tam tam |  libri  |
Un viaggio e un incontro
Vincenzo Andraous - 29-10-2002
UN VIAGGIO non Ŕ la risposta ai cumuli di alienazione che schiacciano le urgenze dell anima. ╚ il tentativo di mostrare che, anche in una cella, esiste la condizione uomo (pur disperata, rotta e lacerata).

Un viaggio Ŕ il percorso scosceso dove gli occhi appaiono spogliati innanzi all' ultima volontÓ di un perdono. In quel passo indietro che significa ad-venire ad una consapevolezza interiore che Ŕ la conseguenza di una presa di coscienza (anche all' interno di un carcere), per costruire una nuova cultura di responsabilitÓ, con atteggiamenti che spingono alla fiducia, al superamento, anzi all' annullamento, delle pratiche criminali.

Non solo la societÓ, ma io, noi, dal di dentro, dobbiamo trovare la capacitÓ e l' incisivitÓ per
perseguire nuove punteggiature di risocializzazione e, soprattutto, di riparazione.

Giovani, carcere, comunitÓ, sono passaggi che indicano un disagio grave il quale chiede di edificare una comunitÓ nuova, in cui la persona diventa
consapevole della propria azione morale che Ŕ decisione, scelta del suo intimo e risposta ad un problema di cui, finalmente, si sente parte.

Una comunitÓ nuova dove impegnarsi in prima persona: senza eccessi nÚ comodi rifugi. Ognuno deve assumere la propria parte, secondo le proprie
capacitÓ e possibilitÓ, senza ridurre la solidarietÓ a buoni sentimenti (apprezzabili ma sterili se non divengono azioni e opere, atti vissuti e convissuti con gli altri).

Non Ŕ facile riuscire a vedere pi¨ in lÓ delle miserie che ci portiamo addosso: Ŕ necessario smetterla di commiserarsi, di rimpiangere il passato e cercare di arrivare a Dio attraverso scorciatoie. Forse Dio Ŕ giÓ qui, ora, in questa vita che non occorre affrontare come una sfida da vincere a tutti i costi, calpestando e schiacciando chi cade affaticato.



discussione chiusa  condividi pdf