Mantova: un Preside querela un sindacalista, il Tribunale archivia
Lioumis Ioannis - 01-07-2018

Il giorno 05/12/2017 il sindacalista dell'associazione sindacale Politeia Scuola Lioumis Ioannis venne invitato a presentarsi a Mantova, presso la Sezione di Polizia Giudiziaria, in qualità di persona sottoposta alle indagini per il reato di diffamazione. Era accusato dal Dirigente Scolastico di un Ist. Comprensivo Modenese, di aver offeso la sua reputazione.
Le frasi incriminate, estrapolate dal articolo di un quotidiano di Modena "Maestra troppo buona, il Preside la sospende" del 16/04/2017,
sarebbero queste:
...

1)"quello che è accaduto alla maestra ha dell'incredibile ma si inquadra nel disegno della cosiddetta legge della "Buona Scuola". Con la riforma Renzi gli insegnanti vengono considerati esecutori di ordini e i presidi si comportano da padroni con tutti gli abusi del caso"; e...


2) "Una vergogna, non aveva nessun potere di fare quello che ha fatto. Il Preside può sospendere immediatamente un insegnante solo in presenza di fatti gravissimi, che hanno a che fare con il codice penale. Non c'è altra ragione che tenga. Il dirigente avrebbe dovuto per lo meno aspettare l'esito della visita medica prima di decidere e poi seguire le procedure del caso. Invece ha sovvertito la legge: prima la sospensione dal lavoro poi la visita medica collegiale".

Ebbene, il giudice Gilberto Casari, esaminati in particolare la richiesta di archiviazione formulata dal Pubblico Ministero e l'atto di opposizione all'archiviazione presentato dalla persona offesa (il Preside), sciogliendo la riserva di decisione di cui all'udienza camerale svoltasi in data 24/05/2018,
OSSERVA che :
"deve essere accolta la richiesta di archiviazione formulata dal P.M. per infondatezza della notizia di reato. Nel nostro caso le espressioni utilizzate dal sindacalista Lioumis per criticare l'operato del dirigente scolastico (ed in particolare la decisione opinabile, visto l'esito "tranchant" della visita medica collegiale presso la Commissione Medica di verifica, di sospendere dal servizio a scopo cautelativo l'insegnante...D.F....sulla base di una presumibile, a leggere il provvedimento, inidoneità psicofisica della docente), seppur fortemente polemiche e aspre, non possono ritenersi inconferenti rispetto all'oggetto della controversia, e quindi rientrano nel perimetro del legittimo diritto di critica sindacale", e
conclude , "alla luce delle considerazioni che precedono, le indagini integrative richieste sono superflue, non potendo incidere
sull'insussistenza del delitto ipotizzato" disponendo
l'archiviazione del procedimento per infondatezza della notizia di reato.
"Non si sbaglia mai a fare la cosa giusta" Mark Twain

Associazione Sindacale   
Politeia Scuola


interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf