Buon Natale
Marino Bocchi - 22-12-2000
Se i bambini sognano di regalare alla loro mamma perle di diamanti o un lifting per farla diventare bella come Raffaella Carra’, secondo quanto afferma un sondaggio realizzato da Mamma it., le bambine, se fossero per un giorno “la bella addormentata nel bosco”, vorrebbero essere svegliate da un bacio dei Lunapop, che cantano “Un giorno migliore” (testo e musica di Cesare Cremonini), in cui, lui e lei, “soli eppure in mezzo alla gente”, si riscaldano degustando una “Benson and Hedges” . A quanto pare, il desiderio di futuro dei giovanissimi si limita a una buona sigaretta.
Babbo Natale, nel frattempo, si e’ trasferito sul web e riceve letterine telematiche, come quella spedita al sito Secretwish da Jeni Bimbaum, tredicenne di Bethesda, in Maryland, che vorrebbe avere in regalo un paio di scarpe Adidas, modello A!200. Il babbo natalizio ha lasciato le renne e si e’ riconvertito in un server, nulla cambia in sostanza, sempre di servizio di consegna si tratta anche se mutuato dalle leggi della new economy. E difatti Jeni ricevera’ le sue Adidas, previo invio di fattura ai genitori.. "È un grande aiuto - ha commentato sua madre Rise Birnbaum - perché non avevo idea di cosa volesse quest'anno: è così difficile starle dietro". Un vecchio arnese come Pier Paolo Pisolini avrebbe assunto il solito tono da Cassandra per dire che siamo di fronte a una mutazione antropologica.
E se poi qualcuno non ci sta, si ribella, non studia a casa, marina la scuola, fuma uno spinello con gli amici, frequenta magari un centro sociale, si comporta in modo distratto e irrequieto, niente paura: per fargli ritrovare la concentrazione, e’ in arrivo dagli States il videogames "Attention Trainer", letteralmente "educatore dell'attenzione". Il bambino mette in testa un elmetto di plastica gialla, collegato con alcuni sensori che misurano le sue onde cerebrali e trasmettono questi segnali a un apposito ricevitore inserito nel PC. Il software li analizza e il gioco risponde a seconda di quanto il bambino si sta concentrando (notizia tratta da Repubblica.it). Le mamme sono entusiaste: "E' successa una cosa che non credevo possibile - dice Monica Barry - mio figlio ha imparato a concentrarsi".
“Dato il livello di competizione della società di oggi - recita la parte del sito di Attention dedicata alla ricerca - la capacità di migliorare al massimo la risposta della mente e del corpo può essere un mezzo di grandissimo valore” (stessa fonte).
Insomma, se proprio in questi giorni di Natale volete fare ascoltare ai vostri figli il Discorso della Montagna cercate almeno di farli arrivare per primi. E vinca il migliore.

interventi dello stesso autorediscussione chiusa  condividi pdf