Operazioni di pulizia
Andrea Martella - 10-01-2003
...ovvero: il malgoverno della scuola pubblica: un caso esemplare


Al Ministro dell’Istruzione Letizia Brichetto Arnaboldi Moratti
SEDE


Egregia ministra,

mi permetto di segnalarle quanto già proposto con una mia interrogazione a risposta scritta che non ha ricevuto fino a questo momento risposta alcuna:
Nel comune di Portogruaro per 15 plessi scolastici, dipendenti dalle direzioni didattiche del 1° e del 2° circolo, le operazioni di pulizia sono in gran parte garantite dalla ditta ARIA sas e dal mese di ottobre 2001 alla citata ditta non vengono liquidate da parte del CSA di Venezia, territorialmente competente, le fatture relative all'esecuzione dei servizi di cui trattasi.
In seguito all’emanazione del DM del 29 novembre non sono stati utilizzati gli stanziamenti attivati dal decreto legge 212 e le scuole stanno per chiudere causa la sospensione dei lavori di pulizia e per la conseguente inagibilità dei locali.
Il D.M del 21 dicembre del Ministro Tremonti corregge quello del 29 novembre 2002 dello stesso ministro. Tremonti si è accorto con ritardo che i finanziamenti erogati con urgenza con il Decreto legge approvato il 22 novembre non potevano essere bloccati con il decreto tagliaspesa approvato una settimana dopo. Siamo oltre il caso”Scafroglia”!
Molto bene signora ministra Moratti ma a Portogruaro le scuole chiuderanno nei prossimi giorni se l’Amministrazione scolastica regionale non effettua i necessari pagamenti.
Può provvedere cortesemente al riguardo?

Distinti saluti

On Andrea Martella
10 gennaio 2003





Interrogazione a risposta scritta



MARTELLA. - Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca.

- Per sapere -

premesso che:

fin dal gennaio 2000 le competenze sulle pulizie degli edifici sede di scuole materne ed elementari, in precedenza compito dei comuni, sono passati allo stato contestualmente al passaggio del personale ATA comunale nei ruoli statali;

questo ministero è subentrato dalla stessa data, nei contratti in essere già stipulati dai comuni e riguardanti l'affidamento a ditte esterne delle operazioni di pulizia dei plessi scolastici in argomento;

detti contratti sono stati successivamente prorogati fino a comprendere, temporalmente, il corrente anno scolastico;

nel comune di Portogruaro per 15 plessi scolastici, dipendenti dalle direzioni didattiche del 1° e del 2° circolo le operazioni di pulizia sono in gran parte garantite dalla ditta ARIA sas;

dal mese di ottobre 2001 alla citata ditta non vengono liquidate da parte del CSA di Venezia, territorialmente competente, le fatture relative all'esecuzione dei servizi di cui trattasi;

ciò nonostante la ditta ha continuato a garantire fino al 18 maggio 2002 l'effettuazione degli interventi contrattualmente previsti, rappresentando peraltro più e più volte al CSA di Venezia la difficile situazione finanziaria in cui progressivamente si veniva a trovare;

dal 20 maggio 2002 stante la situazione, la ditta ha formalmente comunicato la sospensione dei servizi e del pagamento degli stipendi al proprio personale impiegato nell'appalto;

detta sospensione ha causato e causa disservizi all'utenza scolastica, sconcerto nell'opinione pubblica e rilevante danno alla ditta e al personale impiegato -:

il sottosegretario Aprea, ignorando che i governi del centro sinistra hanno sempre garantito la necessaria copertura finanziaria degli appalti trasferiti in seguito alla legge 124/99, ha assicurato il 4 novembre del corrente anno, con confusi riferimenti normativi, alcune misure atte ad assicurare i rivendicati pagamenti;

Il DL. n.212 del 25 settembre 2002 convertito nella legge n. 268 del 22 Novembre 2002, ha garantito la copertura finanziaria dei suddetti contratti di appalto a decorrere l’anno finanziario 2002;
a causa dell’entrata in vigore del DM. 29 novembre 2002, decreto taglia spese del Ministro Tremonti, le amministrazioni scolastiche regionali, come comunica agli interessati il 9 dicembre il Direttore Generale del Veneto Enzo Martinelli, informano che le somme loro attribuite con il suddetto decreto legge sono indisponibili per il pagamento dei crediti maturati;-

quali iniziative intenda attivare il Ministro, per superare comportamenti chiaramente schizofrenici del Governo, al fine di garantire il pagamento di dette prestazioni, per assicurare l'immediato ripristino delle operazioni di pulizia necessarie ad una normale e decorosa attività didattica nel Comune di Portogruaro, per evitare il ripetersi di simili incredibili situazioni intollerabili in un Paese civile.

discussione chiusa  condividi pdf