breve di cronaca
Piazza della Pace
Nigrizia - 03-10-2002
Pax Christi sulla piazza di Bolzano ribattezzata

In un comunicato Pax Christi esprime sostegno al sindaco di Bolzano per la decisione di ribattezzare la contestata piazza della Vittoria. Il nuovo nome, "piazza della Pace", è al centro di una battaglia politica che vedrà domenica prossima un referendum per cambiare nuovamente il nome della piazza.

Il Consiglio nazionale di Pax Christi esprime tutto il suo sostegno alla decisione del sindaco di Bolzano, Giovanni Salghetti Drioli e alla sua giunta, di cambiare il nome della piazza tanto contesa passando da Vittoria a Pace. Ci sembra un atto di apertura ad un orizzonte di convivialità delle differenze, come direbbe don Tonino Bello, oltreché un messaggio di armonia in un momento storico che vive nel terrore della guerra preventiva e permanente.

Sappiamo bene cosa significa quella piazza per i cittadini di lingua tedesca dell'Alto Adige, che hanno vissuto il dramma della "sconfitta" nella grande guerra e la perdita del territorio. E poi, ancora, sotto il nazifascismo, hanno dovuto subire la pressione dell'Italia da una parte con l'arroganza di un sistema che avrebbe voluto togliere i vincoli culturali e linguistici delle popolazioni sudtirolesi e dall'altra con la prepotenza aggressiva del Terzo Reich che rivendicava spazi per il suo folle progetto di costruire una Grande Germania (pensiamo quali lacerazioni produsse l'accordo di Berlino del '39 con le relative opzioni).

Per troppo tempo il nome della Vittoria ha diviso le popolazioni dell'Alto Adige-Sudtirolo tant'è che quella piazza venne conosciuta in tutto il mondo come la piazza dello scontro etnico fra italiani e tedeschi, e il monumento come il simbolo dell'italianità antagonista al mondo tedesco (la scritta latina ne è la testimonianza) E dunque bene ha fatto il sindaco Salghetti a mettere fine ad un periodo così lungo di divisione per trovare una parola (Pace) che sintetizzi gli sforzi di quanti, in Alto Adige, hanno lavorato con passione e speranza affinché si aprisse un capitolo nuovo nella storia della terra "laboratorio di convivenza".

La testimonianza degli obiettori al nazismo Josef Mayr-Nusser e Franz Thaler, la passione civile di Alexander Langer, gli sforzi politici di tutti coloro che hanno voluto ricucire vecchi rancori e vecchie lacerazioni, sono sintetizzati in questo passaggio dalla Vittoria alla Pace. Tanto più oggi, all'inizio del terzo millennio, in un mondo in cui l'interazione fra i gruppi umani è sempre più la regola della vita, superare un concetto come "Vittoria" rappresenta una conquista culturale importante per tutta la comunità europea. A questo proposito ci sembrano davvero fuori luogo le dichiarazioni di quanti da una parte esaltano la novità Europa unita e dall'altra premono su antichi "valori" della nostra storia passata. Come cristiani, dunque, e come uomini di pace ci sentiamo in dovere di invitare i cittadini di Bolzano a dare concretamente un segno di pace il prossimo 6 ottobre, giorno del referendum sulla piazza, affinché davvero non vincano battaglie di retroguardia culturale e politica, ma avanzi la convivenza e l'armonia fra le differenze che rende così ricco e interessante l'Alto Adige-Sudtirolo.


discussione chiusa  condividi pdf