Medicina scolastica
Lorenzo Picunio - 26-07-2017
C'era una volta la medicina scolastica. Un medico aveva in carico tre o quattro istituti scolastici, faceva una serie di screening (vista, udito, peso, altezza) in prima e terza elementare, valutava con gli insegnanti i possibili controlli presso la neuropsichiatria infantile o ad altri servizi del territorio. Conosceva i dirigenti, la maggior parte degli insegnanti ed anche i pediatri di base. Prima ancora esisteva anche l' assistente sanitaria visitatrice - questo era il nome della sua qualifica - che costituiva un filtro precedente a quello del medico. Oggi c'è un solo medico scolastico per ciascun distretto sanitario: da noi è una brava persona e un bravo medico, ma è uno per 4 o 5 mila alunni. I genitori romeni e degli altri paesi dell' Europa orientale ci dicono che - nel caos di quelle nazioni - il medico scolastico esiste ancora. Le Asl rispondono che la stessa funzione viene esercitata dai pediatri di base, che però hanno in media più di mille piccoli mutuati. Viene un dubbio: se oggi si risparmia qualcosa, tagliando sulla medicina scolastica, non è che domani avremo dei costi in più ben maggiori? Disturbi alimentari, disagio sociale, diagnosi ritardate di disturbi dell'apprendimento.

Tags: medicina scolastica


interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf