Ragazzi non fate gli scemi
Cosimo De Nitto - 19-01-2015
Così su La Stampa il 17/01/2015
"Ragazzi, non fate gli scemi". Sospeso per una settimana.

A parte il fatto che "non fare lo scemo" è un'espressione di uso comune tra le più innocenti che si sentono dire in giro. A parte il fatto che con questa espressione si critica il comportamento non la persona, infatti non si offende qualcuno come se gli si dicesse "tu sei scemo", ma non fare lo scemo, cioè non comportarti come se fossi uno scemo, anzi proprio perché non sei tale cerca di comportarti correttamente. A parte tutto ciò i bambini sarebbero scossi, frustrati, traumatizzati, violentati da un'espressione così? Ma siamo seri per piacere. Vorrei essere dietro le porte domestiche per sentire o vedere cosa dicono o fanno ai bambini questi genitori così choosy e perbenisti, così premurosi per gli equilibri psichici dei propri pargoli. Li vedrei mandati a letto con le preghierine alle nove di sera per non vedere film e programmi televisivi pieni di parolacce, squartamenti, decapitazioni ecc, ecc.? Oppure vedrei sequestrare loro i videogiochi che sono tutti di guerra, in cui si vince se si ammazzano più persone. Ecc.ecc. ?
Sono vere o no le statistiche che denunciano avvenire nelle dolci e care mura domestiche le peggiori e più efferate violenze contro le donne e i bambini?
Ma per piacere.
Tutta la mia solidarietà e vicinanza a quel collega.
E il dirigente infligge un provvedimento disciplinare per un episodio di questo tipo? Ma cosa sono diventati ormai questi dirigenti, il braccio armato dei genitori, di certi genitori? E ai genitori che educano i figli come ho detto sopra cosa fare, quale provvedimento disciplinare infliggere, togliere la patria potestà per incapacità di educare ed esercitare la genitorialità?
Tutta la mia solidarietà a quel collega.
Ma non è finita qui. La cosa che ancora più indigna è che ad una vicenda così squallida si aggiunge il fatto vergognoso che, a quanto risulta, Il maestro è stato sospeso a partire da lunedì 12 e già da lunedì mattina gli alunni della classe sapevano che era stato sospeso! Anzi, il sospetto è che i genitori lo sapessero addirittura da venerdì e cioè da prima che lui ricevesse il provvedimento. Chi ha diffuso la notizia, e perché? Chi teneva così tanto a presentare lo scalpo di quel povero collega su un piatto d'argento avendo preannunciato la notizia come antipasto? Come vogliono ridurre la scuola, ad un tribunale della Santa Inquisizione con gli insegnanti al posto delle streghe?
Questo, ahimè è il triste risultato della squallida campagna contro gli insegnanti e contro la scuola che è iniziata con il centrodestra (Moratti-Gelmini), è proseguita con i tecnici (Profumo-Carrozza). Questa campagna dura ancora oggi nonostante il pifferaio magico e la sua corte faraonica affiggano manifesti pubblicitari elettorali sui quali è scritto: prima di tutto la scuola, ridare dignità agli insegnanti. Se i risultati sono questi, meglio che dicano quello che davvero pensano, almeno ne guadagna la chiarezza e l'onestà politica ed intellettuale.
Il mio pensiero ancora una volta al maestro.
Con che spirito può tornare in classe? Cosa risponderà ai bambini che gli chiederanno:"Ma allora sei stato sospeso perché ci dicevi le parolacce?"

interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf

 FrancoDore    - 25-01-2015
.... di episodi come questo se ne possono riempire le cronache perché il tema è generalizzabile all'intera rete scolastica.
Va evidenziato quindi il nocciolo della questione :
1) come può difendersi legittimamente e con rapida efficacia il docente ?? Il suo diritto di difesa è leso in modo grave.
2) nel caso il docente abbia torto egli subisce la sanzione, ma nel caso opposto emerge con evidenza l'abuso di potere del Dirigente Scolastico evidentemente incapace di assumere un ruolo non di parte. Quale sanzione deve essere comminata allora al Dirigente, posta l'aggravante della evidente perdita di credibilità di tutti gli insegnanti verso i propri alunni ??
Gli errori e mancanze aumentano gravità dell'impatto con l'aumentare delle responsabilità. Se sbaglia il mozzo è un conto, se sbaglia il comandante la nave affonda !!
Che fa il servizio ispettivo ??