera, Rete di Lilliput e Tavola della Pace.

· I cittadini dove possono trovare le bandiere sul territorio?

Il coordinamento della campagna sta cercando di attivare tutti i gruppi disponibili (botteghe del commercio equo e solidale, gruppi di solidarietà, gruppi sindacali locali, ecc.), affinché vi sia una diffusione capillare sul territorio. Per vedere quali gruppi al momento si siano attivati per la distribuzione, consultare la sezione "Punti locali di distribuzione" del sito www.bandieredipace.org

· · I gruppi e le associazioni dove possono rifornirsi di bandiere?

I gruppi che desiderano distribuire le bandiere possono cercare autonomamente le aziende sul territorio che le forniscono. Alla sezione "Bandiere per gruppi/botteghe" abbiamo comunque indicato delle segreterie che si sono rese disponibili e offrono il servizio di distribuzione e invio in tutt'Italia.

· · Quanto costano le bandiere e a chi vanno i soldi delle bandiere?

Solo gli esercizi commerciali possono vendere le bandiere. Le associazioni o i gruppi che si impegnano a distribuirle sul territorio possono solo richiedere un'offerta. L'eventuale parte di offerta data per ogni bandiera che eccede il costo di acquisto sarà trattenuta dall'associazione distributrice per coprire le spese vive della campagna e per finanziare propri progetti.

· Per quanto tempo devono rimanere esposte?

Affinché la campagna abbia un senso, le bandiere dovranno progressivamente colorare il territorio. Per questo motivo, è necessario che le bandiere siano esposte il più a lungo possibile, e comunque finché la minaccia di un attacco militare contro l'Iraq e l'intervento dell'Italia in guerra non siano definitivamente scongiurati. Le bandiere sono resistenti e possono rimanere appese all'esterno con ogni clima.

· · Ci si può fabbricare una bandiera da soli ed esporla?

Certo. Chiunque non abbia la possibilità o non desideri procurarsi una bandiera della pace, è invitato a partecipare ugualmente alla campagna esponendo un lenzuolo con la scritta "PACE" oppure "NO ALLA GUERRA" ben visibile, meglio se colorata.

· · Dove si può trovare del materiale informativo riguardante la campagna?

Per saperne di più sulla campagna, consultare la sezione "Materiale per la campagna" sul sito, dove sarà possibile trovare sia documentazione che materiale per l'organizzazione di un banchetto.

· · Possiamo proporre l'iniziativa nel luogo di lavoro, in parrocchia, nel circolo sportivo?

Certo. La bandiera della pace travalica posizioni politiche e ideologiche, età e appartenenze religiose o culturali. Si invitano gruppi e singoli cittadini a collaborare per la sua diffusione in tutti gli ambiti possibili della nostra società.







discussione chiusa  condividi pdf

 ilaria ricciotti    - 13-01-2003
Ottima proposta.Speriamo che oltre alle firme di adesione di noi adulti, possiamo leggere anche cosa pensano i bambini ed i giovani a proposito di questi fatti che fortunatamente loro non hanno vissuto, ma che altri coetanei ieri ed oggi, in altre parti del mondo stanno vivendo.E' necessario che la scuola sensibilizzi queste giovani vite, alcune delle quali spesso con molta disinvoltura disegnano svastiche senza neanche sapere che cosa hanno rappresentato per l'umanità e che cosa potrebbero rappresentare.
La libertà non è un bene ad uso e consumo dei popoli, ma una piantina che deve essere ogni minuto custodita e curata perchè non muoia.
Ilaria