A Chieti lo sciopero è...,
Pasquale Piergiovanni - 16-11-2017

Lo avevamo denunciato: l'esercizio del diritto di sciopero è in pericolo. Come se non bastasse "l'editto" di Del Rio - che 24 ore prima dello sciopero generale del 27 ottobre scorso proclamato rispettando tutte le regole imposte dalla normativa e con ben 3 mesi e mezzo di anticipo ha precettato i lavoratori del comparto trasporto pubblico riducendolo da 24 a 4 ore e sterilizzandolo nei fatti - un altro episodio gravissimo ci è stato segnalato da Chieti. I fatti.
11 lavoratori della Bravo Srl di San Salvo (Chieti) aderendo all'invito di USI-AIT hanno esercitato il proprio diritto soggettivo inalienabile. Diritto - lo ribadiamo con forza - di rango costituzionale e, in quanto tale, tutelato dalla legge: hanno scioperato!
La Bravo Srl di Chieti occupa circa 360 dipendenti e fa capo ad una multinazionale giapponese del vetro (NSG Group) con sedi a Settimo Torinese, Melfi e Porto Marghera: ai primi di novembre, spulciando nella busta paga, i lavoratori hanno trovato una sorpresa. Hanno scoperto che - il 27 ottobre - la trattenuta effettuata dall'azienda aveva, come causale, un'assenza ... "ingiustificata" e non l'adesione ad uno sciopero - lo ripetiamo, proclamato con larghissimo anticipo e rispettando tutti i, rigidissimi, vincoli di legge: a cominciare dall'ordine di precettazione!.
Nei giorni successivi sono cominciate a pervenire le prime lettere con le quali la Direzione aziendale preannunciava l'apertura di un procedimento disciplinare a carico degli scioperanti ... "ingiustificati".
Chiariamo subito che la Segreteria nazionale USI-AIT si è già attivata per tutelare i lavoratori fornendo alla Direzione aziendale tutta la documentazione relativa allo sciopero generale del 27 ottobre 2017 inoltrata - come prescrive la normativa - alle Autorità competenti che, ad ogni buon conto e a beneficio della direzione aziendale chietina, ribadiamo:
• Presidenza Consiglio dei ministri;
• Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti;
• Ministero del Lavoro;
• Ministero Funzione pubblica;
• Presidente Commissione di Garanzia ex lege 146/90.
Nessuna legge o clausola contrattuale obbliga le OOSS in lotta per ottenere miglioramenti salariali o sociali ad informare le singole aziende - come pretende la filiale chietina della NSG Group - dell'agitazione in corso dal momento che l'obbligo giuridico dell'informazione corretta e tempestiva ai sensi dell'articolo 2 comma 6 della legge 146/90 (come correttamente riportato e rammentato nel telegramma di indizione dello sciopero indirizzato alle Autorità competenti) spetta al Governo e - in ultima analisi - agli organi di (dis)informazione di massa (tiggì in primis) che però - per calcoli meschini e fin troppo facili da prevedere - si guardano bene dal farlo.
Informare correttamente e per tempo i lavoratori e le lavoratrici di uno sciopero generale riguardante sia il settore pubblico che quello privato - che rientra negli obblighi etici prima ancora che giuridici di quel "servizio pubblico" denominato informazione di massa - significherebbe aumentare potenzialmente il rischio di adesione/partecipazione alle iniziative di lotta proposte dal sindacalismo più combattivo.
Meglio, molto meglio (per il governo ed i media asserviti) mettere la "sordina" a queste iniziative e poco importa se questo atteggiamento di "censura preventiva dell'informazione" comporti "l'effetto collaterale" di cogliere di sorpresa i padroni che reagiscono in maniera arrogante e scomposta: come alla Bravo Srl di San Salvo.
Pur non volendo corredare il gravissimo episodio di un significato improprio non possiamo fare a meno di rilevare come questa iniziativa padronale abbia fortemente scosso ed irritato i lavoratori palesandosi come una forma - nemmeno tanto occulta - di condizionamento se non proprio di vera e propria intimidazione in occasione di - assai probabili - mobilitazioni future. E, probabilmente, è proprio questo lo scopo che si prefigge la direzione aziendale protagonista di questo episodio: scongiurare mobilitazioni future!
Un tentativo di "condizionamento occulto" che - stringendoci idealmente agli scioperanti di Chieti - rispediamo al mittente.
Nell'esprimere la piena e completa solidarietà ai lavoratori di San Salvo oggetto di discriminazione invitiamo tutti i solidali ad inviare una lettera alla Direzione aziendale in modo che sia chiaro e tangibile che essi non sono e non saranno lasciati soli alla mercè delle arbitriarie interpretazioni padronali.
Se toccano uno toccano tutti.
Per USI-AIT Puglia
Pasquale Piergiovanni


P.S.: I messaggi solidali vanno indirizzati alla Direzione della Bravo Srl al seguente recapito postale (o al numero di fax indicato in calce) con questa dicitura: "Piena e completa solidarietà agli scioperanti della Bravo Srl di San Salvo (Chieti) vittime di procedimento disciplinare per aver aderito e partecipato allo sciopero generale del 27 ottobre scorso. Se toccano uno toccano tutti".

Direzione Aziendale BRAVO SRL ZONA INDUSTRIALE 66050 SAN SALVO (CH)
Fax 0873 549998



interventi dello stesso autore commenta condividi pdf