La condizione crudele
Francesco Di Lorenzo - 11-05-2011
Dallo Speciale Notizie dal fronte



È veramente singolare quello che succede. La Confindustria si lamenta che la tanto attesa - ed epocale (per il ministro) - riforma degli istituti tecnici e professionali, non ha dato neanche uno dei frutti sperati. Infatti, dice Gianfelice Rocca, responsabile degli industriali per l'educazione, che il 'made in Italy' sta miseramente fallendo e non si vede all'orizzonte una nuova cultura del lavoro e dell'industria. Allora, sapete cosa propone? Di liberare il merito. Che non si capisce bene cosa sia. (Solo al ministero sembra che sappiano di cosa si parla. Tuttavia anche loro, alla fine, oltre a qualche discorso buttato lì, non hanno le idee così chiare).
Ma ancora, il vicepresidente di Confindustria, si lamenta che i giovani talenti italiani non optano per le scuole tecniche e professionali, preferendo invece i licei. Come se la colpa di ciò non fosse proprio della riforma epocale. Anzi, il vicepresidente afferma il contrario. Dice, cioè, che la riforma da sola non basta e ci vuole un nuovo modo di pensare.
Non gli passa per la mente (non pensa) che depotenziando tali istituti, togliendo ore di laboratorio e ore di cultura generale, si va in senso contrario a quello che si propone? E che il merito non lo si costruisce a tavolino. Fare una buona scuola tecnica e professionale con caratteristiche e finalità precise, è già indice di qualità. E questo, per ora, non è stato fatto. Non gli balena l'idea che se gli istituti tecnici e i professionali non vengono scelti, non ci sono scuse, c'è qualcosa di profondo e di grave che non va?
Siamo in questa situazione, purtroppo. Senza uscite visibili e con prospettive assolutamente pari a zero. Il problema, alla fine, è capire se dopo tutti questi danni, si riuscirà a risalire la china. Se riusciremo a porre rimedio a tanta dissennatezza, a tanta chiusura, a tanta miopia.

Ultima notizia. Acli, Movimento cristiani lavoratori di Roma e Cisl, faranno "una veglia di preghiera per i nostri giovani, per le famiglie e per quanti soffrono del disagio e della precarietà che in questi tempi di crisi stiamo attraversando". Con un pensiero particolare rivolto ai precari della scuola. Per i credenti servirà. Per tutti gli altri forse meno. Se non che, in tempi come questi, anche solo mantener vivo il ricordo di una condizione crudele, serve comunque.

interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf