breve di cronaca
Per una pace preventiva
Emergency - 28-11-2002

" FUORI L'ITALIA DALLA GUERRA "


Cari amici, come forse saprete, Emergency ha lanciato un appello perchè non si faccia la guerra contro l'Iraq.
"Fuori l'Italia dalla guerra" non è solo uno slogan, ma un obiettivo preciso: tenere il nostro Paese fuori da questa guerra annunciata. Per questo, oggi ci rivolgiamo a voi per chiedervi se siete disposti a stare al nostro fianco per evitare una guerra che, come l'esperienza ci insegna, provocherebbe migliaia di vittime innocenti.
Se qualcuno parla di "guerra preventiva" noi vogliamo invocare e impegnarciper una "Pace preventiva".
E' una scommessa difficile, lo sappiamo, ma possiamo farcela lavorando insieme per il diritto alla vita di migliaia di persone.
Insieme a noi ci sono anche altre associazioni come la Tavola della Pace, la Rete Lilliput e Libera, che condividono lo stesso impegno e riconoscono il valore di ogni vita umana.
Se anche voi decideste di volere la Pace, potreste ad esempio diffondere questa lettera, raccogliere firme, esporre "stracci di Pace".
e in passato ci avete già aiutato a curare le vittime di guerra, ora potete aiutarci ad evitare che un'ennesima guerra provochi altre vittime innocenti.

Il 10 dicembre ricorre l'anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo , il documento a cui noi ci riferiamo per continuare il nostro impegno.
Per quel giorno vogliamo organizzare eventi e segnali di Pace in tutta Italia.
Stiamo infatti organizzando una fiaccolata in tutte le città dove siamo presenti.
Sarebbe un segno importante che tutte le persone che non vogliono la guerra, la sera del 10 dicembre, dalle 18 in poi, accendessero un lume su ciascuna finestra.
Una luce di speranza che dichiari l'urgenza della Pace per tutti.
Vi preghiamo di segnalare a più persone possibili queste iniziative.





"...rido di me, rido del tempo che passa,
di questo vento che si ferma a giocare,
così ridendo guardo il mondo ad occhi chiusi,
ridere è l'arma sai, che accomuna gli esclusi.
E questo gioco lo regalerò ai miei figli,
che lo conservino per tutte le battaglie,
contro ogni freddo, ogni pioggia, ogni ghiaccio
rido e così, a modo mio, ti abbraccio.
E rideremo di quanti amori hanno sconfitto i nostri cuori,
e rideremo di quanti affanni rideremo in faccia agli anni..."
Teresa De Sio
discussione chiusa  condividi pdf