Civati, la raccolta firme per i referendum è un crescendo rossiniano
Alessandro Giuliani - 25-09-2015
"Siamo alla stretta finale e ad un crescendo rossiniano perché ogni giorno che passa raccogliamo sempre più firme": lo ha detto Pippo Civati, il promotore di otto referendum.
L'ex deputato del Pd ha dichiarato, partecipando ad una manifestazione a Crotone, che "la campagna referendaria" la chiuderà "in Calabria: consiglio di trovare un banchetto anche qui".
"Invito tutti - ha aggiunto Civati - a firmare per decidere. Non si vota per un partito o un personaggio. Basta con questa politica dei pupi, come si dice in una regione qui vicina. Facciamo che ci sia una politica delle cose", ha concluso il leader del movimento "Possibile".
Ricordiamo che per ottenere la possibilità di proporre il referendum ai cittadini italiani, sulle otto norme e riforme varate dal Governo come quella sulla scuola, è indispensabile raccogliere almeno 500mila firme. Per raggiungere questo obiettivo, i sostenitori dell'iniziativa contano di allestire - in questi ultimi giorni di raccolta firme - almeno 1.500 banchetti in tutta Italia.

Da La Tecnica della Scuola
interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf