Sulla scuola non c'è accordo tra governo e sindacati
Internazionale - 13-05-2015
Il personale della scuola (docenti, dirigenti e personale amministrativo) il 12 maggio ha partecipato a un nuovo sciopero convocato dai Cobas, in particolare contro l'inefficacia delle prove Invalsi. Dopo una giornata di colloqui a palazzo Chigi i sindacati hanno definito "insufficienti" le modifiche da parte del governo alla riforma. La Cgil non esclude il blocco degli scrutini

L'ipotesi che i sindacati ostacolino gli scrutini di fine anno scolastico come segno di protesta contro i contenuti del disegno di legge della cosiddetta Buona scuola si fa sempre più concreta. Nella nuova giornata di proteste, l'incontro a palazzo Chigi tra il governo - rappresentato dai ministri Boschi, Madia, Giannini e Delrio e dal sottosegretario alla presidenza del consiglio De Vincenti - e i sindacati si è concluso senza un'intesa. "È ancora come se avessimo la pistola puntata alla tempia" ha sintetizzato il leader della Uil, Carmelo Barbagallo. Nel merito, ha osservato la numero uno della Cgil Susanna Camusso, "non è stata data nessuna risposta alle criticità che abbiamo proposto".

E anche la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, ritiene insufficienti le modifiche introdotte in parlamento. "Se si fossero fatti prima altri incontri con il governo - ha osservato - sicuramente avremmo costruito un percorso più utile per cambiare la scuola". "Restano divergenze forti" è stata costretta ad ammettere il ministro dell'istruzione, Stefania Giannini, che ha ribadito la volontà di dialogo espressa in più occasioni dal presidente del consiglio Matteo Renzi. "Sui punti qualificanti del ddl scuola non faremo passi indietro" ha però avvertito Giannini, definendo "gravissima la strumentalizzazione" dei test Invalsi.
interventi dello stesso autore  discussione chiusa  condividi pdf