Mister Obama, ho una nuova maggioranza...
Giuseppe Aragno - 28-05-2011
Bocce ferme. Dopo risse, aggressioni e concerti, tacciono finalmente i candidati, ma il rantolo della politica vive nel delirio di Berlusconi: "Mister Obama, ho una nuova maggioranza". Dietro le luci psichedeliche, due liberismi a confronto; a Milano Pisapia, un ex comunista, si volge ai "moderati" e una sinistra tutta belle maniere e società civile promette di sterilizzare il conflitto e ripristinare le regole del gioco. A Napoli, la voglia di riscatto si affida a De Magistris, un magistrato messo fuori dalla magistratura, una sorta di "perseguitato politico" che fa da argine allo strapotere della criminalità organizzata, ma non va oltre le cicliche e storicamente sterili "campagne morali" d'una borghesia sorpresa dalla sua stessa miseria morale. A completare il quadro, le bandiere rosse, che non hanno scelta, dopo la storica Caporetto della sinistra alternativa, si schierano a mezz'asta sul terreno del liberismo progressista.

Se questo è al momento il terreno dello scontro, ben venga la disfatta della destra reazionaria e golpista. Il "popolo sovrano", fonte della legittimità del potere, s'è diviso e frantumato nell'illusione del "benessere" che ha superato gli antichi confini delle classi. Qui la vittoria della società industriale avanzata è innegabile, tuttavia, sotto la calma paludosa che rassicura i grandi gruppi di potere, qualcosa si muove e sfugge alla lettura "classica" borghese. E' un terremoto che ricorda Marcuse e il suo "sostrato dei reietti e degli stranieri, degli sfruttati e dei perseguitati di altre razze e di altri colori, dei disoccupati e degli inabili".

Si fa un gran parlare di democrazia. C'è chi la colora di ciclamini e chi l'utilizza per far la guerra, ma un dato su cui riflettere si coglie: mentre la crisi blocca l'ascensore sociale, più il tempo passa, più cresce la massa dei disperati che rimane fuori dal processo della "democrazia" e più si moltiplicano i segni di aperta insofferenza per l'inganno liberista. La politica si perde tra il Pil e gli indici economici e predica il contenimento della spesa, ma la vita, che si spende tutta in una volta sola, si rifiuta di spegnersi nelle astratte ragioni di burocrati e ragionieri. E qui il corto circuito può accendere l'incendio.

Non è questione di regole, riformismo o conservazione. E' che le intollerabili ragioni dell'economia di mercato cozzano contro quelle insopprimibili della volontà di vivere, sicché le piazze che si riempiono di giovani si collocano fuori dal sistema e da fuori lo attaccano perché lo sentono nemico. Forse i giovani non ne hanno ancora una coscienza chiara, ma la loro opposizione è di fatto rivoluzionaria. E torna in mente Marcuse con la sua "forza elementare che viola le regole del gioco e così facendo mostra che è un gioco truccato". Quando masse di sfruttati levano la bandiera dei diritti violati, si raccolgono repentine in strada e occupano la piazza senza armi, sapendo di rischiare lo scontro fisico, l'assalto delle forze dell'ordine addestrate a reprimere, la galera, l'internamento e forse la morte, c'è qualcosa che si muove nel profondo del corpo sociale.

Nessuno conosce il futuro e dallo scontro che s'annunzia potrebbe anche nascere una barbarie che spezzi il percorso della pretesa civiltà occidentale. Tuttavia, quando una genrazione non si riconose nel gioco e non si piega alla violenza legalizzata dello Stato, nulla proibisce di pensare che barbaro oltre misura sia diventato il potere e la spinta al cambiamento delinei, invece, il quadro d'un crollo che ha dalla sua le ragioni della storia. E' già accaduto e grandi imperi sono caduti quando gli estremi si sono toccati, saldando la forza degli sfruttati alla lucida protesta della avanguardie prodotte dalla coscienza dei diritti negati. E' accaduto, quando l'impossibilità del riscatto sociale s'è incontrata con la consapevolezza dell'arretramento civile e l'utopia, che muove la storia, ha trasformato in coscienza rivoluzionaria un generico desiderio di cambiamento. Non aveva torto Marx: "il vero regno della libertà [...] può fiorire soltanto sulle basi del regno della necessità".
interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf